Siamo alle ultime chiamate

Analisi spietate e stimolanti nella terza edizione di "Fattore R"

“Una volta ai ragazzi si diceva: se non studi vai a lavorare. Adesso ai miei studenti dico: se studi vai a lavorare”. Lo ha detto questa mattina a “Fattore R” Francesco Ubertini, rettore dell’università di Bologna. Quella che potrebbe essere classificata come una battuta in effetti è la fotografia migliore del momento che stiamo vivendo.

Francesco Ubertini

Mentre spesso la politica parla del sesso degli angeli (o poco più) il mondo del lavoro è in continua evoluzione. Il punto è stato fatto questa mattina in Fiera durante la terza edizione di “Fattore R” che ha ruotato attorno allo studio di Ernst & Young dal titolo “La Romagna e i talenti”. Emerge che nella nostra terra c’è un’ottima predisposizione all’innovazione tecnologica, ma mancano, e si faticano a trovare, le professionalità per guidarla.  

I posti in platea erano tutti esauriti

Significativa la frase di Donato Iacovone, amministratore delegato di EY: “Una volta la Romagna attirava manodopera, adesso deve attirare laureati”. Servono per avere la capacità di leggere l’enormità di dati disponibili e, quindi, decidere una strategia. Partendo però  da un presupposto: serve una formazione continua. Perché, come ha detto Ubertini “viviamo una trasformazione molto rapida. Molto di più di quella a cui eravamo abituati”. Ed ha fotografato la stato di fatto con una frase: “Il 65 per cento degli studenti farà un mestiere che oggi non esiste”.


Lorenzo Bini Smaghi

Dunque, servono talenti. Ma attenzione, secondo Lorenzo Bini Smaghi, economista, il talento non esiste. Ci sono persone più portate che però devono studiare in continuazione. Secondo l’economista “bisogna lavorare per convincere più ragazzi a studiare materie scientifiche”, e, allo stesso tempo, “creare  interazione fra giovani e imprese prima dell’università”.

Poi Bini Smaghi ha parlato dell’Italia fornendo tutta una serie di dati a dir poco molto preoccupanti. Emerge con chiarezza che la Penisola è un paese fermo da vent’anni. E “con margini di politica economica limitata e dove il rischio recessione è attorno al 30 per cento”. 


Carlo Cottarelli

Infine ha suggerito di agire sulle riforme strutturali. Su quali dovrebbero essere ha risposto Carlo Cottarelli, noto economista che ha chiuso il forum edizione 2019. Ha indicato tre strade da seguire: tassazione, burocrazia, lentezza della giustizia. Poi ne ha indicato una quarta: la pubblica istruzione. Secondo Cottarelli è fondamentale per far crescere e un investimento in istruzione può garantire una crescita economica superiore a quella garantita dagli investimenti. In Italia, invece, la pubblica istruzione è una Cenerentola, in Europa siamo all’ultimo posto come spesa pro capite.


L’economista ha suggerito anche di puntare sulle politiche giovanili. “Dobbiamo incentivare e  valorizzare i ragazzi, perché la crescita economica è legata alla presenza dei giovani. Mentre da noi sono in continua diminuzione. Essenzialmente per due motivi: calo delle nascite e emigrazione. I nostri giovani vanno all’estero e da noi si creano posti di lavoro di cattiva qualità”.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

  1 comment for “Siamo alle ultime chiamate

  1. Mater
    20 Settembre 2019 at 18:47

    No ma capirai che straordinaria sapienza questi industriali romagnoli da strapazzo: studia e fatti il mazzo però rimani qui, così noi possiamo continuare a divertirci offrendo stipendi da fame. Ma pensate che sia un caso che i giovani romagnoli e italiani vadano all’estero a cercare lavoro? Valaaaaaaaaa

Lascia un Commento...