I problemi dell’economia

In particolare sono due e non di facile soluzione

CESENA. L’economia comincia a girare, i segnali sono buoni, ma non mancano i rischi. E’ quello che emerge dalla quotidiana lettura dei giornali economici o delle sezioni economiche. Oggi sono tre le notizie che hanno maggiormente attirato la mia attenzione. E sono tutte legate.

Il Sole 24 Ore. La produzione meccanica sale del 15,6%. 

Il dato è del primo trimestre grazie al miglioramento della domanda interna e della ripresa del commercio mondiale. Emerge dall’indagine congiunturale di Federmeccanica sull’ industria metalmeccanica. Restano due criticità: il costo e la reperibilità delle materie prime e le difficoltà a trovare personale qualificato. 

Il Sole 24 Ore. Una azienda su due non trova i candidati da assumere

Il 56%, delle imprese ha difficoltà nel reperire i profili professionali necessari per lo svolgimento dell’attività aziendale. Un dato peggiore di quello rilevato circa due anni fa, quando erano il 47% le aziende che evidenziavano questo grande problema. Il 16% delle imprese dice di dover aumentare gli occupati nei prossimi mesi, rispetto all’ 8% che ritiene di doverli diminuire. Il problema è il reperimento di personale qualificato. Le competenze più difficili da reperire sono quelle tecniche di base e tradizionali, come dice il 42% degli intervistati, seguite da quelle trasversali per il 31% e dalle competenze tecnologiche avanzate e digitali per il 24%. Un circolo vizioso che non ci possiamo permettere

Corriere della Sera. Ferrari: le fabbriche temono la carenza delle materie prime 

In un’intervista a Rita Quarzè Pietro Ferrari, presidente di Confindustria Emilia Romagna, dice che quello dello sblocco dei licenziamenti è un falso problema. Poi aggiunge che secondo i loro calcoli i posti a rischio potrebbero essere tra i 60 e i 90 mila. Che non sono comunque bruscolini, aggiungo io.  Secondo Ferrari queste persone potrebbero essere aiutate a trovare un nuovo lavoro perché ci sono molti settori che cercano personale e non riescono a trovarlo. A partire dall’edilizia.

Tra i problemi parte da quello delle materie prime. Denuncia che tutti i settori si trovano a fare i conti con materiali introvabili e costosissimi. Le fabbriche si fermano a singhiozzo. Lo considera un vincolo alla crescita da non sottovalutare.

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post