Assolto il mito di Ulisse

Processo a San Mauro Pascoli. Maggioranza importante, ma non schiacciante

SAN MAURO PASCOLI – Il mito di Ulisse è salvo. Il verdetto arriva dal “Tribunale popolare” di San Mauro Pascoli che lo assolve con 375 voti, superando ampiamente quelli della condanna (226). Al presidente del Tribunale, Miro Gori, non è restato che certificare l’esito del voto, in una cornice di pubblico tornata ai livelli pre-Covid con oltre settecento partecipanti muniti di paletta.

Ad aprire la serata il presidente di Sammauroindustria, Daniele Gasperini, associazione che da 22 anni organizza l’evento. A seguire i due contendenti: l’accusa di Mauro Bonazzi, professore ordinario di storia della filosofia antica e medievale a Utrecht, la difesa del grecista Giulio Guidorizzi.

L’accusa. Bonazzi ha demolito il mito di Ulisse, “primo tra tutti gli eroi a non essere stato capace di salvare i suoi compagni di viaggio”. Sul personaggio omerico c’è stata “un’opera di mistificazione che ha deformato la storia, fatta di dettagli sapientemente taciuti”. L’esempio più eclatante è la celebre vicenda di Polifemo: “è una situazione palesemente pericolosa, i suoi dodici compagni gli dicono di fuggire, Ulisse incuriosito non li ascolta. Sarà l’unico errore che ammetterà, un errore che costerà la vita di sei persone”. Sul viaggio: “Dura dieci anni quando sarebbero bastati quindici giorni. Ma soprattutto come si fa chiamare eroe colui che parte con duecento soldati e torna solo!”.

Sul ritorno a Itaca: “c’è stata una mattanza verso i Proci, che erano divisi sul da farsi e fino a quel momento non avevano esercitato alcuna violenza. Ulisse li massacrerà tutti con una aggressività inaudita, come una resa dei conti da clan mafioso, perché incarna i nostri istinti peggiori”.

E l’Ulisse mito della conoscenza dove nasce? “È frutto della fantasia di Dante, la cui fonte non è Omero ma la filosofia di Aristotele”.

Nel finale: “Mi rendo conto che non è facile liberarsi dei pregiudizi, ma è giunto il momento di dire no a questi cantori e modelli di egoismo. So che il tribunale di San Mauro ha una tradizione generosa con due sole condanne, è giunto il momento di applicare il detto del non c’è due senza tre”.

La difesa. Difesa a tutto campo quella di Giulio Guidorizzi. “Ulisse è il primo personaggio della nostra civiltà che è uomo; prima di lui c’erano solo eroi e re proiettati nell’affermazione della loro personalità. Ulisse, al contrario, si mette al servizio degli altri”. Il grecista allarga poi lo sguardo. “Non difendo Ulisse ma tutti noi, perché rappresenta l’umanità occidentale come si è costituita millenni fa. Se noi oggi siamo così lo dobbiamo a Ulisse”.

Sulla guerra. “Ulisse è costretto ad andare a Troia. È intelligente e per questo gli vengono affidati i compiti più difficili. La genialata del Cavallo la fa finire prima. Una volta terminata non chiede onori, perché non è un egoista assetato di potere”.

Guidorizzi ribatte sulla teoria dell’abbandono dei compagni di viaggio. “Non è vero che li lascia soli, è la loro stoltezza a portarli alla morte. L’esempio è la vicenda di Eolo, il dio dei venti. Ulisse lo seduce, Eolo in un otre gli regala i venti. I suoi compagni pensano ci sia dentro dell’oro, la aprono e scatenano i venti”.

Sulla vicenda di Calipso. “Lei gli promette l’immortalità, la vittoria sull’angoscia del tempo. Ebbene, Ulisse dice no a un’offerta simile, riaffermando il suo essere umano. Quanti di voi farebbero una scelta simile davanti a una proposta di questo tipo?”.

Sui Proci. “La sua è stata legittima difesa davanti a persone che volevano uccidere moglie e figlio”.

In chiusura. “Ulisse in tutta la sua vita ha cercato la conoscenza. Senza di lui cosa sarebbe stata l’umanità? Ha dimostrato che tra la forza e la ragione è la seconda che vince. Vi chiedo di assolvere Ulisse, perché così facendo assolverete tutti noi”.

Commenta con Facebook
Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post