Il Chiostro di San Mercuriale non è “La lèrga ad Scarpèll”

Chi lo attraversa trova spesso avvilenti resti di bivacchi con bottiglie vuote, lattine e cartacce e giovani che dal comportamento tenuto mostrano di essere assolutamente non consapevoli del luogo che li ospita.

La rissa, grave, avvenuta durante i mercoledì del cuore al Chiostro di San Mercuriale richiama in modo drammatico l’attenzione su un luogo – il Chiostro – che non riesce ad uscire da una condizione di malcelato degrado e incuria.

E questo nonostante l’impegno più che lodevole e i reiterati appelli e interventi dell’Abate Don Enrico, encomiabile nella sua perseveranza. Questo in barba alle diverse telecamere installate. Chi lo attraversa trova spesso avvilenti resti di bivacchi con bottiglie vuote, lattine e cartacce e giovani che dal comportamento tenuto mostrano di essere assolutamente non consapevoli del luogo che li ospita.

Il Chiostro non è “La lèrga ad Scarpèll” ma un luogo centralissimo, simbolo di una Città che si vanta o aspira ad essere Città del Buon Vivere. Più vigilanza, più controlli e qualche salata contravvenzione forse aiuterebbero a migliorare la situazione.

Commenta con Facebook

Lascia un Commento...