Olive all’ascolana al tartufo. Sì o no?

È una delle novità al Festival del Cibo di Strada

CESENA. Madrina d’eccezione per il festival del Cibo di Strada. A tagliare il nastro è stata chiamata Beatrice Giordani, figlia di Gianpiero, anima della kermesse cesenate e al quale è intitolato il premio giunto alla seconda edizione. Domani, una giuria composta da sei persone, eleggerà l’offerta migliore sia italiana che straniera. Non sarà un compito facile per i giurati in quanto le proposte culinarie sono tutte di altissimo livello. Con alcune innovazioni. Una, ad esempio, è l’oliva ascolana al tartufo. Di sicuro una proposta interessante che però ha ricevuto giudizi contrastanti. E’ inevitabile quando un grande classico viene modificato sensibilmente. E la presenza del tartufo cambia il sapore, con il tubero che diventa il protagonista. Giusto o sbagliato che sia una cosa è certa, la qualità resta alta. Ed è questo l’elemento del festival cesenate.

E’ per quello che domani per i giudici non sarà facile scegliere. Muoversi fra la qualità è bello per il palato, meno per chi dovrà decidere. Le proposte sono di alto livello non solo negli stand classici, ma anche per i food truck. Cavallucci, ad esempio, propone, fra l’altro, dei paccheri stratosferici, ma anche i passatelli asciutti sono tanta roba. Per il resto ci sarà l’imbarazzo della scelta partendo da due grandi classici: Palermo (cannoli, arancini, ecc.) e Firenze (lampredotto), presenti fin dalla prima edizione. 

Ecco solo qualche esempio delle prelibatezze che si potranno trovare al Festival Internazionale del Cibo di Strada, in Piazza della Libertà, Corso Mazzini e Piazza Giovanni Paolo II:

Argentina – Churrasco de angus, empanada criolla, choripan, lomipan.

India – Pakora, biriani, samosa, chay masala, gulabjamun.

Messico – Tacos, burritos, guacamole.

Perù – Tamales de chancho, arroz chaufa, lomo saltado, empanadas.

Abruzzo (Chieti) – Arrosticini di pecora, hamburger di pecora.

Campania (Napoli) – la vera pizza napoletana, la pasticceria napoletana con babà, sfogliate…

Marche (Ascoli Piceno) – Olive ascolane del Piceno, fritto misto all’ascolana.

Puglia (Manfredonia–Alberobello) – Panzerotti, bombette.

Sicilia (Palermo) – Pani ca’ meusa, panelle, arancine di riso, cannoli.

Toscana (Firenze) – Lampredotto bollito, trippa alla fiorentina.

Emilia (Parma) – Torta fritta e salumi.

Cina – Ravioli cinesi freschi fatti a vista sul momento.

Thailandia – Pad Thai ed altre specialità.

Commenta con Facebook
Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post