Vogliono tornare a scuola

Sit-in pacifico degli studenti davanti al Liceo Scientifico di Cesenatico

CESENATICO. Manifestazione pacifica ed chiedere do tornare a scuola. È successo questa mattina al Liceo Scientifico Ferrari di Cesenatico. L’articolo di Gloria Teti.

L’ultimo decreto, firmato il 4 novembre dal Premier Giuseppe Conte, ha confermato la presenza della didattica a distanza nelle scuole secondarie di secondo livello.  Questa volta però, gli studenti del Liceo “Enzo Ferrari” di Cesenatico, non ci stanno.  

Nella giornata di oggi, i ragazzi armati di pc, tablet e cellulari, hanno organizzato un sit-in pacifico fuori dal loro istituto.  Si sono dati appuntamento alle 7.55, hanno disposto i banchi della scuola mantenendo tutte le distanze di sicurezza, su ognuno di essi hanno attaccato un foglio con su scritto “Noi ci siamo” e, con mascherine indossate, hanno incominciato e seguire le lezioni della giornata.  

Con sé, hanno portato due cartelloni sui quali hanno esternato il loro pensiero riguardo la didattica a distanza. 

Il primo dice: “La scuola è un diritto, lo dice la costituzione. Vogliamo tornare in presenza a lezione.”  

Il secondo cita una frase di Nelson Mandela: “L’istruzione è l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo”.  

Testo di Gloria Teti

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post