Scritte antisemite sul muro dello stadio Neri di Rimini: attenti al clima indulgente verso razzismo, suprematismo  e antisemitismo alimentato dal centrodestra

“Inorridisce e preoccupa la scritta antisemita apparsa allo stadio Romeo Neri contro il Cesena. Anna Frank non ha potuto tifare nessuna squadra perché è morta nel 1945 nel campo di sterminio di Bergen-Belsen, uccisa dal nazismo. Lascia sgomenti l’uso del suo nome e dell’aggettivo ‘giudei’ come se si trattasse di insulti”. Così Simona Viola, candidata al Senato nel collegio uninominale Rimini e Forlì-Cesena per la coalizione di centrosinistra. “I partiti  politici – come la scuola e ogni altra istituzione della società – hanno il dovere di raccontare ai ragazzi che nel ‘900 la Shoà ha rappresentato  il male assoluto, e che tutto è iniziato con la polizia che lasciava che gli insulti e le scritte sui muri si trasformassero in pestaggi, in emarginazione ed emigrazione forzata e infine nella soluzione finale hitleriana, che ha travolto anche la giovanissima Anna Frank. Ecco, io temo che se vincerà il centro-destra – così manifestamente indulgente verso razzismo, suprematismo  e antisemitismo -, questo allenterà l’indispensabile opera di memoria e racconto, e lascerà che molti ragazzi si facciano affascinare da simboli e parole veicoli di indicibile ingiustizia e violenza. Il modello propugnato da Meloni e Salvini di società chiusa, egoista, nazionalista, autoriferita, escludente e protesa verso l’interesse individuale è culturalmente vicino al razzismo e al suprematismo che hanno condotto all’orrore dei campi dì sterminio. La società aperta dei diritti e delle libertà è invece l’antidoto giusto per far comprendere ai giovani dove non dobbiamo dirigerci“.

Commenta con Facebook
Avatar photo

Fucina 798

Fucina798 è una società specializzata in servizi di ufficio stampa istituzionale e aziendale, copywriting, media management, marketing, organizzazione e promozione di eventi. Fondata da tre soci – di cui due giornalisti – con una comprovata esperienza nel settore dei media tradizionali e online, degli uffici stampa e del marketing, vede come parte integrante della struttura professionale giornalisti, esperti di marketing e videomaker. I fondatori di Fucina798: Matteo Bonetti – Esperto di marketing e amministrazione, già addetto stampa dei Comuni di Morciano e di San Clemente. Curatore di mostre ed eventi culturali. Giorgia Gianni – Giornalista professionista, già redattrice in quotidiani e periodici e responsabile di servizi di informazione tematici online. Specializzata in uffici stampa istituzionali e portavoce. Emer Sani – Giornalista, già responsabile ufficio stampa Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese e direttore rivista ufficiale Cons; organizzatore media event. 

Dialoga con l'autore di questo post