Una miss in prima linea

Marilena Pesce, Miss Mamma Italiana Evergreen Radiosa

CESENA. Nel 2020 ha indossato la fascia di Miss Mamma Italiana Evergreen Radiosa. Ma non era alla prima esperienza. Quella fra la veneta Marilena Pesce e il concorso di bellezza ideato e gestito da Paolo Teti è un rapporto consolidatosi negli anni.

Da quanto tempo è legata al mondo di Miss Mamma?

“La prima partecipazione risale al 2004”.

Come e perché?

“Fu mia figlia ad iscrivermi. La prima volta non vinsi niente, ma lei mi spinse a continuare. Per fortuna”.

Marilena Pesce

In che senso?

“Non solo perché poi ho ottenuto risultati importanti, ma perché ho trovato un ambiente sano”.

Quando sfila come si comporta? A cosa pensa?

“Il pubblico non mi crea problemi. Sono tranquilla. Mi aiuta anche l’esperienza che ho accumulato”.

Che donna è?

“Sono semplice. Mi tengo le mie rughe e i chili di troppo”.

E’ una critica indiretta alla chirurgia estetica?

“Assolutamente no. Ognuno è libero di fare quello che vuole. Io però ho un’altra filosofia”.

Qual è?

“La semplicità. Mi hanno insegnato che un sorriso vale più di una medicina”.

Dove lo ha imparato?

“Nel lavoro, sono un’operatrice sanitaria”.

Quindi questo periodo non è stato facile?

“Assolutamente no. Accumuliamo tanto stress. Siamo tirati a filo. C’è molta tensione”.

Ogni giorno è una battaglia?

“Assolutamente sì. Bisogna toccare con mano per capire. Si vedono situazioni assurde. Fra l’altro è difficilissimo dover negare ai familiari la possibilità di vedere i propri cari anche per qualche secondo. Il mio lavoro ti insegna che devi vivere la vita giorno per giorno”.

In che senso?

“Oggi ci sei. Domani non si sa”.

Lei ha avuto problemi sanitari?

“Per fortuna no”.

Cosa c’è dietro l’angolo?

“Dal punto di vista personale la pensione”.

Da quando?

“In aprile, sono agli sgoccioli”.

Cosa farà dopo?

“Niente di straordinario, ma voglio cercare di godermi la vita. Giorno per giorno. Farò anche del volontariato”.

Quindi torna la sua filosofia del vivere la vita quotidianamente.

“Sì, bisogna amare le cose che la vita ti regala tutti i giorni a partire da quelle più piccole”.

Sogni nel cassetto?

“Vorrei girare un po’ il mondo, cosa che fino ad ora non ho fatto. L’Italia è bellissima, ma mi piacerebbe vedere qualcosa anche oltre i nostri confini”.

Quali le prime tappe?

“Tenerife e le Hawaii”.

Quali sono i tratti distintivi del suo carattere?

“Sono tosta. Se dico no difficilmente torno indietro e se qualcuno mi fa del male lo cancello. Inoltre mi piace vivere all’aria aperta”.

Le foto sono di Gloria Teti

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post