Amadori: numeri positivi

Nonostante le difficoltà del mercato fatturato di 1.206 milioni di euro, margine operativo lordo di 84 milioni


Amadori  si  conferma un’azienda solida con dati di bilancio 2016 positivi: un  fatturato  complessivo  di 1.206 milioni di euro, in linea con gli anni passati;  un margine operativo lordo di 84 milioni di euro (oltre il 7% del fatturato);  investimenti  realizzati  pari a 78 milioni di euro nel 2016 e altri 200 milioni in programma per i prossimi 5 anni.



Amadori,  fondata  a  Cesena oltre 45 anni fa, è cresciuta fino a diventare leader  dell’agroalimentare italiano e specialista nel settore avicolo, con una  quota  di  mercato  sulle  carni avicole in Italia intorno al 30% e la
gestione  dell’intera  filiera integrata (sei mangimifici, sei incubatoi, oltre 800  allevamenti, sei stabilimenti di trasformazione alimentare, 19 filiali e agenzie che garantiscono una distribuzione capillare in tutta Italia).


Entrando nel dettaglio degli investimenti, gli oltre 78 milioni di euro del 2016 (quasi il doppio rispetto al 2015), sono serviti a completare la nuova sala  taglio presso lo stabilimento di Cesena, che sarà inaugurata entro la fine  del 2017, ad ampliare l’area logistica dello stabilimento di Mosciano S.  Angelo  (Teramo)  e  a  proseguire  nell’ampio piano di miglioramento degli allevamenti che nel 2016 ha toccato circa 80 siti, in particolare in Emilia Romagna e Abruzzo.
“Siamo soddisfatti di come abbiamo chiuso il 2016, con volumi di vendita in crescita  nonostante  un  mercato  difficile  – commenta  Flavio  Amadori, presidente.  –  Siamo  una  realtà solida che dà occupazione ad oltre 7.500 collaboratori  in  tutta Italia, a cui si aggiungono oltre 800 allevatori, 350  agenti,  un  migliaio di trasportatori. Vogliamo continuare a crescere usando testa, cuore, e gambe: testa, per interpretare al meglio il mercato; cuore,  per  continuare  a mettere passione in ciò che facciamo; gambe, per lavorare sodo, come siamo abituati a fare”.


“Il 2016 è stato un anno fondamentale che ha segnato una svolta rispetto al passato   –   commenta  Massimo  Romani, amministratore delegato –  Abbiamo  avviato
cambiamenti  strutturali  significativi  e messo a punto progetti altamente innovativi e qualificanti per l’intero settore, come il pollo biologico, il Campese  allevato  all’aperto  senza  uso  di  antibiotici, i wurstel e gli impanati   senza   carne   separata   meccanicamente.  Siamo  continuamente
all’ascolto  dei  consumatori  e siamo pronti a potenziare il nostro ruolo, non  solo  nel  core  business degli avicoli, ma anche in nuovi segmenti di mercato,  come  piatti pronti e prodotti che seguono nuove esigenze e nuovi
momenti  di  consumo.  Insomma, siamo un’azienda capace di interpretare le tendenze di mercato, in un’ottica di miglioramento continuo.”

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...