Bagno di Romagna diventa una book valley

Nel fine settimana settima edizione di di Fuori conTesto

Torna a Bagno di Romagna, per la sua settima edizione, “Fuori conTesto”, il festival letterario e culturale che per l’occasione trasformerà il territorio dell’alta Valle del Savio in una vera e propria “book valley”. Le vie, le piazze e gli scorci più caratteristici del Comune faranno da sfondo a presentazioni di libri, performance teatrali, esibizioni musicali e ogni altro tipo di attività culturale o ricreativa.

Sarà, come d’abitudine, una festa della lettura a cielo aperto che coinvolgerà scrittori, blogger, giornalisti, studiosi e autori di fama nazionale e internazionale. Numerosi eventi diffusi tra Bagno di Romagna e San Piero in Bagno, nel cuore della “Romagna toscana” e del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi dove il sapere delle parole si combinerà con i sapori di un territorio ricco di storia, tradizioni e profumi.

Nell’autunno intenso dell’appennino tosco-romagnolo ritorna un evento di fondamentale rilevanza per la promozione e lo sviluppo culturale dell’intera comunità. Anche per questo motivo, con la collaborazione delle principali istituzioni, associazioni e strutture ricettive del territorio, il festival letterario “Fuori conTesto” si conferma appuntamento importante nella programmazione turistica del Comune di Bagno di Romagna, in grado di intercettare un pubblico vasto e variegato di visitatori.

Il festival nasce sotto l’egida del Centro Studi Valgimigliani e dall’idea di Deborah Mosconi, Roberto Greggi, Enrico Spighi e Marco Valbruzzi, i quali hanno potuto contare sul sostegno e sull’attiva collaborazione di molte altre persone, associazioni, fondazioni e strutture culturali o economiche che hanno reso possibile l’organizzazione di un simile evento offerto gratuitamente al pubblico. “Fuori conTesto” non è solo un festival; è una sfida e una scommessa per un territorio che vuole dimostrarsi all’altezza delle principali città e dei grandi centri culturali, soprattutto in questa fase complicata prodotta dalla pandemia in corso. Tutti coloro che condividono questo sogno sono benvenuti a Bagno di Romagna, dal 7 al 9 ottobre, per scrivere assieme una piccola pagina di storia. 

Eventi del festival “Fuori conTesto”

Numerosi saranno gli ospiti e gli autori che quest’anno daranno vita a dei salotti culturali pubblici, dove “il mondo del libro” incontrerà il “mondo del lettore”. Si comincerà venerdì 7 ottobre, alle ore 18, presso lo storico salottino del Ristorante del Ponte, con la presentazione – in dialogo con Alessio Boattini dell’Università di Bologna – della raccolta di racconti di Francesca Ammoniaci: “I racconti dell’Albergo del Ponte”.

Alle 19, presso la piazzetta Don Virgilio Resi, si terrà un evento tutto da gustare in compagnia della ricercatrice, ambientalista e forager, Valeria Margherita Mosca, in serrato dialogo con lo chef stellato Gianluca Gorini. Andranno insieme alla scoperta di un mondo affascinante quanto accessibile, quello che all’interno dei nostri cortili, giardini o parchi, ci offre una grande varietà di ingredienti per arricchire le nostre tavole in modo salutare e sostenibile.

La serata del venerdì si concluderà con un evento per gli appassionati di storia (e non solo). Infatti, alle ore 21, presso la splendida sala di Palazzo Pesarini, lo storico dell’Università Ca’ Foscari, Simon Levis Sullam, presenterà – assieme a Marino Biondi (Università di Firenze) e Marco Valbruzzi (Università di Napoli Federico II) – il suo libro “I fantasmi del fascismo” (Feltrinelli): una riflessione che parte da lontano, da una storia che ha ormai un secolo di vita, ma le cui ombre arrivano fino ai nostri giorni. L’evento, moderata da Mirta Barchi, è organizzato in collaborazione con l’Anpi Alto Savio.

Il sabato 9 ottobre è riservato a quattro eventi dal grande valore sociale e culturale. Al mattino, presso la Biblioteca comunale “Walter Toni” si terrà un evento dedicato alle ragazze e ai ragazzi della Scuola primaria “M. Valgimigli”, con laboratori e letture condotti da Milena Crociani (Compagnia Teatro di Latta). Questo progetto di educazione alla lettura è curato da Deborah Mosconi con la collaborazione delle volontarie del progetto “Leggo per te” – Biblioteca diffusa e del Liceo Scientifico “A. Righi” di Bagno di Romagna.

Il sabato pomeriggio, alle ore 16.30, il festival si sposterà nel cortile interno del Palazzo del Capitano per un evento dedicato a grandi e piccini, realizzato in collaborazione con l’Associazione Il Faro di Corzano. Simonetta Lambertini, in dialogo con Enrica Lazzari (Assessore alla cultura del Comune di Bagno di Romagna) e Deborah Mosconi, presenterà il suo libro “Farmastrocche – Cassetta di primo intervento per bambini”: una raccolta di filastrocche medicamentose illustrate e dotate ognuna di un suo “bugiardino”, in cui parole, voce e ritmo si mescolano per escogitare infallibili rimedi di guarigione. L’evento sarà accompagnato delle letture di Valdina Vicchi, mentre tutte le tavole originali, illustrate dall’autrice del libro, saranno in mostra nella sala conferenza di Palazzo del Capitano.

Sempre il sabato, alle ore 18 (cortile di Palazzo del Capitano), il festival proseguirà con la presentazione del romanzo dello scrittore grigionese Andrea Paganini: “Le indagini imperfette” (Rubbettino). Con questo appuntamento, al quale prenderanno parte Roberto Greggi e Marino Biondi, si inaugura la collaborazione tra Fuori conTesto e la Pro Helvetia, l’istituzione del Ministero della Cultura svizzero che si occupa della promozione internazionale delle arti e della letteratura elvetiche.

Il sabato sera, alle ore 21, i riflettori si sposteranno a Teatro Garibaldi per l’assegnazione del prestigioso “Premio Manara Valgimigli” al professor Rosario Pintaudi dell’Università di Firenze: studioso di fama internazionale e tra i più autorevoli papirologi in ambito europeo. La conversazione sarà l’occasione per fare luce su di una disciplina storica fondamentale per conoscere il mondo antico e continuare a illuminare quello presente.

Il festival riprenderà domenica 9 ottobre, alle ore 17, a Bagno di Romagna (Cortile di Palazzo del Capitano) con la presentazione dell’ultimo volume realizzato dal Centro studi valgimigliani in collaborazione con la casa editrice Lindau, che raccoglie tutti gli scritti di Valgimigli ispirati dalla sua passione e dal suo amore per la montagna: “La strada, la bisaccia e la pipa. Scritti di montagna di Manara Valgimigli”. Curatore da Roberto Greggi e con una ricca prefazione di Marino Biondi, il volume offrirà l’occasione per una riflessione sull’importanza della montagna (per Valgimigli e non solo), assieme al direttore editoriale di Lindau, Ezio Quarantelli, e a Marco Valbruzzi.

Alle ore 20, il festival si concluderà con un appuntamento (al Teatro Garibaldi di S. Piero in Bagno) interamente dedicato agli amanti del cinema, della musica e della storia locale, con la presentazione e poi la proiezione (alle 21.30) del film di Paul Meyer “Già vola il fiore magro” (1990), che racconta la dura vita degli emigrati, italiani soprattutto, nelle miniere di carbone, non piacque al governo belga di allora. Tra i suoi protagonisti un cittadino di Bagno di Romagna, Domenico Mescolini, il cui figlio, Pino, racconterà quella storia insieme a Marino Biondi e Roberto Greggi. Al duo musicale Orchestrion, composto da Marco Bartolini e Ilo Ciccio, è affidato invece il compito di riprodurre le atmosfere del film attraverso l’esecuzione di alcuni brani che richiamano la storia dell’emigrazione italiana.

Commenta con Facebook
Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post