Fiorenzo Barzanti

Fiorenzo Barzanti

Ingegnere, vive a Cesena. Ha lavorato per oltre 30 anni in aziende private di livello nazionale ricoprendo diversi ruoli fra i quali: Direttore di Produzione, Direttore Commerciale, Direttore Generale. La sua vera passione è il Settore Commerciale nel quale ha sviluppato una profonda conoscenza e professionalità e per il quale svolge consulenza aziendale. Ha scritto il libro; ‘’Vendere è come farsi la barba, se non lo fai tutti i giorni diventi un barbone’’. Figlio di contadini , coltiva la passione per il dialetto romagnolo e scrive storie vere di vita contadina sulle colline romagnole di Cesena fine anni 50 – inizio anni 60. (e-mail barzanti.fiorenzo@gmail.com)

E dutour (il dottore)

Storie vere di vita contadina sulle colline romagnole di Cesena. Fine anni 50 – inizio anni 60. Dedico questo racconto a tutti i medici di famiglia di Cesena. Negli anni 50 e dutor dla mutua ( il medico della Mutua) delle famiglie contadine delle colline Cesenati ( San Tomaso , Saiano , Carpineta) era il…

Le storie vere di Fiorenzo Barzanti (#11): E spranghin (l’uomo che aggiustava le teglie)

L’economia del mondo contadino negli anni ‘50 era perfettamente uguale a quella di un’azienda di oggi. Ogni contadino infatti gestiva un resoconto annuale (oggi si dice conto economico) fatto di entrate (i ricavi derivanti dalla vendita dei prodotti: frutta, vino, grano…) e di uscite (costi dovuti alla parte che si doveva dare al padrone, ai…

La puntina di Barzanti – Twitter è pericoloso? I grandi giornalisti lanciano l’allarme…

Enrico Mentana ha abbandonato ‘’twitter’’ dopo avere salutato i suoi follower. Chi se ne frega, direte voi?. Errore, non siamo noi comuni mortali a decidere quando una notizia è importante ma loro, i giornalisti famosi. E così la tremenda notizia ha occupato per una settimana le prime pagine dei principali quotidiani, i dibattiti televisivi ed…

E Baldoun (lo spaventapasseri) – di Fiorenzo Barzanti

Per i contadini il raccolto dei campi era la risorsa più preziosa. Facevano di tutto per proteggerlo. In primavera quando maturavano le primizie (carciofi, fagiolini, piselli, fave, fragole, ciliegie), i volatili (soprattutto passerotti) facevano man bassa e mangiavano tutto. Vi erano vari metodi per spaventare gli intrusi: pezzi di carta che sventolavano, piccoli secchi di…