Opere pubbliche, lo stato dei lavori

Sono cinque i maxi intercventi in fase di realizzazione

CESENA. Scuola, cultura e infrastrutture stradali. Sono cinque le maxi-opere in via di realizzazione sul territorio comunale e dell’ammontare complessivo di 10 milioni di euro che concorrono a definire ulteriormente la Cesena del futuro.

Rotatoria di Borgo Paglia

In queste settimane si lavora per realizzare il cordolo della pista ciclabile e il completamento del marciapiede del nuovo parcheggio, la cui conclusione è in programma per la fine del mese di luglio. Inoltre, saranno realizzati gli asfalti finali sulla rotatoria e i relativi innesti. Entro venerdì 6 agosto invece si procederà con il completamento di tutti i lavori, ad esclusione della sola asfaltatura finale nel tratto interessato dalla realizzazione della nuova rete fognaria, i cui lavori partiranno a settembre. Il progetto, che equivale a una spesa complessiva di 1 milione di euro, si pone l’obiettivo di risolvere gli aspetti critici attraverso la realizzazione di una nuova rotatoria al posto dell’attuale intersezione canalizzata per ottenere una maggiore scorrevolezza del traffico ed aumentare il livello di sicurezza dello svincolo, e di una strada di servizio a doppio senso  che avrà accesso direttamente dalla rotonda con annesso parcheggio a fianco  della borgata di Borgo Paglia al fine di eliminare i conflitti con i veicoli in transito nell’intersezione principale. La rotatoria avrà un diametro esterno di 60 metri con carreggiata di larghezza pari a 9 metri tra la carreggiata e l’anello centrale, che sarà destinato a verde pubblico. Inoltre, per aumentare il livello di sicurezza, il progetto prevede la realizzazione di una strada di servizio delle proprietà private con accesso/uscita direttamente in rotonda. Per moderare ulteriormente la velocità, ai fini della sicurezza stradale, sia nella nuova rotatoria che nella strada di servizio alla borgata sarà istituita una nuova zona con limite di velocità 30 km orari.

Scuola Primaria di Martorano

Procede l’avanzamento dei lavori dello stabile i cui spazi rinnovati potranno ospitare studenti, insegnanti e personale già dal prossimo 13 settembre, data di avvio del nuovo anno scolatico. La struttura, interessata da un progetto di ripristino strutturale di oltre 1 milione e 200 mila euro, verrà ammodernata per diventare più funzionale, più efficiente da un punto di vista energetico e, soprattutto, più sicura sul fronte antisismico. Nel corso di questi mesi si è proceduto con il consolidamento delle murature e dei solai, rifacimento completo del manto di copertura del corpo più vecchio del plesso, e con l’avvio di alcuni interventi necessari per rendere la struttura. Con questo progetto si conclude un capitolo importante per la qualificazione del polo scolastico di Martorano, dopo che nel 2012 la scuola per l’infanzia (in precedenza collocata all’interno dello stesso edificio della primaria) si era trasferita nella nuova struttura. Così gli spazi precedentemente occupati dalla materna, per un’estensione di circa 450 metri quadrati, sono diventati  disponibili per le esigenze delle classi elementari. Nelle prossime settimane invece i lavori saranno interessati dall’installazione degli impianti idraulico, elettrico e di riscaldamento, dalla finitura dei controsoffitti e dal montaggio di porte, finestre e della scala di ferro esterna. 

Rifacimento delle “Tre Piazze”

Si guarda alle festività natalizie e alla fine del 2021 per il completamento definitivo degli interventi in Piazza Almerici. Ad oggi i lavori che sono stati eseguiti riguardano la piazza che separa i palazzi del Ridotto e Almerici, vicolo Masini e, a partire da questi giorni, anche Piazza Bufalini. Tutte le operazioni fin qui eseguite sono state accompagnate da scavi archeologici che hanno portato alla luce alcune strutture murarie dei palazzi presenti nell’area in epoche passate. Prima delle festività natalizie in Piazza Almerici si procederà con la posa della pavimentazione. Una volta conclusa questa fase, i lavori si sposteranno su Piazza Bufalini. 

Il progetto, che riqualificherà l’intera area e darà un nuovo ingresso alla Biblioteca Malatestiana, ha un costo di 3,3 milioni di euro, che sarà completamente finanziato con risorse extracomunali: 1,8 milioni di euro è la somma destinata dalla presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza nelle periferie, a cui si aggiungono 1,5 milioni di euro destinati dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – e attribuiti dalla Regione Emilia-Romagna – nell’ambito degli interventi di rigenerazione urbana previsti dal piano operativo del Fondo Sviluppo e Coesione. 

E di vero e proprio ingresso si tratta. Se da una parte le Tre Piazze saranno un corridoio che condurrà all’entrata principale della Biblioteca Malatestiana, dall’altro accompagneranno i cesenati negli spazi rinnovati del Terzo Lotto, opera del valore di 2.845.579,12 euro (di cui 1 milione e 200mila euro arrivati dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito di fondi europei), che completano il recupero degli spazi dell’ex Liceo classico, avviato nel 2004 e per cui il Comune ha investito complessivamente 10 milioni di euro.

Potenziamento della rete ciclo-pedonale Via Emilia-Via Cervese e manutenzione Viadotto J. F. Kennedy

Il progetto corrisponde a un investimento di 2 milioni e mezzo di euro e gode di un finanziamento regionale di 400 mila euro nell’ambito del bando regionale “Ciclabilità del Piano operativo degli investimenti del Fondo FSC 2014-2020”. Essendo uno dei principali snodi del traffico per il superamento della barriera fisica della linea ferroviaria, il viadotto Kennedy richiede un intervento strutturale di elevata funzionalità e sicurezza per la ciclabilità che, allo stesso tempo, non crei maggiore difficoltà alla circolazione dei veicoli a motore che sarebbe penalizzante anche per la mobilità dei ciclisti. 

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post