Rocca delle Caminate: sabato 12 giugno finalmente la riapertura

Finalmente Rocca delle Caminate riapre al pubblico, dopo il lungo periodo di chiusura dovuto all’emergenza Covid, che ha ridotto l’accesso al castello, nel 2020, ai soli mesi estivi (da luglio all’inizio di ottobre).

Attualmente, quindi, viste le disposizioni governative che sanciscono la riapertura di musei e siti culturali, il castello sarà visitabile da sabato 12 giugno nelle consuete giornate, ovvero tutti i sabati e le domeniche. Gli orari di visita sono dalle ore 10,00 alle ore 19,00, con l’ultimo ingresso alle ore 17,30. Per accedere alla Rocca le tariffe sono le seguenti: euro 7,00 (fino a 12 anni ingresso gratuito): i giovani dai 12 ai 18 anni e gli over 65 possono accedere con il biglietto ridotto di euro 5,00, mentre le persone diversamente abili e i loro accompagnatori usufruiscono dell’ingresso gratuito.

Rocca delle Caminate, da qualche anno gestita da Ser.In.Ar. ed è anche sede del Tecnopolo di Forlì-Cesena ed è stata sapientemente ristrutturata grazie a finanziamenti della Regione Emilia Romagna e alla Provincia di Forlì-Cesena, proprietaria della struttura. Il grande progetto di ripristino l’ha restituita nella forma attuale alla comunità locale nel 2016. E’ visitabile dal 2018.

Per tutti coloro che saliranno alla Rocca per la visita è disponibile il percorso culturale composto da 24 pannellature, divise in due parti: la prima racconta la storia millenaria dalle origini, mentre la seconda si sofferma sulle vicende del Novecento. Inoltre è scaricabile gratuitamente da Appstore (IOS) e Google Play (Android) l’APP denominata “Rocca delle Caminate”, ricca di informazioni e immagini al fine di approfondire i contenuti del percorso culturale, che può essere utilizzata anche come audioguida, attivabile tramite QR Code di fronte ad ogni postazione del percorso stesso.

Per chi visiterà la Rocca si richiede fin d’ora il rispetto dei distanziamenti interpersonali e l’utilizzo della mascherina.

Commenta con Facebook

Gigi Mattarelli

Gigi Mattarelli è legale rappresentante dell'agenzia di pubblicità Grafikamente, oltre che giornalista pubblicista da circa 30 anni, con una predilezione spiccata per la comunicazione sociale. E' direttore responsabile della rivista "Percorsi Solidali" edita dalla stessa Grafikamente, che da quasi 10 anni racconta storie di volontariato, cooperazione e associazionismo locale. Nel tempo libero dà sfogo alle sue grandi passioni, ovvero la bicicletta, il tifo per l'Inter e la venerazione per un gruppo musicale "cult" italiano, i Nomadi. E' autore dei volumi "C'era un volta un re bisre, bisconte, binè..." che ricorda la figura di don Amedeo Pasini, "Forlì&dintorni su due ruote" (ovvero 20 percorsi in biciletta alla scoperta della Romagna). "Il ruggito del Leone" (dialoghi con Romano Baccarini) e "Un sorriso contagioso" (che racconta la storia di LUca Berardi, atleta forlivese campione di nuoto e sci nordico) 

Dialoga con l'autore di questo post