Le colpe dei giornalisti

Spietata analisi di Pierluigi Battista che fa riflettere

CESENA. L’allarme lo ha lanciato Pierluigi Battista nella sua rubrica quotidiana su Huffington post: i giovani leggono i libri, ma non i giornali. Non ha fatto niente di particolare: ha analizzato i dati delle statistiche ufficiali, quelli che non possono essere contestati. Riguardano le vendite e attestano che negli ultimi tempi sia aumentato il numero di libri venduti, mentre i giornali continuano a perdere copie. Dato che smentisce un luogo comune, quello secondo il quale i giovani non leggono più perché storditi dai social. E su questo Battista è impietoso: non è vero – scrive -, leggono, ma i libri. E aggiunge: sono i giornali che non vengono più letti. 

Un’analisi impietosa, ma reale che, però, fa sobbalzare se è fatta da un’importante firma  italiana che è stato un architrave del più importante quotidiano italiano. Ma Pierluigi Battista ha ragione e fa bene soprattutto perché stimola una categoria, a volte troppo autoreferenziale, ad interrogarsi sul perché non riusciamo ad attrarre l’attenzione dei lettori giovani o di quelli che ci hanno abbandonato.

Va riconosciuto che i libri non hanno concorrenza, mentre l’alternativa ai giornali esiste ed è poderosa. Questo è un aspetto che non può passare in secondo piano, ma non può essere il dito dietro il quale nascondersi. Anzi. Non a caso è su questo tema che Battista cala il carico da undici: la colpa, al contrario, è tutta nostra (giornalisti ndr): siamo pigri, invecchiati, ideologici, presuntuosi, succubi di un modello culturale ossificato, incapaci di comprendere il mondo e i suoi lettori che preferiamo insultare con invettive datate, dedicando pagine e pagine ai temi che ci ossessionano senza capire che le nostre ossessioni non interessano sempre più a nessuno. 

Analisi spietata, ma aderente ad una realtà che si ripropone nelle rassegne stampa mattutine. Una panoramica che dimostra che i giornali hanno un’identità politica, nel senso che sono schierati. E quello va bene perché c’è sempre meno spazio per i prodotti generalisti. Il problema è la scelta della notizie. In un momento in cui l’aspetto identitario è fondamentale i quotidiani sono sempre di rincorsa, nel senso che si fanno dettare l’agenda, soprattutto dalla politica. Mentre dovrebbe essere il contrario.

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post