La sanità soffre e si dibatte sugli addobbi natalizi

Intervento della Uil

di Giuliano Zignani e Michele Bertaccini*

Già a partire dalla scorsa estate come Uil Emilia-Romagna abbiamo sollevato il “velo” legato alle difficoltà della nostra Sanità. Un allarme forte e chiaro legato alle difficoltà di bilancio che erano già ben chiare all’orizzonte. La realtà oggi ci dice che avevamo più che ragione ad alzare la voce.

Al netto di alcune lodevoli eccezioni che hanno prestato attenzione si è riscontrata una diffusa “sordità”. Dopo mesi di silenzio si sono uniti al nostro allarme voci evidentemente legate più che altro al cambio di governo. Fa “sorridere” perché le difficoltà di bilancio della nostra sanità regionale, che si ripentono da anni, sono frutto delle insufficienti risorse e cattiva redistribuzione introdotte dal ministro Speranza e non di altri. Anche al nuovo governo si chiede un adeguato finanziamento della sanità pubblica ma saranno i fatti a motivare le nostre opinioni. 

Fatti che date le prime indiscrezioni della prossima finanziaria sembrano del tutto insufficienti. Allo stesso modo non è possibile sentire voci che, per altrettante ragioni politiche, continuano a screditare la scelta di aver costruito Ausl Romagna. Chi parla lo fa con la coerenza di chi ha tanto sostenuto il progetto quanto più volte, con grande forza, contestato ed avversato scelte gestionali che si ritenevano sbagliate.

Ausl Romagna è oggi una grande realtà, con tante criticità noi lo sappiamo bene, ma resta una realtà di grande qualità che offre occasioni di sviluppo e prospettive tali da non poter essere perse.

Non è il tempo di scontri ideologici ma di trovare le migliori soluzioni che, all’interno del perimetro della sanità pubblica, garantiscono i migliori servizi per cittadine\i ed allo stesso tempo valorizzino le professionalità di chi lavora in contesti di cura ed assistenza.

La questione semmai è come rendere il sistema emiliano romagnolo nel suo complesso più omogeneo tanto in termini di riorganizzazione che di finanziamento.

È inaccettabile leggere molti più “dibattiti” sugli addobbi natalizi che sulla Sanità. La Sanità stia al centro.  Lo diciamo e lo ripetiamo anche oggi di fronte ad alcuni primi segnali della nuova finanziaria certamente non incoraggianti.

*segretario Generale Uil Emilia-Romagna e responsabile sanità Uil Emilia-Romagna

Commenti Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli.