Incontro formativo su “Carcinosi peritoneale: stato dell’arte e prospettive future”

Vanni Agnoletti e Fausto Catena

Lo scorso 4 ottobre presso l’Aula ex Macello di Cesena (via Mulini, 23) si è svolto l’incontro formativo sul tema “Carcinosi peritoneale: stato dell’arte e prospettive future”, promosso dall’unità operativa di Ser.In.Ar. CREAS (Centro di Ricerche Studi nell’ambito dei Sistemi Sanitari), unitamente all’AUSL Romagna, con il patrocinio della Società Polispecialistica Italiana dei Giovani Chirurghi e la sponsorizzazione dell’azienda Rand.

L’evento, riservato a medici e specialisti sanitari, ha posto l’attenzione sulla carcinosi peritoneale, ovvero la diffusione di un tumore dall’organo di origine al peritoneo, la membrana sierosa che riveste internamente la cavità addominale.

“Questo tipo di patologia – spiega il prof. Fausto Catena, direttore dell’U.O. Chirurgia generale e d’urgenza del Bufalini di Cesena e vice-presidente di CREAS (nella foto con Vanni Agnoletti, presidente di CREAS) – fino a qualche tempo fa era considerata inguaribile. Oggi in centri sanitari di alta specializzazione, fra cui gli ospedali di Forlì e Cesena dell’AUSL Romagna, sono possibili procedure, tramite le quali si asporta il peritoneo e si perfonde l’addome mediante chemioterapie ad alta temperatura (42°). Tramite l’intervento chirurgico, quindi, si asportano le grosse masse neoplastiche, mentre con la chemio intraoperatoria si sterilizza l’addome per eliminare eventuali cellule tumorali, che, riproducendosi, potrebbero riproporre la malattia. Si tratta, quindi, di un’innovazione che interessa diversi tipi di tumore che possono colpire il peritoneo, quali quelli alle ovaie, allo stomaco e al colon e che apre interessantissimi scenari, in termini di possibilità di guarigione dei pazienti”.

L’incontro ha rappresentato, quindi, un momento di formazione su questi aspetti proposto dai migliori specialisti dell’AUSL Romagna, unitamente al prof. Daniele Marelli, chirurgo e docente all’Università di Siena e rivolto a specializzandi, neo specialisti e dirigenti medici del comparto.

Commenta con Facebook
Avatar photo

Gigi Mattarelli

Gigi Mattarelli è legale rappresentante dell'agenzia di pubblicità Grafikamente, oltre che giornalista pubblicista da circa 30 anni, con una predilezione spiccata per la comunicazione sociale. E' direttore responsabile della rivista "Percorsi Solidali" edita dalla stessa Grafikamente, che da quasi 10 anni racconta storie di volontariato, cooperazione e associazionismo locale. Nel tempo libero dà sfogo alle sue grandi passioni, ovvero la bicicletta, il tifo per l'Inter e la venerazione per un gruppo musicale "cult" italiano, i Nomadi. E' autore dei volumi "C'era un volta un re bisre, bisconte, binè..." che ricorda la figura di don Amedeo Pasini, "Forlì&dintorni su due ruote" (ovvero 20 percorsi in biciletta alla scoperta della Romagna). "Il ruggito del Leone" (dialoghi con Romano Baccarini) e "Un sorriso contagioso" (che racconta la storia di LUca Berardi, atleta forlivese campione di nuoto e sci nordico) 

Dialoga con l'autore di questo post