La miss che sogna un agriturismo

Marina Di Luzio, sesta a Miss Mamma Chef 2022

CESENA. Nell’ultima edizione di Miss Mamma Chef si è classificata al sesto posto. Marina di Luzio è mamma di  Alex 35 anni e Manuel 26. 

Come e quando si è avvicinata al concorso?

“Tutto iniziò circa vent’anni fa. Poi mi dovetti fermare per problemi di salute. Una volta risolti sono tornata a fare questa esperienza”

Perché?

“Mi era piaciuta e avevo voglia di nuova adrenalina”.

Aveva già avuto esperienze simili?

“No, da giovane ero un’atleta”.

Marina Di Luzio (foto Gloria Teti)

In che campo?

“Atletica, correvo i cento piani, i cento ostacoli e la staffetta”.

Poi?

“Mi sono sposata trasferendomi dall’Abruzzo alla Romagna e poi mi sono dedicata al ballo”.

In che senso?

“Mi sono iscritta al gruppo folk alla Casadei. Sono stata col loro vent’anni poi ho lasciato”.

Perché?

“Troppo impegnativo”.

Cosa ballava?

“Il boogie con mio marito, il liscio e la danza del ventre”.

E ha chiuso col ballo?

“No, con un’amica e mia nuora abbiamo fondato le Sister. Facciamo danza del ventre”.

E’ sempre in movimento.

“Direi di sì. Ho tante passioni. Una è il vigneto con 1.600 piante”.

E’ tornata a sfilare dopo vent’anni. Cosa è cambiato?

“C’è sempre tanta emozione. E’ chiaro, sei consapevole che non sei più giovanissima, ma quello non è un problema”.

La prima volta si fermò per un problema di salute. Quale?

“Tumore al seno”.

Come lo ha affrontato?

“Le prime due settimane sono state tragiche, poi ho cercato di reagire il più possibile e di non isolarmi. Ho continuato a ballare e dopo l’intervento sono andata a vedere l’esibizione del gruppo. Per fortuna non ho avuto bisogno della chemio”.

Che messaggio si sente di mandare?

“La prevenzione è stata la mia salvezza. Poi bisogna reagire. Comunque devo dire che in parte io ero preparata ”.

In che senso?

“Anche a mio marito avevano diagnosticato un tumore, per fortuna benigno, ma correva il rischio di restare paralizzato”.

Sogni nel cassetto?

“Mi sento abbastanza realizzata. Mi piacerebbe fare un agriturismo, ma sono consapevole che servirebbero troppi soldi”.

Rimpianti?

“Nessuno. Mi sono sposata a diciotto anni e lo rifarei. Ho vissuto la vita che ho scelto”.

Ha detto che è originaria dell’Abruzzo.

“Sì, lì ci è nato anche il mio primo figlio. Ce ne siamo andati quando aveva due anni”.

Come è stato cambiare regione?

“All’inizio dura. E’ servito un bel po’ di tempo per ambientarmi, ma poi è andato tutto bene”.

Le foto sono di Gloria Teti

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post