Gli eventi in Romagna dall’11 al 17 novembre 2019

PIANGIPANE: CASE DEL POPOLO: TEATRO, MUSICA CULTURA 

Nel quadro del Progetto di Ricerca sulle Case del Popolo della Romagna promosso dal Circolo Cooperatori, si terrà Lunedì 11 Novembre 2019, con inizio alle ore 17,00, presso il Teatro Socjale di Piangipane (Ravenna) un convegno di approfondimento sul tema “Case del Popolo: Teatro, Musica, Cultura”.
Fin dalle origini le Case del Popolo sono state luoghi di fruizione e produzione culturale, mosse dalla convinzione che la cultura è una opportunità di riscatto sociale oltre che occasione di rafforzamento della identità e coesione comunitaria, di benessere sociale. L’evolversi sociale e l’avvento dei nuovi media e social ha mutato profondamente il quadro di riferimento, creando non poche difficoltà e l’esigenza di percorsi nuovi.
Il convegno intende ripercorrere le diverse fasi storiche, evidenziare alcune esperienze più emblematiche tuttora in essere e avviare un confronto fra le diverse realtà sugli scenari futuri possibili.
Il programma prevede in apertura il saluto del Sindaco del Comune di Ravenna Michele De Pascale, e dell’Assessore alla Cultura, Politiche giovanili e Politiche per la legalità, della Regione Emilia-Romagna, Massimo Mezzetti. 
A seguire quattro relazioni: Federico Morgagni, ricercatore storico, traccerà il percorso storico del rapporto fra Case del Popolo ed iniziativa culturale;  Roberta Paltrinieri, docente  di sociologia dei processi culturali e comunicativi all’ Università di Bologna, evidenzierà le possibili risposte alla domanda “A cosa servono oggi i luoghi della cultura?”;  Renata Molinari, critica e scrittrice di teatro, parlerà di “Stanze del fare, laboratori del racconto e della rappresentazione “; Luigi Martini, storico dei movimenti associativi, tratterà de “L’associazionismo culturale ricreativo e le Case del Popolo nel secondo dopoguerra”.
Saranno poi illustrate quattro esperienze significative: “Una casa del popolo, un quartiere, un teatro: il Piccolo di Bussecchio a Forlì” – Ruggero Sintoni, Accademia Perduta;   “Pane, Lavoro e Cultura – 100 anni del Teatro Socjale di Piangipane (RA) – Tiziano Mazzoni, presidente Fondazione Teatro Socjale;  il “Mama’s Club a Ravenna – 30 anni di musica e cultura” – Italo Arfelli;  la “Cooperativa “Dario Romini” di Martorano, Cesena” – Fabbri Romano.
A conclusione gli interventi di rappresentanti le più importanti realtà aggregative di Case del Popolo della Romagna: Sanzio Bissoni – Novacoop Cesena; Flavio Casetti – Unica Soc. Coop. Forlì; Guido Ceroni –Fondazione Bella Ciao Ravenna; Giuseppe Gatti – Casa del Popolo di Faenza; Marina Pascoli – Cooperativa G. Mazzini e Case Repubblicane Ravenna.

CAVA DI FORLÌ: EMIGRAZIONE NON È UNA STORIA MINORE 

Lunedì 11 novembre 2019, alle ore 20.45, presso il Centro sociale di via Sillaro 42, quartiere Cava, Forlì, si svolgerà un incontro sul tema “Emigrazione non è una storia  minore”, a partire dal libro scritto da Pierantonio Zavatti. Interverrà don Davide Brighi, parroco dell’Unità Pastorale Cava-Villanova. Il libro edito dal Centro stampa della Regione Emilia Romagna, racconta della continua e costante emigrazione di italiani all’estero, degli ultimi anni.
Negli ultimi 10 anni, ogni anno, hanno  emigrato dall’Italia 200.000 cittadini.
Ingresso libero.

FORLÌ: PROIEZIONE DEL FILM-DOCUMENTARIO: ANNE FRANK – VITE PARALLELE 

Lunedì 11, martedì 12 e mercoledì 13 novembre 2019, alle ore 21.00, presso il Cinema Astoria, viale dellAppennino 313, Forlì, verrà proiettato il film-documentario “Anne Frank – Vite parallele” di Sabina Fedeli, Anna Migotto.
L’attrice Premio Oscar Helen Mirren ripercorre, attraverso le pagine del diario, la vita di Anne e ci conduce attraverso la storia di 5 donne che, da bambine e adolescenti, sono state deportate nei campi di concentramento ma sono sopravvissute alla Shoah.“Questa è una storia che non dobbiamo mai dimenticare. Stiamo iniziando a perdere la generazione dei testimoni di quanto è successo in Europa in quei terribili giorni. Per questo è più importante che mai mantenere viva la memoria guardando al futuro. Con le guerre in Siria, Libia, Iraq, con l’immigrazione che sta interessando tutta l’Europa, è così facile puntare il dito su popoli, culture, persone diverse e dire “Sono la causa dei nostri problemi” – racconta Mirren – Per questo ritengo che il diario di Anne Frank rappresenti un incredibile insegnamento, uno strumento capace di offrire una reale comprensione delle esperienze umane del passato sino al nostro presente e quindi nel nostro futuro. Lo trovo fondamentale ed è per questo che ho voluto prendere parte al progetto”.
Helen Mirren accompagna gli spettatori nella storia di Anne attraverso le parole del diario. Il set è la camera del rifugio segreto di Amsterdam in cui la ragazzina resta nascosta per oltre due anni. È stata ricostruita nei minimi dettagli dagli scenografi del Piccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa fondato da Giorgio Strehler. Una straordinaria e dettagliata ricostruzione ambientale che ci riporterà al 1942. Nella stanza ci sono gli oggetti della sua vita, le fotografie con cui aveva tappezzato le pareti, i quaderni su cui scriveva.
Ingresso a pagamento. Per informazioni www.cinemaastoria.it.

FORLÌ: SCOPRIAMO VILLA GESUITA 

Martedì 12 novembre 2019, dalle ore 9.30 alle e 11.00, sarà possibile visitare i locali e il parco di Villa Gesuita (ingresso al termine di via Caprera, località Ca’ Ossi, Forlì).
In caso di maltempo la passeggiata nel parco non si terrà. Partecipazione libera. Per informazioni Silvia 3423822247

FORLÌ: PROIEZIONE DEL FILM “IL BRIGANTE TACCA DI LUPO”

Martedì  12 novembre 2019, alle ore 20.30, presso la Sala Multimediale San Luigi, via Luigi Nanni 12, Forlì, per il Festival L’Occidente nel Labirinto, che quest’anno sarà dedicato al tema “L’elogio della cittadinanza”, verrà proiettato il film “Il brigante Tacca di Lupo” di Pietro Germi (Italia, 1952). Commento di  Miro Gori, critico cinematografico e di Pietro Caruso, giornalista e saggista.
Ingresso libero. 

BUSSECCHIO DI FORLÌ: IL BOIA NAZISTA A ROMA E A FORLÌ 

Martedì 12 novembre 2019, alle ore 21.00, presso il Teatro Il Piccolo, via Cerchia 98, Forlì, l’Associazione Sartoria Teatrale, per il ciclo “Voci della Resistenza”, metterà in scena la drammatizzazione teatrale “Il boia nazista a Roma e a Forlì”, adattamento e regia di Stefania Polidori in collaborazione Davide Conti, storico, e Gabriele Zelli, cultore di storia locale. 
Voci recitanti: Matteo Bartolini, Rosario Bassi, Davide Conti, Gianluigi Giorgetti, Isabella Giorgi, Enrico Illotta, Emanuele Montali, Stefania Polidori, Alessandro Russo, Domenico Scibilia, Gabriele Zelli. Musica: Dario Bettini, Marco Fiori. Grafica e video: Dario Bettini. Coordinamento: Laura Bignardi.
Dal rastrellamento degli ebrei a Roma all’eccidio delle Fosse Ardeatine, dall’istituzione di un carcere delle SS naziste nell’ex brefotrofio di Forlì alle fucilazioni di ebrei, antifascisti e
partigiani in via Seganti al Ronco: la storia sommersa e macchiata di sangue del nazista Karl Schütz unisce le vicende della capitale alla nostra città.
Lettura e drammatizzazione di documenti e testimonianze storiche.
La serata sarà aperta dagli interventi di saluto di: Giorgio Barlotti, presidente del Consiglio di amministrazione della Cooperativa Casa del Lavoratore, e dell’Amministrazione Comunale. 
La serata è organizzata dalla Cooperativa Casa del Lavoratore di Bussecchio, dall’ Associazione Sartoria Teatrale, dal Comitato Pro Forlì Storico-Artistica e dall’Associazione Culturale “E’ Sdaz”, in occasione del 75° anniversario della Liberazione di Forlì. 
Ingresso libero. Per informazioni 3493737026.

FORLÌ: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “L’ALTEZZA DELLA LIBERTÀ”

Martedì 12 novembre 2019, alle ore 21.00, presso la sede del Club Alpino Italiano, sezione di Forlì, viale dellAppennino 375, verrà presentato il libro “L’Altezza  della Libertà. Viaggio tra l’essenziale  bellezza delle Alpi Apuane” di Gianluca Briccolani.  
Dal primo momento che l’autore, tanti anni fa, affrontò le Alpi Apuane la prima volta, un affetto profondo e inspiegabile nacque dentro di lui per quei luoghi incontaminati e selvaggi, lontano da tutto. La maestosità del  Pizzo d’Uccello, la simpatia del Forato, la regalità del Pisanino, la bellezza semplice e pulita della Pania della Croce; diventarono amiche, evasioni, compagne di viaggio, rifugi per staccare dal caos, amori profondi, così come raccontato nel libro. 
Partecipazione libera. 

FORLÌ: INDONESIA 

Martedì 12 novembre 2019, alle ore 21.00, presso il Circolo Inzir, via Bezzecca 10, Forlì, appartamento con “L’Angolo dell’Avventura” che farà conoscere l’Indonesia attraverso le fotografie di A. Rinaldi e A. Rossemeier. 
Inzir è un circolo Arci. 

FORLIMPOPOLI: PROIEZIONE DEL FILM “RWANDA”

Martedì 12, mercoledì 13 e giovedì 14 novembre 2019, alle ore 21.00, presso il Cinema Verdi di Forlimpopoli, piazza Fratti, nella corte della Rocca, per la rassegna cinematografica “Cinema e Diritti Umani” promossa da Amnesty International, Gruppo di Forlì, verrà proiettato il film “Rwanda”, regia di Riccardo Salvetti, con Marco Cortesi e Mara Moschini (anno 2019 – 90 min).
Rwanda, 6 Aprile 1994. La piccola repubblica africana viene sconvolta da uno dei genocidi più veloci e sistematici della Storia: un milione di morti in cento giorni. La crisi economica che imperversa da anni deve avere un colpevole. Nella follia collettiva il dito è puntato contro i Tutsi: la minoranza etnico sociale, gli altri, i diversi, gli stranieri. Il bagno di sangue ha inizio. Augustin è Hutu e deve uccidere. Cecile è Tutsi e deve morire, eppure qualcosa darà loro la forza di compiere un gesto di indimenticabile coraggio. Ciò che avvenne durante quella primavera di sangue non solo cambierà la loro vita, ma anche quella di due attori chiamati a interpretarli tanti anni più tardi sulle tavole di un palcoscenico.
Alle proiezioni saranno presenti il regista e gli interpreti del film. Ingresso a pagamento. 

FORLÌ: SUONA UN’ARMONICA

Mercoledì 13 novembre 2019,  alle ore 16.00, nel salone del Foro Boario, piazzale Foro Boario 7,  Forlì  Sergio Celetti relazionerà su”Suona l’armonica – 200 anni di storia di uno degli strumenti più popolari”, con esecuzioni dal vivo,
Ingresso libero. 
.
FORLÌ: 1944: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “1944: IL PASSAGGIO DEL FRONTE. DAI DIARI E DALLE MEMORIE DEI PARROCI DI BARISANO, MALMISSOLE, POGGIO, RONCADELLO, SAN GIORGIO” E DEL FILM-DOCUMENTARIO “1944: NOI C’ERAVAMO”

Mercoledì 13 novembre 2019, alle ore 20.30, presso il Teatro parrocchiale di Roncadello, via del Canale 48, Forlì, verrà presentato il libro “1944: il passaggio del fronte. Dai diari e dalle memorie dei parroci di Barisano, Malmissole, Poggio, Roncadello, San Giorgio” e sarà proiettato il film-documentario “1944: Noi c’eravamo” a cura di Fabio Blaco, che raccoglie le testimonianze di residenti nei luoghi citati
Interverranno: Gian Luca Zattini, sindaco di Forlì, Sara Conficconi, coordinatrice del Comitato di Quartiere di Barisano e dei quartieri dell’area Nord di Forlì, Don Antonino Nicotra, parroco, Mario Proli, storico, Fabio Blaco, fotoreporter e regista. Coordinerà l’incontro Gabriele Zelli.  
Nell’occasione sarà esposta la mostra fotografica “1944: il passaggio del fronte nei territori di Barisano, Malmissole, Poggio, Roncadello, San Giorgio” 
Ai partecipanti sarà consegnata copia del libro (offerta libera). Il ricavato sarà utilizzato per sostenere le spese della stampa del volume, della realizzazione del filmato e della mostra fotografica.
A farsi promotori della manifestazione, patrocinata dal Comune di Forlì, in occasione del 75° anniversario della Liberazione sono stati i Comitati di Quartiere di Barisano, Malmissole, Poggio, Roncadello, San Giorgio e l’Unità Pastorale delle stesse località. 
Partecipazione libera. 

PISIGNANO-CANNUZZO: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “ANIMA E CORAGGIO. LA MIA VITA CONTRO IL CANCRO

Mercoledì 13 novembre 2019, alle ore 20.30, presso la Sala del Centro sociale di Pisignano Cannuzzo, via Zavattina, 6/d, Cervia, verrà presentato il libro “Anima e coraggio. La mia vita contro il cancro” di Dino Amadori. La serata sarà condotta dalla giornalista Sabrina Sgalaberna.  
Saranno presenti i volontari della dello Ior Cervese con il loro referente Antonio Migani che effettuano il trasporto dei pazienti e racconteranno la loro esperienza. Una serata dunque anche per la sensibilizzazione e maggiore conoscenza dell’Istituto Oncologico Romagnolo.
Ingresso libero. 

FORLÌ: OLTRE IL CIRCOLO POLARE. CONFERENZA DI SIMONETTA MONTAGUTI 

Mercoledì 13 novembre 2019, alle ore 20.45, presso la Sala Annalena Tonelli, via Andrelini 59, Forlì, per il ciclo di incontri “Oltre il Circolo Polare”, promosso dal Raggruppamento Guardie Ecologiche di Forlì, Simonetta Montaguti terrà una conferenza sull’Antartide. La relatrice parlerà in particolare della vita sulla base Concordia durante il lungo inverno antartico e delle attività scientifiche portate avanti. 
Ingresso libero. 

FORLÌ: LA BUONA LONGEVITA’ COME MODELLO CULTURALE 

Giovedì 14 novembre 2019, presso la Sala conferenze del Foro Boario, piazzale Foro Boario 7, Forlì, si svolgerà il primo incontro sul tema “La buona longevità come modello culturale” che avrà come titolo “La domiciliarità: realtà e prospettive”.
Presiede e conduce la Segretaria SPI/CGIL Forlì Marzia Abbonizio. Saluto del sindaco Gian Luca Zattini e della presidente Comitato di Distretto Rosaria Tassinari. Introduce la presidente Auser Volontariato Forlì Maria Luisa Bargossi. Intervengono: Ufficio di Piano di Distretto Forlì Maria Laura Gurioli; Responsabile Distretto AUSL Forlì Stefano Boni; Unità Servizi Territoriali per Anziani Forlì Assistenti Sociali Antonella Bandini e M. Paola Mantellini. Testimonianze: Responsabile CAD Giuliana Battistini: “L’esperienza dell’Operatore di Quartiere”; Il Palazzone (Villafranca Forlì) Orioli Cinzia: “La dimensione comunitaria in una frazione”.  Conclusioni Segreteria Regionale SPI/CGIL Daniela Bortolotti .
Ingresso libero.           

FORLÌ: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “CARA PREMIER TI SCRIVO”

Giovedì 14 novembre 2019, alle ore 18.00, presso il Ridotto del Teatro Diego Fabbri, via DallAste 10, Forlì, verrà presentato il libro “Cara Premier ti scrivo” di Daria Colombo, Edizioni La Nave di 
Teseo. Insieme all’autrice interverrà Barbara Bertoncin, Fondazione Alfred Lewin. 
Ingresso libero fino ad esaurimento posti. 

FORLÌ: INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA “UN AMBIGUO MALANNO”

Giovedì 14 novembre 2019, alle ore 18.30, presso l’Oratorio San Sebastiano, via Pace Bombace, Forlì, si terrà l’inaugurazione della mostra “Un ambiguo malanno” alla presenza di Andrea Cintorino, assessore alle Pari Opportunità del Comune di Forlì, e di Valentina Ravaioli, consigliere regionale, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. 
L’esposizione, curata da Angelamaria Golfarelli, vedrà protagoniste le artiste Fiorenza Pancino, Antonella Ravagli e Maria Chiara Zarabini.
La scelta del titolo è stata suggerita dall’ultimo libro di Eva Cantarella: “L’ ambiguo malanno. La donna nell’antichità greca e romana”. Da questo testo infatti è scaturita la riflessione delle artiste e della curatrice sugli aspetti istruttivi di una storia che mostra come il cammino verso l’emancipazione sia tutt’altro che irreversibile. “Ovviamente – come esprime la Cantarella – nessun parallelo è possibile tra quei tempi e quelli in cui viviamo: la storia non si ripete mai. Ma ancora una volta ci mostra che il suo cammino non è lineare, e che non sempre procede verso situazioni più progredite. Oggi, molti riconoscimenti, molte conquiste fatte dalle donne sono messi in discussione, e una mentalità che sembrava finalmente e definitivamente superata sembra riemergere dal passato. I termini del problema sono cambiati, ma quella che una volta veniva chiamata la questione femminile esiste ancora. Oggi è indispensabile cercare di capire cosa è cambiato nelle relazioni tra sessi, e in che direzione e perché”. 
All’interno della mostra, come ogni anno, si terrà martedì 26 novembre 2019 ore 17,30, l’evento “Ribellioni segrete” che consisterà nell’aprire l’apposito contenitore posto all’Oratorio San Sebastiano durante tutto il periodo della mostra e leggere tutti i messaggi lasciati dal pubblico, anonimi o firmati, per riflettere sul tema della violenza sulle donne.
L’esposizione resterà aperta dal 14 al 27 novembre 2019 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 18.30; sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00. Ingresso libero.Per informazioni cell. 3489508631.

DOVADOLA: CENA AL BUIO 

Giovedì 14 novembre, in collaborazione con Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Sez. Forlì-Cesena, presso Corte San Ruffillo, via San Ruffillo 12, Dovadola, sarà allestita per le ore 20.00 una cena in totale oscurità. Il menu, segreto, sarà quindi servito portare i partecipanti alla scoperta dei sensi:
come sarà concentrarsi sui suoni per capire cosa sta per accadere; intuire il sapore di un piatto dal profumo dei suoi ingredienti; affidarsi al tatto per bere una sorso di vino o assaggiare – in un’esplosione di gusto per le papille gustative. 
N° massimo di prenotati: 30. Costo della serata a persona, tutto compreso: €38. Parte dell’incasso della serata sarà devoluto all’Unione Italiana Ciechi per finanziare e promuovere le attività dell’Unione nel comprensorio provinciale di Forlì-Cesena.
Per informazioni consultare il sito dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, sezione Forlì-Cesena.
Per prenotazioni 0543934674.

VECCHIAZZANO DI FORLÌ: INES  ADA, IDA E E’ SU FRADEL 

Giovedì 14 novembre 2019, alle ore 21.15, presso il Teatro parrocchiale di Vecchiazzano, via Veclezio 13/a, Forlì, la Cumpagnì dla Zercia metterà in scena la commedia dialettale romagnola “Ines, Ida, Ada e e’ su fradel”, tre atti di Giorgio Tosi. 
Ingresso a pagamento. Per informazioni e prenotazioni 3478742306.

FORLÌ: INCONTRI LUNGO GLI ANTICHI SENTIERI 

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 17.00, presso la Sala Assemblee della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, corso Garibaldi 45, si svolgerà un incontro dal titolo “Incontri lungo gli antichi sentieri: percorsi di fruizione e di valorizzazione”. Ilaria Di Cocco, Mibac Segretariato Regionale dell’Emilia-Romagna, presenterà “Tourer.it: una mappa interattiva per scoprire il patrimonio culturale dell’Emilia-Romagna”; Giorgio Frassineti, geologo, parlerà della “Romagna dello spungone”, un progetto per la valorizzazione del territorio; Lorenzo Angelini illustrerà il lavoro della Strada dei Vini e dei Sapori dei colli di Forlì e di Cesena. 
Ingresso libero.

FORLÌ: INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA “ARTISTI FORLIVESI DA COLLEZIONE”

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 17.00, presso la Galleria Angolo Mazzini – Spazio d’Arte, corso Mazzini, Forlì, si terrà l’inaugurazione della mostra “Artisti forlivesi da collezione”. Saranno esposte opere di Maceo Casadei, Gino Mandolesi  Irene Ugolini Zoli, Carmen Silvestroni, Miria Malandri, Aurelia Valmaggi, Pier Claudio Pantieri. 
La mostra resterà aperta fino al 21 novembre e sarà visitabile secondo i seguenti orari: dallunedì al venerdì 10.00 – 12.00 e 16.00 – 18.00; sabato 16.00 – 18.00; domenica 10.00 – 12.00.
Ingresso libero. 

FORLÌ: NUTRIRSI DI SALUTE 

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 18.30 presso il Circolo de La Scranna, corso Garibaldi 80, Forlì, Guido Balestra, medico, terrà una conversazione su “Nutrirsi di salute”.
Successivamente, previa prenotazione, cena con prodotti locali di alta qualità selezionati in armonia con la serata.
Per prenotazioni entro il 13 novembre: Donatello 3387055554; Paolo 3391588429.

FORLÌ: DAL CITTADINO COME ARBITRO AL CIVISMO MUNICIPALE”

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 20.45, presso la Sala Donati, corso Diaz 111, Forlì, per il Festival L’Occidente nel Labirinto, che quest’anno sarà dedicato al tema “L’elogio della cittadinanza, si terrà un incontro su: “Dalcittadino come arbitro al civismo municipale. Città e beni comuni. Coordinerà la serata Rosella Calista, presidente sezione Ami “G. Bruno” Interverranno: Pierangelo Schiera, presidente Fondazione “R. Ruffilli”, Giovanni Ferrero,  architetto progetto AxTo Beni comuni periferie, Tonino Bernabè,  presidente di Romagna Acque S.p.A. 
Seguiranno testimonianze di associazioni e realtà forlivesi.
Ingresso libero. 

FORLÌ: A CINQUANT’ANNI DAL PRIMO SBARCO SULLA LUNA 

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 21.00, presso il Salone Comunale, piazza Saffi 8, Forlì, per il ciclo di incontri “La luna cinquant’anni dopo…e poi?” promosso dalGruppo Astrofili, Luigi Pizzimenti terrà una conferenza su “A cinquant’anni dal primo sbarco sulla luna”.
Ingresso libero. 

FORLIMPOPOLI: 1861. VITA E SOCIETÀ A FORLIMPOPOLI NELL’ANNO DELL’UNITÀ D’ITALIA 

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 20.30, presso la Sala del Consiglio comunale di Forlimpopoli, piazza Fratti, nella corte della Rocca, per il ciclo di incontri “Conversazioni al MAF” a cura di Silvia Bartoli, si terrà una conferenza di S. Bedei dal titolo “1861. Vita e società a Forlimpopoli nell’anno dell’Unità d’Italia”.
Ingresso libero.         

SAN MARTINO IN VILLAFRANCA: TARŚENTMELA FRENCH 

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 20.45, presso il Teatro parrocchiale di San Martino in Villafranca, via Lughese 135, Forlì, la Compagnia “Caveja Ravgnâna” metterà in scena la commedia dialettale romagnola “Tarséntmela french”, tre atti di Bruno Marescalchi.
Ingresso 5 euro. Per informazioni e prenotazioni: printservicefc@alice.it; WhatApp: 3487443860.  

FORLÌ: A T’AMAZARÒ INFENA A FET MURÌ 

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 21.00, presso la Sala San Luigi, via Luigi Nanni 12, Forlì, la Compagine di San Tomè metterà in scena la commedia dialettale romagnola “A t’amazarò infena a fet murì”, due atti di Valerio Di Priamo. 
Ingresso a pagamento. Per informazioni e prenotazioni info@salasanluigi.it

FAENZA: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LE SCELTE CHE NON HAI”

Venerdì 15 novembre 2019, alle 21.00, presso la Bottega Bertaccini, corso Garibaldi 4, Faenza, verrà presentato il primo romanzo della giovanissima scrittrice Francesca Baccarini “Le scelte che non hai” (Albatros). Insieme all’autrice interverrà Andrea Gentili.
Ingresso libero. 

SAN VITTORE DI CESENA: LA SERVA AD ZOFOLI 

Venerdì 15  novembre 2019, alle ore 21.00, presso il Cine-Teatro Victor, via San Vittore 1680, Cesena, la Compagnia dialettale “La Mulnela” di Poggio Berni metterà in scena la commedia dialettale romagnola “La serva ad Zofoli”, tre atti brillanti di S. Palmucci, regia di R. Carichini e D. Rocchi.
Ingresso a pagamento. Per informazioni e prenotazioni 3334596270.

FORLÌ: CENTRO COMMERCIALE PUNTA DI FERRO 

Sabato 16 novembre 2029, dalle 9.00 alle 18.00, presso il Centro Commerciale Punta di Ferro, via Punta di Ferro, Forlì, i Lions Clubs: Forlì Host, Forlì Valle del Bidente, Forlì Giovanni De’ Medici, Forlì-Cesena Terre di Romagna, in occasione della Giornata Mondiale del Diabete effettueranno lo screening gratuito della glicemia, in collaborazione con l’Associazione “Diabete Romagna”.
I Clubs citati daranno vita in questo modo a un service consistente nella predisposizione di uno stand aperto alla popolazione, ove sarà possibile fornire le informazioni necessarie a sensibilizzare attivamente i cittadini sulle cause del diabete e sui rimedi medici per contrastarlo.
All’interno dello stand, allestito opportunamente per assicurare la necessaria discrezione, saranno presenti medici soci Lions, che effettueranno uno screening alla popolazione adulta, ossia la somministrazione del test del rischio e del test della glicemia capillare (a chi avrà rilasciato l’autorizzazione scritta), coadiuvati da operatori sanitari e da un equipaggio di ambulanza della Cooperativa E.L.C.A.S.
Inoltre saranno presente volontari dell’Associazione Diabete Romagna che raccoglieranno fondi per l’assistenza domiciliare ai pazienti diabetici non autosufficenti.

FORLÌ: STORIE DI ASILI, STORIE DI CITTÀ TRA MEMORIA, DIDATTICA E ARCHIVI. PRIMA GIORNATA DUILIO SANTARINI

Sabato 16 novembre 2019, nell’ambito della “Prima giornata Duilio Santarini”, si terranno due appuntamenti. Il primo alle ore 14.30, presso Palazzo Albertini, piazza Saffi 50, Forlì, prevedrà la visita guidata alla mostra “Forlì Città Educativa. Storie di asili, storie di città nel Novecento”. 
Il secondo, in programma alle ore 16.00, presso Palazzo Romagnoli, via Albicini 12, Forlì, avrà come tema “Storie di asili, storie di città tra memoria, didattica e archivi” e sarà così articolato: saluti di Paola Casara e Valerio Melandri, assessori del Comune di Forlì; proiezione del video di testimonianze sull’Asilo Santarelli; gli interventi di Carlo De Maria, Università degli Studi di Bologna, Direttore Istituto storico di Forlì-Cesena, su “Proposte didattiche e percorsi urbani luoghi dell’infanzia come luoghi della memoria”, e di Elena Paoletti, Istituto storico di Forlì-Cesena, su “Proposte didattiche e percorsi urbani”.
A seguire tavola rotonda su: “Le fonti per la storia dell’infanzia negli archivi forlivesi” con interventi di Federica Cavina, Archivio di Stato di Forlì, Debora Gardini, Biblioteca Duilio Santarini, Marino Mambelli, Biblioteca Saffi, Marta Magrinelli, Istituto storico di Forlì-Cesena. Introdurrà e coordinerà Eloisa Betti, Università degli Studi di Bologna.
Partecipazione libera. 

FORLÌ: L’EUROPA DELLE CATTEDRALI

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 16.30, presso la Basilica di San Mercuriale, piazza Saffi, Forlì, per il ciclo di incontri “Cristianesimo ed Europa”, promosso dall’Associazione Culturale San Mercuriale e dall’Ufficio Diocesano per la Cultura, Marco Vallicelli, storico dell’arte, terrà una conferenza su “L’Europa e le Cattedrali”.
Ingresso libero. 

SORRIVOLI: PRESENTAZIONE DELLE OPERE DI GIORGIO BEDEI

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 17.00, presso la Casa dell’Upupa, piazza Roverella 3, Sorrivoli, Roncofreddo, Giorgio Bedei presenterà i suoi lavori in un incontro dal titolo “Carta, colla, fil di ferro e acqua”. Oltre all’artista interverrà Luigi Salizzato. Leggerà brani d’autore Ilario Sirri, accompagnato dalle musiche di Mino Savadori. 
Lucia Matino scrive a proposito dell’arte di Giorgio Bedei: “Nei suoi progetti attuali, man mano che il suo lavoro matura, ama oggi lasciare che la carta parli da sé, che si intravveda lo strappo, il farsi spontaneo della forma e il corrugarsi della superficie mentre la carta si asciuga. Come un disegnatore che ami mostrare in filigrana il segno che sottende all’immagine finita”.
Ingresso libero. 

PREDAPPIO: INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA “VIAGGI COMUNICANTI”

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 17.30, presso la Vecia Cantena d’la Prè, piazza Cavour 18, Predappio Alta, si terrà l’inaugurazione della mostra  “Viaggi comunicanti” di Stefano Ricci. L’artista  presenterà una selezione di lavori scelti, da alcuni cicli grafico-pittorici e una installazione che conclude anche cronologicamente il percorso espositivo. Verranno esposti la serie dei “mutanti” e “post-binari” realizzati a partire dagli anni ’90, la serie grafico pittorica e video delle “mappe”, “frammenti” e “nuovi mondi project ” (dal 2001 al 2016), fino ai più recenti lavori grafici terminati in questi giorni con “Sindrome di Ulisse”.
“Nella mia ricerca artistica durante gli anni, racconta Stefano Ricci, ho scelto di sperimentare diversi linguaggi, tecniche e codici visuali  sacrificandone solo apparentemente la riconoscibilità stilistica. Con questo stesso spirito invito a chi vedrà le due mostre, guardando i lavori a compiere un percorso nello spazio e nel tempo della mia ricerca cercando di individuare  le relazioni che legano e per l’appunto mettono in comunicazione le opere che vivono  in due spazi espositivi diversi ma curiosamente accomunati dalla stessa destinazione”.
La prima è la Galleria Manoni 2.0, dove la mostra è stata esposta in precedenza, ricavata in uo spazio voltato a botte sottostante una storica mesticheria di colori; la seconda la “Vecia Cantena d’la Prè”,  la cantina di un ristorante e “museo del vino”. Due luoghi diversi dai convenzionali circuiti artistici che ospitano al loro interno due eventi espositivi instaurando un dialogo tra architettura ed opere, in particolare con l’installazione “Sindrome di Ulisse” che funge da fil rouge delle due mostre. 
Il filo che collega e sintetizza il mio modo di intendere la ricerca artistica, aggiunge Ricci, fatta di tecniche materiali e frammenti di viaggio appartenenti a periodi e progetti diversi e messi in comunicazione tra loro in modo sempre mutante, così come sono simili ma diversi i due luoghi espositivi che ospiteranno in rapida successione le due esposizioni. Viaggi comunicanti si riferisce dunque all’idea di prelevare, rielaborare e mettere in comunicazione oggetti ed immagini simboliche sempre in maniera olistica, cercandone i nessi, rimettendoli in discussione per poi recuperarli nello spazio e nel tempo… l’idea di viaggio appartiene al tema della perenne ricerca, del rapporto arte-vita sempre in continuo divenire”.
Interverranno Luigi Impieri, artista e curatore delle mostre, e Gabriele Zelli che ricorderà alcuni romagnoli che hanno segnato la storia delle esplorazioni e delle scoperte di paesi sconosciuti.
La mostra resterà aperta fino al primo dicembre e sarà visitabile durante gli orari di apertura del ristorante. 

FAENZA: DAI ROMANZI E DAI RACCONTI DI DINO BUZZATI 

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 17.30, presso la Bottega Bertaccini, corso Garibaldi 4, Faenza, appuntamento artistico-letterario a partire dai romanzi e dai racconti di Dino Buzzati. Interventi e letture a cura di Rosarita Berardi, Patrizia Capitanio, Elisabetta Zambon. Esposizione di acquerelli dell’artista Renato Cavallari ispirati alle opere di Dino Buzzati.
Ingresso libero. 

SANT’ALBERTO DI RAVENNA: OMAGGIO A SAFFO 

Nuovo appuntamento sabato 16 novembre 2019, alle ore 17.30, presso Casa Guerrini a Sant’Alberto (RA), con gli Aperitivi Letterari proposti dall’Associazione culturale Il Glicine di Savarna, in collaborazione con Istituzione Biblioteca Classense di Ravenna e il Patrocinio dell’Assessorato al Decentramento del Comune di Ravenna. Il nuovo incontro, come i precedenti, si apre con alcuni versi della poetessa che citano: “Un velo di nebbia / cala dolcemente sulle mie pupille / illuminando la realtà / di una soffice e tenue parvenza surreale. / Anche la tua voce mi giunge ovattata / accarezzando le corde del vento, / mentre osservo le tue mani /
che sembrano galleggiare nell’aria torbida. …” –  Omaggio a Saffo 
Secondo appuntamento della ventitreesima trilogia degli aperitivi letterari appositamente creata per casa Guerrini dal titolo: “La trilogia dei poeti che scolpirono nel tempo dell’interiorità l’etica e l’estetica della libertà…” dedicato alla poetessa più antica e moderna al tempo stesso. 
“La vita di Saffo trascorse, dedicata esclusivamente alla poesia, in un tiaso dove, attorno a lei, si raccoglievano le fanciulle di Lesbo e straniere che esercitavano la poesia, la musica e la danza. Per queste fanciulle Saffo esprime nelle sue poesie sentimenti d’amore, sui quali fin dai tempi antichi si è discusso, cercando un’interpretazione che non urtasse la sensibilità morale dei tempi classici e poi dei nostri tempi; ma non è possibile in realtà interpretare le espressioni saffiche altrimenti da quel che impone la loro evidente chiarezza. Una sorte singolare ebbe la poetessa, per aver celebrato gli amori di Afrodite e del demone Faone: si creò la leggenda di un amore disperato di Saffo per un giovinetto Faone, che avrebbe condotto la poetessa a suicidarsi gettandosi dalla rupe di Leucade.”
All’incontro che, come quelli precedenti, porrà la poesia classica e/o contemporanea come elemento centrale e distintivo di una proposta letteraria che vuole riavvicinare il pubblico alla poesia e riportare la stessa a casa del poeta, interverranno: Anna Maria Cortini (pianista), Katalin Pribelszki (soprano), Aurelio Batarra (tenore), Enzo Dall’Ara (critico letterario) e Matteo Nicolucci (poeta). Presenteranno la serata Angelamaria Golfarelli (poeta e ideatrice del progetto) e Lorenza Franchetti (presidente Ass.ne culturale Il Glicine). 
A conclusione aperitivo per tutti. Ingresso libero. Per informazioni cell: 3489508631.

FORLÌ: GEOGRAFIE DI SGUARDI TRA STORIA E CONTEMPORANEITÀ

Il 16 novembre alle ore 18 si terrà la prima delle 3 conversazioni con gli autori organizzate durante la mostra “Gradazioni di Luce”.
Un viaggio attraverso le voci dei protagonisti del progetto fotografico, che permetterà di entrare nei luoghi ritratti analizzandoli attraverso i tratti storico artistici, la poetica degli autori e i dettagli tecnici dei cantieri illuministici della DZ Engineering.
La prima tappa vedrà un’analisi sulla Puglia (dall’Abbazia di San Leonardo al nord, a Manfredonia, alla Chiesa di Uggiano al sud) attraverso gli scatti di Pio Tarantini e Cosmo Laera. 
Pio Tarantini anima le sue immagini creando una tensione tra la precisione dei luoghi da lui fotografati e l’emergere e lo svanire delle persone che li vivono. Il tempo, nelle sue immagini, appare dilatato, quasi volesse protendersi tra il passato e l’oggi, sfuggendo alla logica di una fotografia esclusivamente testimone di una temporalità precisa.
Cosmo Laera, con un linguaggio nitido e asciutto, trasforma la sua ricerca in un viaggio nel tempo, dal giorno alla notte. Dalle luci abbacinanti delle giornate estive del Mediterraneo, che paiono schiarire e avvolgere ogni cosa fin quasi ad assorbirla, a una notte dove la luce artificiale ridà un’altra vita, un’altra visibilità ai monumenti, a volte rendendoli quasi cristallini, a volte avvolgendoli di mistero.
Prossimi appuntamenti: 14 dicembre 2019, Alessandra Baldoni e Luca Gilli; 11 gennaio 2020, Lucrezia Roda e Luca Marianaccio.
Ingresso libero. 

FORLÌ: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “OLTRECORTINA. DIARIO DI UN VIAGGIO NEI REGIMI TOTALITARI DELL’EST”

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 18.00, presso il Salone Comunale, piazza Saffi 8, Forlì, verrà presentato il libro“Oltrecortina. Diario di un viaggio nei regimi totalitari dell’est”. Interverranno l’autrice Annalia Guglielmi, porterà i saluti dell’amministrazione comunale l’Assessore alla Cultura del Comune di Forlì Valerio Melandri.
Domenica 17 novembre alle ore 18.00 sempre nel Salone Comunale si terrà l’incontro conclusivo: “Tutto ricomincia dall’io, testimonianze di vita nella verità”, iniziativa promossa nell’ambito della mostra “Il potere del senza potere. Interrogatorio a distanza con Vaclav Havel”.
ingresso libero 

LONGIANO: PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ROSEMARIE TASCA D’ALMERITA “QUESTIONI DI ALI ”

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 18.00, nella Sala dell’Arengo del Castello Malatestiano di Longiano, sede della Fondazione Tito Balestra Onlus, secondo incontro autunnale con gli autori de Le ali della libellula, rassegna a cura di Flaminio Balestra, Massimo Balestra. Per l’occasione Marco Sangiorgi converserà con Rosemarie Tasca d’Almerita a margine del libro Questione di Ali (Torri del Vento, 2018). Una storia lunga una vita, nata dal bisogno di scrivere e di raccontare. Un romanzo che attraversa quasi un secolo. Un’educazione sentimentale dei nostri giorni, che ha sullo sfondo gli agi e i turbamenti di una giovane aristocratica che diventa donna in un mondo che cambia, nel tentativo di trovare un posto nell’universo. Un singolare spaccato della vita della upper class internazionale tra gli anni trenta e gli anni novanta, costellata di cerimonie e riti che pochi davvero conoscono e che ancora appaiono mitizzati ed irraggiungibili nell’immaginario dei più. Un romanzo alla ricerca di se stessi e della semplicità.
Al termine dell’incontro seguirà un momento conviviale (Nunc est bibendum) con una selezione di vini delle tenute Tasca d’Almerita.
Ingresso libero. 

CASTROCARO TERME: SPETTACOLO A FAVORE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA 

Sabato 16 novembre 2019, la Croce Rossa Italiana, Comitato di Forlì, alle ore 21.00, presso il Padiglione delle Terme di Castrocaro, organizzerà l’evento dal titolo  “DAMMI UN LA”, 6° Memorial Gilberto Giorgetti.
L’ evento, che prevedrà l’esibizione di personaggi noti del forlivese in spettacoli di canto, musica e danza, avrà come fine il progetto benefico “Mettiamo le ali ai piedi” a favore della CRI, per l’acquisto di un pulmino attrezzato al trasporto disabili.
Direttore artistico della serata sarà Gabriele Graziani. Condurrà l’appuntamento Anna Falchi.
Apericena alle ore 20.00. Per informazioni e prenotazioni Giuliana Grilli: 3479346282; uffici CRI 0543 62122 dalle 8.30 alle 17.30 

FORLÌ: HEATHERS  

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 20.45, presso il Teatro Diego Fabbri, corso Diaz 47, Forlì, il Teatro delle Forchette metterà in scena lo spettacolo “Heathers”, un “rock musical” basato sull’omonimo film-cult del 1988 con Winona Ryder e Christian Slater (titolo della versione italiana “Schegge di Follia”).
Dopo il successo del debutto ad Hollywood nel 2013, il musical ha avuto una produzione “Off-Broadway” nel 2014 e poi successivamente altre versioni a San Francisco, St. Louis e Sidney altrettanto acclamate da pubblico e critica al punto che ultimamente, negli Stati Uniti, “Heathers” è divenuto un vero e proprio fenomeno di massa.
Lo spettacolo tratta tematiche di grande attualità: bullismo, adolescenza a rischio, omofobia, suicidio. Argomenti profondi trattati con pensosa leggerezza e in chiave esorcizzante. La colonna sonora rock, originale e coinvolgente, accompagna i momenti salienti e i momenti di passaggio con perfetta coincidenza.
Per informazioni e prenotazioni 3397097952

RONCO DI FORLÌ: UNA FIÖLA DA MARIDÈ 

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 21.00, presso il Teatro Sauro Novelli, via Seganti 54, Ronco, Forlì, la Cumpagnì dla Paròchia di Carpena metterà in scena la commedia dialettale romagnola “Una fiöla da maridè”, tre atti di Palmucci. 
Per informazioni e prenotazioni 0543780740

CASTIGLIONE DI RAVENNA: “PVLON MATT”

Sabato 16 novembre 2019, alle ore 21.00, presso la Sala Tamerici, viale Vittorio Veneto 21, Castiglione di Ravenna, si svolgerà una serata dedicata a “Pvlon Matt”, il più antico testo poetico romagnolo risalente al 1500. Interverranno: Ferdinando Pellicciardi, curatore di una riproduzione in versione classica con vari interventi critici, Mauro Mazzotti, autore di una sua interpretazione personale in dialetto ravennate moderno e con una diversa ambientazione, Gianni Broccoli, con le sue ballate dialettali, Rosalba Benedetti e Carla Fabbri, per la lettura di alcuni brani dell’opera. 
Condurrà l’incontro Gilberto Casadio, direttore della Ludla.
Ingresso libero. Al termine momento conviviale. Per informazioni 3342325095.

MANTOVA IL PO ED IL MINCIO – ESCURSIONE DOMENICA 17 NOVEMBRE 2019

“Con nuova e stravagante maniera”, così il Vasari descrive la maniera di fare arte di Giulio Romano, dalla scuola di Raffaello all’apoteosi mantovana, ed in stravagante maniera condurremo i nostri passi alla scoperta di quell’arte e di quel mondo, da Palazzo Te con i suoi prodigi, a San Benedetto Po con il Complesso Monastico Poliloriano ed il suggestivo attracco delle barche arricchito dalla buona cucina tradizionale mantovana, ed infine al Santuario Beata Vergine Maria Delle Grazie con le sue incredibili statue votive ed il Presbiterio di Giulio Romano.

PROGRAMMA
Palazzo Te e Centro Storico con la guida della prof.ssa di storia dell’arte Giulia Savioli

PALAZZO TE – Villa degli ozi e degli svaghi (licenziosi), progettata dal 1525 al 1535 per Federico II Gonzaga, in essa Giulio Romano ha creato tutto, l’architettura e la decorazione di ogni singolo ambiente, moltiplicando invenzioni su invenzioni,  come la stupefacente sala dei Giganti in cui l’arte realizza alla perfezione il prodigio di sostituirsi alla realtà. Ingresso e mostra “Giulio Romano: Arte e Desiderio”

MANTOVA – Splendore dei Gonzaga, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, sorge sulla sponda del fiume Mincio, nel punto in cui le sue acque formano una profonda ansa che abbraccia la città e crea tre laghi. Il Centro Storico è caratterizzata da splendidi edifici, il Palazzo Ducale, il Duomo, il Palazzo del Potestà, la Torre dell’Orologio, la Casa del Mantegna, il Palazzo della Ragione. Passeggiata
SAN BENEDETTO PO – Uno dei borghi più belli d’Italia, caratterizzato dal Complesso Monastico Poliloriano, con il Chiostro di San Simeone e l’Abazia di San Benedetto.
HOSTARIA VECCHIO CORMIONE – attracco di barche sul Fiume Po – Ristoro con le tipiche Tigelle ed il Gnocco Fritto od i tradizionali Risotti alla mantovana o i Tortelli di Zucca. (Facoltativo).
SANTUARIO BEATA VERGINE MARIA DELLE GRAZIE – L’origine è datata fin dall’anno mille ad opera dei barcaioli del Mincio che chiedevano Grazie per la loro pesca. L’elemento più originale, strano ed affascinante del Santuario, è l’impalcato ligneo che ne orna le pareti. Unico al mondo, si compone di colonne su cui spiccano innumerevoli ex-voto anatomici in cera (mani, occhi, seni) e di nicchie con statue polimateriche (legno, stoffa e cartapesta) di pellegrini umili o famosi imploranti Grazie.

Partenza ore 7.00 (parcheggio prospicente al negozio Globo di fronte all’ingresso del casello autostradale di Forlì) con mezzi propri e condivisi. Ritorno previsto ore 20.30.
Costo €18 comprensivo di guida e mostra Palazzo Te.
Informazioni e conferme entro sabato 16 novembre: Gianni Giancarlo Giunchi 320 0435480

VALLE  DEL BIDENTE – ESCURSIONE DEL GRUPPO TREKKING 

Escursione facile 12 km, dislivello 600 m, 5 ore. Ritrovo e partenza Piazzale Zambianchi ore 8.30.
Ronco del Cianco, Poggio Ricopri, Poggio Capannina sono toponimi inconsueti poichè non sono mappati nella sentieristica ufficiale. Eppure risalendo questo suggestivo, selvaggio, appartato crinale secondario che s’inerpica al cospetto della più pura riserva integrale d’Europa, quella di Sasso Fratino insignita nel 2018 col riconoscimento UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, i camminatori più attenti saranno in grado di riconoscere le tracce dell’antica mulattiera che congiungeva le varie case sparse alla fertile prateria d’alta quota di S.Paolo in Alpe (1030 m). Dopo la risalita di questo sconosciuto crinale, nel quale si calpesteranno residui di sentieri non più  utilizzati, la meta della pausa pranzo sarà S. Paolo in Alpe, luogo nel quale recentemente è stato approntato un bivacco ristrutturando una parte dell’antico insediamento. Per il ritorno alle auto, che al mattino saranno lasciate a Case Fiumari (680 m), si utilizzerà il segnavia CAI n. 283 che, lambita Ca’  Ristefani, riporterà I partecipanti al punto di partenza.
Per informazioni 3331367857

TERRA DEL SOLE: DOMENICA POMERIGGIO 17 NOVEMBRE “C’ERA UNA VOLTA IN ROMAGNA.TRA RITI E ANTICHI MESTIERI” visita guidata in occasione della FUGARENA DI TERRA DEL SOLE 

Domenica pomeriggio 17 Novembre ore 15.00, nella suggestiva cornice della Fugaréna di Terra del Sole, prima della tradizionale accensione del Faló in Piazza D’Armi prevista per le ore 17,30,
si terrà la visita guidata ” C’era una volta in Romagna. Tra riti e antichi mestieri”, sui riti, le tradizioni, gli usi e i costumi , gli antichi mestieri della Romagna di una volta, ideata e condotta da Chiara Macherozzi Guida Turistica della Regione E-R , Associata a Confguide Forlì Cesena, con facoltativa degustazione finale a cura della Strada dei Vini e dei Sapori dei colli di Forlì e Cesena .
Itinerario: All’interno del Museo dell’Uomo e dell’Ambiente , Sezione Etnografica , in Palazzo Pretorio, Terra del Sole (FC) .
Ritrovo: h.15 sotto il Loggiato di Palazzo Pretorio, Piazza D’Armi, Terra del Sole
Durata visita guidata : 1 ora e mezza circa
Ore 17 Degustazione di 3 vini dell’Azienda Agricola Casadei di Predappio (in omaggio 1 calice di vetro e tasca porta calice )
Tariffe a testa:
– solo visita guidata € 8 a partire dagli 11 anni
(bambini fino a 10 anni gratis)
– visita guidata + degustazione finale € 13
Non occorre prenotazione. 
Evento in collaborazione con Romagna Full Time, ConFguide Forlì Cesena, Pro Loco di Terra del Sole e Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Forlì Cesena.
Evento Fb https://www.facebook.com/events/1813842115427050/

FORLÌ: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “QUEL CHE SO DI LEI”

Domenica 17 novembre 2019, alle ore 17.00, presso il Ridotto del Teatro Diego Fabbri, via DallAste 10, Forlì, verrà presentato il libro “Quel che so di lei. Donne prigioniere di amori straordinari” di Monica Guerritore, Edizioni Longanesi. Condurrà l’incontro Marco Viroli. 
Ingresso libero fino ad esaurimento posti. 

RAVALDINO IN MONTE DI FORLÌ: CONCERTO JAZZ 

Domenica 17 novembre 2019, alle ore 18.00, presso il Circolo Area Sismica, Ravaldino in Monte, si terrà un concerto che avrà come protagonisti Jamie Branch,tromba, Lester St Louis, violoncello, Jason Ajemian, contrabbasso, Chad Taylor, batteria.
Un pilastro della scena jazz di Chicago e ora anche un’aggiunta recente e attiva alla scena newyorkese, Jaimie Branch è una trombettista d’avanguardia nota per i suoi “suoni spettrali”, come dice il New York Times. La sua formazione classica e la sua “voce unica capace di trasformare ogni ensemble di cui fa parte” (secondo Jazz Right Now) ha contribuito a una vasta gamma di progetti non solo nel jazz ma anche nel punk, nel noise, nell’elettronica e nell’hip-hop.
Il lavoro di Branch come compositrice e produttrice, oltre a quello di sideman per personaggi come William Parker e Matana Roberts, è tutto in mostra nel suo album di debutto Fly or Die, una corsa dinamica di 35 minuti che invita gli ascoltatori ad aprire le loro menti a una musica che non conosce genere, sesso, limiti.
Ingresso € 15. Area Sismica è un circolo Arci.

BUSSECCHIO DI FORLÌ: NA FAMÈJA SGANGARÈDA 

Domenica 17 novembre 2019, alle ore 21.00, presso il Teatro Il Piccolo, via Cerchia 98, Bussecchio, Forlì, La Compagnia “Cvì de mi Paēs” di Vecchiazzano metterà in scena la commedia dialettale romagnola “Na famèja sgangarèda”, tre atti di Mario Bassi.
Per informazioni e prenotazioni 054364300

Commenta con Facebook
Gabriele Zelli

Gabriele Zelli

Gabriele Zelli è nato a Forlì il 5 marzo 1953. Da circa trent'anni si occupa in modo continuativo di cultura, sport e di attività sociali. Per Romagnapost, insieme a Marco Viroli, cura una rubrica intitolata "pillole forlivesi" dedicate alla storia della città. 

Lascia un Commento...