E45: la pazienza è finita

Marcello Borghetti (Uil) è molto arrabbiato. Non risparmia nessuno e chiede di fare in fretta. L'alternativa è la mobilitazione

Marcello Borghetti, segretario Uil, è molto arrabbiato per le mancate risposte sulla E45. Fa un’analisi molto realistica nella quale non risparmia critiche a nessuno. Ma chiede che ora la priorità sia data all’intervento. La nota.

Marcello Borghetti

E45 i ritardi e le promesse, in particolare su sblocco lavori della viabilità alternativa, ammortizzatori sociali e sostegno alle imprese,  rinviate ad altri giorni ad altri decreti, sono una presa in giro per tanti cittadini che contano di avere una risposta a problemi che più tardano ad essere risolti e più si aggravano. Cosa attende il Governo a riconoscere uno stato di emergenza per accelerare le procedure di interventi Vitali.

Lavoratori in sospensione o a consumare le ferie e dall’altra parte aziende con aggravi di costi, non dovrebbero essere problemi di difficile comprensione per un Governo che al contrario pare persino non capire che dare oggi o dopodomani o chissà quando, strumenti di sostegno, fa una grande differenza. Ci sono responsabilità politiche antiche e recenti sulla attuale situazione della E45, colpe della politica locale, regionale e nazionale, di chi ha governato, di chi ha trascurato e trascura la Cenerentola Romagna, svuotata di infrastrutture innovative e di qualità e con il paradosso che molti che oggi vorrebbero dare lezione, sono fra gli artefici di questo disastro e danno lezioni.

Marcello Borghetti

Come segretario della Uil di Cesena lo vado ripetendo spesso perché è la verità. Fate campagna elettorale su tutto questo, è legittimo, ma non sulla pelle dei cittadini e sui problemi attuali. C’è Anas che esegue infiniti lavori con pochi operai  e blocca per mesi tutte le uscite di Cesena, con problemi di traffico, di sicurezza e di inquinamento e tutti in particolare a Cesena stanno zitti, parlando sempre di altro. Ma ciò detto e ripetuto senza troppe ipocrisie, è il Governo attuale che ha la responsabilità di dare le risposte che servono ora. Il Governo e parlamentari locali critichino come meglio preferiscono le responsabilità passate, ma poi rispondano per gli strumenti di sostegno richiesti dal sistema produttivo, lavoratori e società locali, viceversa apparirà, un Governo inadeguato o peggio prevenuto.

Un tratto della E45

Il territorio saprà mobilitarsi e alzare duramente la voce, ci organizzeremo più di quanto non abbiamo fatto finora, confidando “forse fin troppo in promesse da marinaio”. Ma è paradossale che per avere ciò che spetta, si debba ritornare a minacciare una  manifestazione. Non ci sono problemi, se costretto dalle mancate risposte, manifesteremo. Sta quindi al Governo e ai parlamentari locali il compito di svegliarsi, perché mentre molti fanno una permanente campagna elettorale da una parte e dall’altra, e rimbalzandosi le accuse, ci sono cittadini che attendono le scelte del Governo in carica e queste scelte per questi cittadini significano garantirsi il reddito per sostenere le proprie famiglie, e tutelare le nostre comunità.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...