Coronavirus e inquinamento

Analisi pubblicata da "Il Fatto Quotidiano". Intanto crescono le donazioni per aiutare Terapia intensiva

Technogym dona un milione di euro per i reparti di terapia intensiva. La comunicazione è stata fatta ieri e va archiviata nella voce “buone notizie”. Qualche giorno fa lo aveva fatto Orogel. Ma in questi giorni, per fortuna, in tutta Italia sono tantissime le persone che mettono mano al portafoglio per fare delle donazioni. Berlusconi ha versato dieci milioni. Però i suoi dieci, il milione di Technogym o gli ottocentomila euro di Orogel valgono come i 50 o 100 euro del singolo operaio che però non sarà mai pontificato.

L’ingresso del Bufalini

Resto dell’idea che sarebbe meglio non pubblicizzare le donazioni. Però, in questo momento, va bene quello che sta succedendo e ben vengano i comunicati stampa e i relativi titoloni. Stimolano l’effetto emulazione e aiutano la raccolta fondi a sostegno delle terapie intensive, comparto di vitale importanza.

Come è logico che sia, il coronavirus catalizza l’interesse dell’informazione nazionale ed è inevitabile che, in continuazione, siamo bombardati dalle notizie. Dare conto di tutte sarebbe impossibile. Nella quotidiana lettura dei giornali sono stato attirato da quanto pubblicato sul Fatto Quotidiano. Ma non è però l’unico giornale ad occuparsene. Secondo il quotidiano diretto da Travaglio anche l’inquinamento atmosferico che affligge in particolar modo la Pianura padana potrebbe avere dato un contributo alla diffusione del virus. E aggiunge: una solida letteratura scientifica descrive il ruolo del particolato atmosferico quale efficace vettore di trasporto e diffusione per molti contaminanti chimici e biologici, inclusi i virus. E cita un gruppo di ricercatori coinvolti nella ricerca che hanno esaminato i dati pubblicati sui siti delle Agenzie regionali per la protezione ambientale relativi a tutte le centraline di rilevamento attive sul territorio nazionale, registrando il numero di episodi di superamento dei limiti di legge (50 microg/m3 di concentrazione media giornaliera) nelle province italiane.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post