Luca Panzavolta (CIA-Conad) al Meeting: «Patto tra produttori e distributori per la sostenibilità e la qualità ambientale»

I consumatori chiedono sempre più attenzione alla sostenibilità e all’ambiente, la sfida è come conciliare la necessità di sfamare un mondo sempre più popolato con la qualità, la salubrità e un sempre minore impatto delle produzioni. L’AD di CIA-Conad, Luca Panzavolta, ospite del Meeting, snocciola la ricetta del primo gruppo distributivo italiano: «Sviluppare dei contratti di filiera con i produttori. Questo ci consente da un lato di “imporre” delle regole di produzione che siano compatibili con l’ambiente, dall’altro di fornire un prodotto con caratteristiche di qualità è salubrità», allo stesso tempo dando certezze ai produttori «che il loro prodotto sarà acquistato a dei prezzi ragionevoli. Questo ci consente di mettere a disposizione dei nostri clienti prodotti di qualità, ma con prezzi assolutamente competitivi».

La sostenibilità ambientale infatti «produce dei costi alle aziende di produzione e distribuzione, ma questi costi non possono essere scaricati sui consumatori finali, ma devono rimanere all’interno della filiera». È quindi ancora più necessaria «una partnership tra i produttori e noi che distribuiamo».

Commenta con Facebook
Avatar photo

Romagnapost.it

Le notizie più interessanti, curiose e divertenti prese da Internet e pubblicate su Romagnapost.it. A cura dello staff di Tribucoop. 

Dialoga con l'autore di questo post