7 ottobre a Cesena presentazione del progetto “Innova-mente: innovazione tecnologica, didattica ed educazione”

Venerdì 7 ottobre alle ore 17,00, presso il Campus Universitario di Cesena (via dell’Università, 50) è previsto il convegno di lancio del progetto Innova-Mente: innovazione tecnologica, didattica ed educazione, promosso dall’Unità Operativa di Ser.In.Ar. CRIAD (Centro di Ricerche e studi per l’Informatica Applicata alla Didattica) in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, il Centro di Documentazione Educativa Gianfranco Zavalloni, Il Comune di Cesena, Fab Lab Romagna, Campus di Cesena — Università di Bologna e la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.

Il progetto si pone l’obiettivo di realizzare un insieme di iniziative e azioni continuative sul territorio, al fine di creare una sinergia di qualità fra cultura dell’innovazione tecnologica (informatica e digitale, in particolare) e cultura della scuola e dell’educazione.  Lo sviluppo di queste attività è curato da un gruppo di lavoro operativo che include docenti dell’Università e insegnanti di Scuole di diverso ordine e grado, che in questi anni hanno già sviluppato attività riconducibili all’obiettivo del progetto.

La visione di base di Innova-Mente trova pieno riscontro nel Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) del 2015 e nei concetti espressi da “Repubblica Digitale” in seno al Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale e nell’Agenda Digitale 2020-2025 della Regione Emilia Romagna. E’ convinzione del gruppo promotore del progetto formato — da Alessandro Ricci (nella foto), Elvis Mazzoni e Angelo Croatti (Università di Bologna), Bruna Borgognoni (docente di Scuola Primaria), Andrea Vaccari (docente di Scuola Secondaria di II Grado e co-fondatore di FabLab Romagna), Mauro Moscia (docente di Scuola Secondaria di I Grado) e Ylenia Battistini (Comitato Scientifico di CRIAD Coding) — che per attuare le indicazioni espresse nel PNSD siano necessarie modalità e azioni di coinvolgimento dei territori sostanziali, al fine di coniugare in modo armonioso le tecnologie digitali con il patrimonio culturale, la storia, le esperienze dei territori stessi, a partire dalla centralità delle persone.

Il convegno del 7 ottobre prevede, dopo i saluti delle autorità istituzionali, la presentazione del progetto a cura di Alessandro Ricci e Bruna Borgognoni e, a seguire, le relazioni del prof. Alessandro Bogliolo (Università di Urbino) — riferimento nazionale per le azioni e iniziative su Pensiero Computazionale e Coding — e di una delegazione di Reggio Children (Centro Internazionale per la difesa e la promozione dei diritti e delle potenzialità dei bambini e delle bambine). Elvis Mazzoni e Ylenia Battistini presenteranno poi le iniziative previste all’interno del progetto, tra le quali la creazione di un Osservatorio, il quale avrà il compito di monitorare lo stato attuale delle tecnologie nelle scuole del territorio, le metodologie di utilizzo delle stesse e l’impatto di questi supporti sull’insegnamento e sull’apprendimento.

Per conoscere più approfonditamente il progetto è consultabile il sito web www.innova-mente.org. Per ulteriori informazioni: progetto@innova-mente.org

Commenta con Facebook
Avatar photo

Gigi Mattarelli

Gigi Mattarelli è legale rappresentante dell'agenzia di pubblicità Grafikamente, oltre che giornalista pubblicista da circa 30 anni, con una predilezione spiccata per la comunicazione sociale. E' direttore responsabile della rivista "Percorsi Solidali" edita dalla stessa Grafikamente, che da quasi 10 anni racconta storie di volontariato, cooperazione e associazionismo locale. Nel tempo libero dà sfogo alle sue grandi passioni, ovvero la bicicletta, il tifo per l'Inter e la venerazione per un gruppo musicale "cult" italiano, i Nomadi. E' autore dei volumi "C'era un volta un re bisre, bisconte, binè..." che ricorda la figura di don Amedeo Pasini, "Forlì&dintorni su due ruote" (ovvero 20 percorsi in biciletta alla scoperta della Romagna). "Il ruggito del Leone" (dialoghi con Romano Baccarini) e "Un sorriso contagioso" (che racconta la storia di LUca Berardi, atleta forlivese campione di nuoto e sci nordico) 

Dialoga con l'autore di questo post