Capitale del libro, Cesena ci spera

Venerdì l'annuncio. Sono sei le finaliste

CESENA. Sarà proclamata venerdì (alle 11) la città vincitrice del titolo “Capitale italiana del Libro”. La giuria, presieduta da Romano Montroni, comunicherà al ministro della Cultura, Dario Franceschini, la città designata per il 2021. Oltre a Cesena in lizza ci sono: Ariano Irpino, Caltanissetta, Campobasso, Pontremoli e Vibo Valentia. La città vincitrice riceverà dal ministero della Cultura, tramite il Centro per il Libro e la Lettura, un contributo di 500 mila euro per la realizzazione del progetto. 

La Capitale italiana del libro è stata istituita dal ministro Franceschini nel 202 per la promozione e il sostegno della lettura. Il titolo della prima edizione è stato conferito al comune di Chiari in provincia di Brescia, uno dei paesi più colpiti dalla epidemia da Covid-19 che nei mesi più duri del lockdown ha trovato proprio nella lettura, compiuta attraverso i canali social dell’amministrazione, uno degli strumenti per sostenere la comunità. La cerimonia sarà trasmessa online sul canale Youtube del ministero della Cultura.

Intanto Cesena spera. Potenzialmente pare in grado di poter ambire alla vittoria. Sulla carta la principale concorrente pare essere Pontremoli. Il piccolo Comune (poco più di settemila abitanti) è in provincia di Massa Carrara e dal 1953 è la sede del premio Bancarella. Indubbiamente è un biglietto da visita importante. Niente però a che vedere con la biblioteca Malatestiana. Questo non vuol dire che sia un testa a testa fra Cesena e Pontremoli. Anche le altre candidate hanno le stesse possibilità e in casi come questi ci sono tantissime dinamiche da tenere presente.

La Malatestiana vista dall’alto

Fra l’altro Cesena e Pontremoli sono abbastanza in sintonia. E a legarle è il premio Bancarella. Da una quindicina di anni a Cesena si tiene il Bancarella nelle scuole, iniziativa griffata Confesercenti e organizzata da Gigia Pieri. Che, col passare del tempo, ha raddoppiato creando una gustosa anteprima del Bancarella: una serata di gala, condotta da Elide Giordani, alla quale partecipano i finalisti del Bancarella. Il Covid lo scorso anno non la fermò. E ci sono buone possibilità che torni anche quest’anno. Gigia Pieri ci sta lavorando alacremente e conoscendo la sua determinazione si può essere ottimisti.

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post