Miss, cuoca e amante della normalità

Elena Tassinari, Miss Mamma Italiana Gold Simpatia 2020

CESENA. Originaria di San Giorgio di Cesena, per amore si è trasferita a Castrocaro. Elena Tassinari è madre di due figli: Michelangelo di 19 anni e Francesco di 28. Lo scorso anno ha conquistato la fascia di Miss Mamma Italiana Gold Simpatia.

Elena Tassinari (foto Gloria Teti)

Quando è iniziato il suo legame con il concorso?

“Nel 2019 con le preselezioni. Fu il primo atto di un percorso interessante. Una bella esperienza”.

Dopo cosa è successo?

“Ho fatto la madrina e l’indossatrice sempre nell’ambito del concorso, quindi lo scorso anno le prefinali e le finali”.

In passato aveva avuto esperienze simili?

“Assolutamente no”.

Perché a 50 anni compiuti ha deciso di fare questo passo?

“Per curiosità, ma senza avere particolari aspettative”.

In che senso?

“Il concorso l’ho scoperto vedendo dei filmati in tivù. Mi incuriosì e decisi di iscrivermi. Ero curiosa soprattutto di vedere cosa succede dietro le quinte”.

Nella vita di tutti i giorni di cosa si occupa?

“Sono cuoca, ho realizzato quello che era il mio obiettivo”.

In che senso?

“L’ho sempre desiderato. Per quello ho frequentato l’alberghiero e mi sono formata anche facendo le stagioni al mare”.

Erano dure?

“Molto. Non c’era giorno di riposo. Si lavorava anche quattordici ore al giorno. Molte si ritiravano. Io ho sempre resistito. E’ stata dura, ma mi ha formato”.

Come si fa a resistere?

“Ti aiuta molto la passione”.

Dove ha lavorato?

“Cesenatico e Milano Marittima”.

Poi?

“Ho fatto dei concorsi. Prima sono stata alla casa di riposo Zangheri, adesso sono negli asili nido comunali”.

Cosa servite ai bambini?

“Un menù bilanciato preparato da una professionista. Ci sono molte verdure. Ma non mancano, ad esempio, i passatelli. Puntiamo anche sui colori e sulla forma”.

Torniamo al concorso. Diceva che lo ha preso con leggerezza.

“Sì, sono consapevole di non essere una top model. Sono una mamma appassionata di moda. Lo sono sempre stata. Fra l’altro quando c’è stata la finale avevo preso diversi chili perché si veniva dal periodo di blocco totale”.

Da giovane non ha pensato di fare la modella?

“No, mai. Ero presa dal lavoro e dalla famiglia. Mi sono innamorata presto. Ho conosciuto mio marito quando avevo sedici anni”.

Sogni nel cassetto?

“Essere felice, ma con poco”.

In che senso?

“Vede, il blocco totale dello scorso anno mi ha fatto capire che la normalità è qualcosa di bello. Per vivere sereni e tranquilli c’è bisogno di poco, non serve fare voli pindarici”.

Quel periodo di chiusura cosa le ha lasciato?

“Ho imparato ad apprezzare le piccole cose ed ho capito che si è felici nella quotidianità”.

Hobby?

“La e-bike. Avevo iniziato a fare sport praticando il nordic walking, poi sono passata alla e-bike e ne è nata una passione”.

Perché?

“E’ bellissimo stare in mezzo alla natura. Pensi, ho scoperto tantissimi angoli di Castrocaro che in trent’anni non avevo mai visto. In questo periodo poi è il massimo”.

Per quale motivo?

“E’ bellissimo vedere la natura che si risveglia. Ovunque ti giri vedi un quadro d’autore”.

Le foto sono di Gloria Teti

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post