Quattro anni di lettere d’amore diventano un libro

La storia sentimentale fra Rina e Brunero, genitori di Alessandra Zaghi

di Vincenzo Marano

Quattro anni di lettere d’amore, dal 1951 all’estate del 1954, sono la storia sentimentale fra Rina e Brunero, genitori di Alessandra Zaghi, professoressa cesenate. La fitta corrispondenza, raccolta nella pubblicazione ”Il pane che è tuo nessuno te lo mangia”, è edita dalla casa editrice Pathos di Torino. “Una domenica d’inverno di quattro anni fa – racconta Alessandra – io e mia madre, ormai 96 enne (deceduta poco dopo) abbiamo aperto lo scrigno dei ricordi e con una forte emozione, settimana dopo settimana, per la prima volta, ho letto le lettere d’amore che i miei genitori si scrissero, nel corso di lunghi quattro anni”.

Una storia d’altri tempi, lui a Caracas in Venezuela e lei in Italia ci fanno rivivere  uno spaccato di una Italia che inizia a risorgere dalle macerie della guerra. Attraverso gli scritti, emergono sentimenti e costumi di una generazione che è archiviata negli annali della storia. “Scusami se il foglio è un po’ macchiato. Mentre scrivevo questo rigo, si è rovesciato il calamaio”, teneva a sottolineare Rina, in una delle sue epistole. Le lettere, via aerea, impiegavano più di un mese per arrivare a destinazione, una modalità di comunicazione lontana anni luce dall’avvento di internet e degli smartphone. Rina è una giovane infermiera, figlia di contadini, cresciuta a Parma. Lavora poi in una clinica di Genova e, fra un turno e l’altro, apre il suo cuore in lunghe lettere d’amore. Brunero dal Venezuela corrisponde  ai suoi sentimenti. Lavora come tecnico specializzato in impianti elettrici. Nel giugno  del 1954, ritorna con la nave a Genova ma non trova nessuno ad aspettarlo. Si reca all’indirizzo della casa ammobiliata dove risiede la sua Rina e scopre che è ricoverata in ospedale. Dopo due mesi, si sposano: è il 19 luglio del 1954. In quegli stessi anni, l’Italia conquista, per la prima volta nella storia, la seconda vetta più alta del mondo, il K2, con Achille Compagnoni e Lino Lacedelli, sotto la guida di Ardito Desio. 

       Il libro- testimonianza, curato con padronanza di linguaggio da Alessandra Zaghi, nel 2021 fu vincitore del concorso letterario “Emozioni letterarie”. Nello stesso anno, è stato fra i finalisti del premio letterario ”Saverio Tutino”, promosso dall’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano (AR) . Il 7 maggio di quest’anno, il libro è stato presentato nella sala Lignea della biblioteca Malatestiana di Cesena e il 22 maggio,  nella città di Morciano di Romagna. 

La prefazione  e il disegno in copertina  sono di Silvano Tontini. Postfazione di Arturo Zani.

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post