Marco Viroli

Marco Viroli

Marco Viroli, operatore culturale, scrittore, copywriter, giornalista pubblicista, è nato a Forlì, martedì 19 settembre 1961. Laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione eventi. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di relazioni esterne per una fondazione di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” e con “Forlì nel Cuore”. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” su «Diogene», di cui, dal 2013, è direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa rispettivamente le campagne elettorali degli attuali sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Dal 2013 collabora con l’agenzia di comunicazione integrata PubliOne, inoltre tra il 2014 e il 2016 è stato addetto stampa della squadra di volley femminile forlivese, che milita nei campionati nazionali di serie A. Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, "Se incontrassi oggi l’amore". Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe "Il mio amore è un’isola" (2004) e "Nessun motivo per essere felice" (2007). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai "Poeti romagnoli di oggi e…" («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011, 2013), "Sguardi dall’India" (Almanacco, 2005) e "Senza Fiato" e "Senza Fiato 2" (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: "Caterina Sforza. Leonessa di Romagna" (2008), "Signore di Romagna. Le altre leonesse" (2010), "I Bentivoglio. Signori di Bologna" (2011), "La Rocca di Ravaldino in Forlì" (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: "Forlì. Guida alla città" (Diogene Books, 2012), "Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento" («Il Ponte Vecchio», 2013), "Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea" (Diogene Books, 2014), "I giorni che sconvolsero Forlì" («Il Ponte Vecchio», 2014), "Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento" («Il Ponte Vecchio», 2015). Nel 2014, insieme agli storici Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume "Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila". Il suo sito internet è www.marcoviroli.com.

LUNEDÌ 26 NOVEMBRE A FORLÌ PRESENTAZIONE DEL TERZO VOLUME DI “FATTI E MISFATTI”

A breve in tutte le librerie il nuovo attesissimo capitolo di “Fatti e misfatti” di Marco Viroli e Gabriele ZelliLunedì 26 novembre 2018, alle ore 17.00, presso la Sala Conferenze del Foro Boario, piazzale Foro Boario, 7, Forlì, Mario Proli, storico e giornalista, presenterà: “FATTI E MISFATTI A FORLÌ E IN ROMAGNA”, volume terzo, di Marco Viroli…

Sabato 24 novembre, a Forlì “Sport&Celiachia”

AIC (Associazione italiana Celiachia) Emilia Romagna e il Comune di Forlì organizzano una giornata di confronto e incontro su sport e salute.Sabato 24 novembre 2018, nell’ambito degli eventi legati a “2018 Forlì Città Europea dello Sport”, l’Associazione italiana Celiachia Emilia Romagna e il Comune di Forlì presentano “Sport&Celiachia, una giornata di confronto e incontro su sport e salute”.…

FORLÌ: PRESENTAZIONE DEL RESTAURO DEL DIPINTO MURALE POSTO SOPRA LA PORTA DI ACCESSO DELLA CHIESINA DEL MIRACOLO

A breve in tutte le librerie il nuovo attesissimo capitolo di “Fatti e misfatti” di Marco Viroli e Gabriele ZelliSabato 1 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Chiesina del Miracolo, via Leone Cobelli 8, Forlì, verrà presentato il restauro del dipinto murale posto sopra la porta di accesso del luogo di culto raffigurante “Il…

Cinquant’anni fa fioriva il breve sogno dell’Isola delle Rose

La storia dell’Isola delle Rose, un condensato, estratto dal libro di prossima uscita “Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna” volume 3 di Marco Viroli e Gabriele Zelli. Il libro sarà edito dal «Ponte Vecchio» di Cesena e si troverà in vendita da metà novembreLa Romagna è davvero una strana terra, abitata da sempre…

Ha compiuto sessant’anni il grattacielo di Cesenatico, simbolo della Riviera

Memoria tangibile di un’era in cui i cuori degli italiani pulsavano all’unisono, colmi di ottimismo e fiducia per il futuro.Tra i tanti progetti lasciati incompiuti dal Ventennio fascista vi fu quello di una superstrada che doveva portare direttamente da Forlì a Cesenatico, un progetto tuttora irrealizzato e che di sicuro non vedrà la luce, visto…

Il Passo del Muraglione, una lapide da restaurare e un muro che non divide ma protegge

 La Strada Statale 67, detta “Tosco Romagnola”, che separa la valle di San Godenzo e il Mugello dalla vallata del fiume Montone, da Forlì conduce a Firenze. Troppo spesso questa importante via di comunicazione è diventata suo malgrado protagonista dei titoli della cronaca locale, a causa dei numerosi incidenti motociclistici e non solo, spesso mortali,…

David Bowie, l’Uomo che cadde sulla terra passò un’estate in Romagna?

Negli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso, Forlì e la Romagna vennero travolte dal fenomeno culturale che interessò gran parte del mondo occidentale. Il movimento Rock affondò, infatti, le proprie radici anche nella terra del liscio e prosperò per un ventennio, grazie alla velocissima crescita del trend del turismo che ogni anno, nel periodo…

A inizio luglio si conferma il trend positivo 2018 per l’Atletica Ravenna 

Con le eccellenze del suo settore giovanile si affaccia su importanti competizioni nazionali Il  2018 ha regalato non poche soddisfazioni all’Atletica Ravenna ed anche in questo inizio di luglio il trend positivo continua. La saltatrice in alto Andrea Celeste Lolli nella categoria Cadetti, vincendo la sua gara al Trofeo Malatesta di Rimini con il primato personale di 1,63, migliorato di…

È aperta la caccia al manoscritto perduto della “Divina Commedia”

La storia del manoscritto originale della Divina Commedia si riassume in poche date certe. Nel 1304, Dante iniziò a scrivere il suo poema immortale, che portò a termine nell’anno della sua morte, il 1321. Stando a quanto afferma Giovanni Boccaccio, i primi sette canti dell’Inferno sarebbero stati composti a Firenze, quando ancora Dante non aveva…