Giorno di festa dedicato al rifugiato

Intervento di Maria Elena Baredi

di Maria Elena Baredi

In prossimità della Giornata mondiale del Rifugiato proponiamo un giorno di festa e di incontro con la comunità locale che si svilupperà attraverso le arti ma anche con momenti di riflessione e di racconto. Mettere al centro la persona significa condannare le guerre e tutti i gravi eventi che costringono intere famiglie a fuggire dalla propria casa con la speranza di tornarci presto. Nel corso di questi mesi, solo a Forlì e Cesena abbiamo accolto 1628 persone arrivate dall’Ucraina. Moltissimi sono minori che grazie all’opera quotidiana dei mediatori linguistici e dei volontari hanno potuto ricominciare a studiare e a stringere relazioni. Cesena sarà sempre una città pronta ad accogliere chi vive in difficoltà ma per farlo abbiamo bisogno di capire, approfondire e incontrare. Il 22 giugno lo faremo.

*presidente dell’Azienda pubblica di Servizi alla Persona del distretto Cesena Valle Savio

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post