Quante storie nella Storia

BAGNACAVALLO. Anche quest’anno l’Archivio storico comunale di Bagnacavallo parteciperà a Quante storie nella Storia. Settimana della didattica e dell’educazione al patrimonio in archivio, iniziativa promossa dal Servizio Patrimonio culturale della Regione Emilia-Romagna, dall’Associazione nazionale archivistica italiana-Sezione Emilia-Romagna e dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia-Romagna e che si terrà dal 3 al 9 maggio su tutto il territorio regionale.

La ventesima edizione dell’iniziativa, intitolata Quante storie nella Storia: raccontacene una!, vede gli archivi coinvolti partecipare con un breve video che racconti una piccola storia che accenda l’interesse, la curiosità e le emozioni dello spettatore, a partire da un documento.

L’archivio bagnacavallese parteciperà con il video Napoleone: una rivoluzione per immagini, nel quale verrà brevemente presentata al pubblico una spiegazione della simbologia utilizzata nelle carte intestate di epoca repubblicana, veicolo di quei valori nuovi portati nei territori conquistati da Napoleone ed ereditati dalla Rivoluzione francese. Tutte le carte presentate nel video sono conservate nell’archivio di Bagnacavallo.

«La simbologia presente nelle carte intestate risalenti per lo più all’epoca della Repubblica Cisalpina – spiega Patrizia Carroli, responsabile dell’Archivio storico comunale – è un vero e proprio universo di significato per immagini: tali carte sono oggetto di un importante laboratorio di storia che da anni viene proposto alle scuole medie del territorio. Non avendolo potuto svolgere in presenza per via della situazione sanitaria contingente, si è pensato di renderlo tramite un video fruibile dai ragazzi e dagli adulti.»

Il video, che verrà proposto dalle 12.30 di mercoledì 5 maggio in occasione del bicentenario della morte di Napoleone, sarà visibile sulla pagina Facebook della Biblioteca Taroni di Bagnacavallo e sui canali della Regione dedicati all’iniziativa.

L’appuntamento vuole essere un’occasione per dare visibilità all’attività didattica e di educazione al patrimonio che gli archivi svolgono: le iniziative proposte sono rivolte sia ad un pubblico adulto sia ai giovani, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza di quanto l’archivio sia importante per la vita civile, come bene culturale e come memoria storica collettiva.

Questo il link delle pagine dedicata alla Settimana della didattica: https://patrimonioculturale.regione.emilia-romagna.it/aree-tematiche/comunita/incontrare-il-patrimonio/quante-storie-nella-storia

Commenta con Facebook

Dialoga con l'autore di questo post