Una bella idea

Un hub di comunità a Borello, primo passo verso il decentramento

CESENA. Iniziativa interessante: un presidio a servizio della comunità e che generi coesione e partecipazione cittadina. Presto a Borello prenderà avvio l’esperienza dell’hub di Comunità, una struttura a servizio dei cittadini residenti del Quartiere ma anche di tutti coloro che vivono nel territorio circostante e nel Comune di Mercato Saraceno. E’ una nuova realtà messa a disposizione della collettività e che troverà spazio nell’immobile di Piazza San Pietro in Solferino 465. 

“Abbiamo individuato questa struttura trovandosi in una posizione strategica ed essendo vicina a tutti gli altri servizi utili alla comunità. Questo presidio si presenterà come un vero e proprio servizio di prossimità in grado di raggiungere i cittadini praticamente a casa. Tutti coloro che vivono a Borello e nelle piccole frazioni tra i Comuni di Cesena e Mercato Saraceno spesso devono percorrere diversi chilometri per raggiungere i servizi utili al cittadino”. Con questo nuovo, e per il momento sperimentale, servizio – commenta Christian Castorri, assessore con delega ai Quartieri – intendiamo rispondere concretamente a una chiara esigenza manifestata dai residenti di questi territori, così come avvenuto con l’apertura della nuova sezione dell’Asilo di Bora pensata per le famiglie di Borello e di Mercato”. 

Nei locali potranno svolgersi attività di animazione di comunità verso tutte le fasce d’età e di interesse, servizi decentrati quali lo Sportello Facile e Digitale, azioni rivolte alle persone anziane come ad esempio Sportello di Comunità e il Punto Anziani. Inoltre verrà realizzata la prima Biblioteca decentrata della Rete Con.Te.Sto dando avvio a una prima sperimentazione di spazio coworking rivolto a professionisti, imprese, enti e istituzioni pubbliche. Si dovrà dare prevalenza a spazi polifunzionali, in grado di rispondere alle diverse esigenze in modo da favorirne un utilizzo condiviso e congiunto, non esclusivo, per quanto possibile”. 

L’iniziativa è importante perché è un passo importante verso quel decentramento che è fondamentale per garantire la qualità della vita delle persone, ma anche per decongestionare il centro di Cesena che non ha il problema dei parcheggi, bensì quello dell’alta densità di traffico: Cesena ha uno dei centri storici più piccoli d’Italia, ma nel Comune ci sono un numero di vetture molto superiore alla media. Per evitare gli ingolfamenti quindi serve evitare la concentrazione di servizi nel centro storico. Perciò iniziative come quelle di Borello non solo vanno benissimo, ma devono essere esportate in altre zone. Se fosse fatto, unitamente al trasloco dell’ospedale, in poco più di un lustro Cesena e il suo centro avrebbero un volto diverso. 

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post