Le tante spine del referendum

Ma del rischio vero se ne parla troppo poco

Il 20 e 21 settembre si voterà per decidere se confermare o no il taglio dei parlamentari. Riforma costituzionale voluta dai 5Stelle. Il fronte del Sì e quello del No stanno portando avanti le proprie ragioni. I commentatori ritengono sia favorito il Sì, ma qualche dubbio è legittimo. Soprattutto vedendo che il fronte del No è trasversale. Ma si arricchisce sempre più di esponenti del Pd, almeno stando a quello che si vede sui social.

Di sicuro è una riforma costituzionale infarcita di populismo. Ma non è quello il problema principale. Alla base c’è una buona dose di incoerenza. Innanzitutto da parte dei grillini, ma anche della Lega e di Fratelli d’Italia. Tutti e tre i partiti pochissimo tempo fa sono stati fieri oppositori della riforma (azzeramento del Senato) voluta da Renzi ed ora appoggiano una proposta ancor più pasticciata. 

Il fronte del No è composto da molti costituzionalisti. Diversi sono i motivi addotti. Quello che convince meno è che si corre il rischio di un regime. È vero invece che sarebbe stato meglio decidere  la legge elettorale prima del voto. Anche se è chiaro che, se il governo non cadrà, avremo una forma di proporzionale. 

Però nessuno parla del vero problema che si aprirebbe se vincesse il Sì: i territori non avrebbero più i parlamentari di riferimento. Il taglio consistente di onorevoli e senatori obbligherebbe a disegnare collegi più ampi. E sarebbe un guaio. Perché, sia  chiaro, non è un problema di lana caprina. 

Gli eletti sono fondamentali per un territorio. Per l’aiuto che possono/devono  dare sia al pubblico che al privato. Tante volte l’inserimento di un emendamento può essere di vitale importanza. E quello può essere elaborato solo dopo aver ascoltato tutta una serie di istanze locali. Lo dimostra quello che fece Massimo Bonavita per il Corriere Romagna. 

Emblematico poi è l’esempio della secante, progetto datato, ma che decollò grazie all’impegno di Edoardo Preger, sindaco, e Davide Trevisani, presidente Fondazione Carisp. Ma fondamentale fu il lavoro che a Roma fece Roberto Pinza, parlamentare prima della Dc e poi dell’Ulivo.

Tutte coperture che difficilmente un parlamentare potrà garantire se avrà un territorio più vasto da coprire e minor tempo a disposizione perché, la riduzione del numero complessivo, dovrebbe aumentare il lavoro di onorevoli e senatori. 

Comunque la speranza è che non si polarizzi il voto. In occasione dei referendum costituzionali andrebbe evitato l’errore fatto da Matteo Renzi: farlo diventare un test sul governo. 

Commenta con Facebook
Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post