Aleksandra Miteva alla Pallavicini22

Lo spazio espositivo

RAVENNA. Venerdì 30 settembre alle ore 16 presso lo spazio espositivo Pallavicini22 Art Gallery in viale Giorgio Pallavicini 22 , si inaugura “Assenza”, una personale di Aleksandra Miteva a cura di Claudia Agrioli e Luca Maggio, che rimarrà allestita fino a domenica 2 ottobre e sarà aperta al pubblico dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 20.

La mostra, organizzata da CARP APS per la città in collaborazione con lo Spazio Espositivo PALLAVICINI 22 Art Gallery e con l’Archivio Collezione Ghigi-Pagnani, è inserita nel programma della Farini Social Week 2022.

La mostra

Con l’esposizione di queste sue opere pittoriche, Aleksandra Miteva compie il superamento della formazione classica acquisita presso il liceo artistico di Skopje in Macedonia, mettendo a frutto quanto ha potuto sperimentare presso l’Accademia di Belle Arti di Ravenna, esperienza che l’ha condotta a una originale crescita sia in termini personali che professionali.

La sua ricerca quasi informale consiste nell’esplorazione della natura del sentimento dell’assenza, laddove il concreto perde ogni sua forma.

Attraverso gesti forti e calibrati, l’artista plasma la superficie della tela immergendosi interamente in questa, in comunione e unità con essa e con i colori così intensamente vissuti. In questo modo, da questi suoi dipinti emerge un contrasto acceso fra il materico e la leggerezza del supporto.

In alcuni quadri gioca creando una nuova pelle alla tela, usando miscele di terra, sabbia e segatura e al contempo, in altri, è come se sfidasse la leggerezza della garza, accostando un colore denso a uno più liquido e semitrasparente.  Le sue pennellate, espressivamente pungenti e nello stesso tempo controllate, suscitano abilmente quel sentimento di mancanza – l’assenza evocata sin dal titolo di questa mostra – che non va associato solo a una persona, ma può essere anche mancanza di un certo stato d’animo o di un luogo.

“Un dipinto non è un’immagine di un’esperienza; è un’esperienza.” Mark Rothko

Commenta con Facebook

Dialoga con l'autore di questo post