Fabio Gavelli

Fabio Gavelli è giornalista per "Il Resto del Carlino" e collabora ai mensile 'La Romagna Cooperativa ativa".

La storia della cooperativa antimafia le Terre di Don Peppe Diana: «Non siamo degli eroi»

«Non siamo degli eroi», ripete spesso  Roberto Fiorillo, socio e fondatore della cooperativa Le Terre di don Peppe Diana, a Castel Volturno. Eppure la gente che lo ascolta, nei numerosi incontri che tiene in giro per l’Italia, fra scuole, Gas e associazioni dell’economia solidale, pensa  il contrario. Perché ha appena sentito delle minacce che i…

L’austerity è una guerra

Le politiche di austerity imposte alla Grecia hanno avuto effetti come quelli di una guerra. Lo scrive la Caritas in un recente rapporto di cui si è parlato anche su alcuni media italiani. Negli anni delle politiche pretese dalla famigerata Troika (Bce, Fondo monetario internazionale e Commissione europea) la disoccupazione è esplosa (+273%), superando il…

Il “cash mob” del consumo

Il gioco è questo. Ci si ritrova in un bel gruppetto davanti a un supermercato. In mano una selezionata lista della spesa e i volantini da distribuire ai consumatori, per farli partecipare. Si comprano i prodotti equosolidali, quelli etici e biologici, al posto degli altri. Si boicottano quelli delle industrie più irresponsabili (per avere informazioni…

Il clima non ha prezzo

È  opinione diffusa che intervenire per arrestare il cambiamento climatico costi talmente tanto da paralizzare ogni azione in tal senso. Eppure anche non fare nulla ha un prezzo e non solo  ambientale. Anzi, l’inattività si rivela ancora più cara. Lo sostiene l’Ipcc, il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico, che ha messo a punto…

Zuccherato da morire

Due omicidi, nessun colpevole, un clima pesante dominato dall’omertà generale. Accade nelle Filippine, a operatori del commercio equo e solidale. Le vittime erano coinvolte nella produzione dello zucchero di canna “Mascobado”, uno dei prodotti di punta in vendita  in tutte le botteghe del commercio equo in Italia. Il primo assassinato, Romeo Capalla, era presidente dell’organizzazione…

Icsid, è ora di sopprimerlo

Si chiama Icsid, cioè Centro internazionale per il regolamento delle controversie relative agli investimenti. Ha sede a Washington ed è una sorta di magistratura “coperta” che può costringere gli stati nazionali a pagare enormi somme alle imprese multinazionali che sostengono di aver subito danni a causa di leggi a tutela dell’ambiente, della salute o semplicemente…

Si chiama TTIP e non è il Top

Si chiama TTIP ed è una sigla con cui sarà bene fare i conti. Si tratta del partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti fra Europa e Stati Uniti, il cui negoziato è in corso fra l’Ue e il governo Usa. L’obiettivo dichiarato è rimuovere le barriere commerciali in una vasta gamma di settori…

Una nuova epoca per la Romagna

La nascita di Legacoop Romagna è indice di un processo organizzativo che coinvolge ora anche il mondo cooperativo, seguendo un percorso di area vasta intrapreso anche in altri campi. Vorrei considerarlo anche qualcosa di più: un ulteriore esempio della volontà di consegnare agli archivi il campanilismo che ha segnato intere generazioni e che ha pesato…

Obsolescenza programmata

Materiali che si deteriorano, chip senza vita, congegni inutilizzabili. Lavatrici, tv, cellulari, stampanti, computer, forni a microonde: si rompono tutti e si rompono in fretta. Quante volte vi è capitato che l’apparecchio diventasse inservibile pochi mesi dopo la scadenza della garanzia? Bene, forse non è un caso. Si chiama obsolescenza programmata. E’ pianificata a tavolino:…

Disuguali e infelici

La disuguaglianza galoppa e la crisi l’ha amplificata. La conferma giunge dal rapporto 2013 sul Benessere equo e sostenibile (Bes) stilato dall’Istat, consultabile dal sito dell’istituto nazionale di statistica. Uno studio molto utile per una visione più ampia di quanto sta accadendo nella società italiana. Fra i molti spunti, colpiscono quelli dedicati alla ricchezza delle…