RAI 3 dell’Emilia Romagna : quando cambierà mai qualcosa..??

Da sempre Bolognocentrica e rimiratrice dell’ombelico dell’Emilia del “giro”, mi sembra che ultimamente, se si può.., RAI 3 Regionale stia peggiorando ulteriormente!

Fatti, notizie, persone, avvenimenti importanti e significativi della parte orientale della Regione (la Romagna), regolarmente negletti e trascurati…viceversa notizuole, civetterie inutili , cacchiate varie, che accadono tra Bologna e Modena (ma soprattutto Bologna) sono pomposamente e regolarmente registrate e nobilitate.

Nell’edizione di oggi mi sono dovuto sorbire più di 5 minuti (in Tv una eternità) di una “clamoroso” servizio su domande a ragazzi tedeschi di Erasmus, su come si trovavano a Modena …!! Viceversa, hanno propinato una “inchiesta” su Predappio (doppio anniversario Liberazione e marcia su Roma) che più banale, povero e inutile non si poteva concepire e programmare (attenzione sulla solita paccottaglia; non una parola, ad esempio, sul grande lavoro del Comune e di valenti storici circa la mostra e le iniziative nella casa natale sul giovane Mussolini).

In più, potrebbero benissimo togliere il meteo finale: assolutamente inutile come attendibilità, chiarezza e precisione!

Commenta con Facebook
Roy Berardi

Roy Berardi

Romagnolo originario di Forlimpopoli, residente a Fratta Terme, da giovanissimo all'ufficio stampa e sindacalista della Cgil in Forlì e in Cesena. Dalla fine anni ’80, giornalista di turismi emergenti (agriturismo,turismo rurale, turismo all’aria aperta ed il “plein air “) sui quali ha prodotto per riviste nazionali del settore oltre 150 reportage ed inchieste soprattutto su territori della cosiddetta “Italia Minore”. Quindi project manager di progetti per l'aggiornamento professionale di imprenditori del turismo. Da una decina d’anni si occupa - con la libera professione – dei temi all’incontro virtuoso tra innovazione turistica, agricoltura di qualità e cultura dei territori. Ha contribuito alla nascita ed al consolidamento della Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Forlì-Cesena; ha collaborato ai progetti per la nascita di Casa Artusi in Forlimpopoli, e lavora per farne "magnete attrattore" della nuova destinazione turistica della Romagna interna. 

Dialoga con l'autore di questo post