Lo strano triangolo “tecnologia-editoria-abbigliamento” e il fenomeno Pick a Book

Il mercato del libro sta vivendo un momento molto difficile. Ce lo raccontano gli addetti ai lavori, lo testimoniano gli autori, lo confermano i lettori. Si legge meno e non è solo colpa della crisi.

Il mercato del libro sta vivendo un momento molto difficile. Ce lo raccontano gli addetti ai lavori, lo testimoniano gli autori, lo confermano i lettori. Si legge meno e non è solo colpa della crisi.

L’innovazione tecnologica ha stravolto un po’ tutti gli ambiti della nostra vita, ottimizzando, riscoprendo, stravolgendo abitudini e gesti quotidiani, ma se c’era un settore che si riteneva inattaccabile, immutabile, un evergreen, insomma, era proprio quello dell’editoria. Anche nei più arditi slanci di fantasia, nessuno aveva mai messo in dubbio che un libro potesse essere costituito da carta.

Lo si legge sfogliando le pagine. Quando lo si posa, si piega l’angolo della pagina da cui si riprenderà la lettura (pratica aberrante, per quanto mi riguarda).  Quando lo si apre si è investiti dall’odore della carta stampata e la mente corre in luoghi inaspettati. Sono anche ottimi come fermacarte.

Poi però è arrivato l’ebook, con tutti i vantaggi e i disagi del caso. I libri non sono più di carta, costano molto meno e li si legge su un apparecchio pratico e molto capiente (può contenere migliaia di libri, tutti compressi in un minuscolo spazio fisico).  Ma si sa, le librerie non vendono file pdf e la lista degli esercizi chiusi è lunghissima.

Si sentiva l’esigenza di un’idea, qualcosa di nuovo, che portasse la gente a comprare, pur senza rinnegare il progresso e le meraviglie che ci offre.

Detto fatto.

dante

Marco Mottolese è l’uomo della svolta. La sua idea è semplice ed efficace. Se il 2013 sarà ricordato come l’anno della tecnologia da indossare, con l’Apple iWatch e i Google Glass a fare da apripista, perché non sfruttare l’ottima intuizione proveniente da oltreoceano? Le t-shirt Pick a Book, realizzate grazie all’impegno del Gruppo Edicart Style, sono la risposta moderna alla linea di magliette Parole di Cotone, che negli anni Novanta ha venduto più di 7 milioni di capi in tutto il mondo.

Ogni t-shirt Pick a Book riporta un passaggio tratto da un romanzo famoso, la cui scelta spazia da Seneca a Conrad, passando per Dante. Grazie al codice QR stampato sotto alla citazione è possibile scaricare in pochi secondi e in modo totalmente gratuito l’ebook o il pdf del libro cui si fa riferimento.

In questo modo si sfrutta il mercato dell’abbigliamento per cercare di rianimare quello dei libri, da tempo privo di sensi. È anche un modo per avvicinare i giovani alla lettura, sfruttando le nuove tecnologie. E chissà che da questo strano triangolo tecnologia-editoria-abbigliamento non esca qualcosa di buono anche per il futuro.

Commenta con Facebook

  1 comment for “Lo strano triangolo “tecnologia-editoria-abbigliamento” e il fenomeno Pick a Book

Lascia un Commento...