Stanno smontando la sanità

Le analisi della Corte dei Conti sono impietose

CESENA. Allarme rosso per la sanità: l’Italia spende troppo poco e si crea una situazione che aumenta le disuguaglianze. Non è una convinzione, ma una certezza. Lo scrive Il Sole 24 Ore che riporta dati elaborati dalla Corte dei Conti (delibera 19/2022 della sezione Autonomie). La spesa sanitaria pro capite in Italia, scrive Il Sole, si ferma a 2.851 dollari all’anno (2.637 euro). A parità di potere d’acquisto, si tratta del 51,7% in meno dei 5.905 dollari pro capite spesi in Germania ed il 38,4% in meno dei 4.632 dollari a testa utilizzati dai francesi, mentre rispetto al Regno Unito (4.158 dollari) la distanza è del 31,4%. 

Un problema aumentato considerevolmente con l’ultima legge di bilancio. Ma sarebbe sbagliato addebitare tutte le responsabilità a questo governo. Il guaio è iniziato da tempo. Rispetto al 2008 l’impegno pubblico in sanità è cresciuto del 15,4% a fronte di una spesa aumentata del 34,5. Il problema principale è che nell’ultimo quindicennio la spesa non è stata adeguata come si sarebbe dovuto fare per ammortizzare l’aumento reso necessario dall’evoluzione delle cure e dall’invecchiamento della popolazione.

La situazione si ripercuote soprattutto sui Lea (Livelli essenziali di assistenza) e a pagare pegno sono soprattutto le regioni del Sud. Nella graduatoria i territori che stanno meglio sono Veneto e Toscana (222 punti). Seguono Emilia Romagna (221) e Lombardia (215). Il  peggiore è la Calabria (125).

Un buon risultato (il terzo posto) che per l’Emilia Romagna è effimero. Se le cose vanno bene rispetto ad altre zone è un risultato effimero. I tagli cominciano a pesare e anche da noi  provocano disagi agli utenti. L’esempio forse più emblematico è la riorganizzazione delle automediche in Romagna che hanno subito un vero e proprio taglio. Passaggio che non è ammissibile, ma indispensabile a fronte di una riduzione di soldi da Roma. Però così non si potrà proseguire. Il punto di non ritorno forse è già stato superato, perciò servirà chiarezza dal nazionale. La politica deve dire chiaramente cosa vorrà fare della sanità. Ottenere una risposta sarà difficile, ma se non dovesse arrivare forte e chiara dovrebbe essere l’opposizione a pressare la maggioranza invece di rincorrere le sterili polemiche quotidiane. 

Commenti Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli.