Disegnata la Cesena del 2040

Documento elaborato dal Pd per supportare la creazione del Pug

CESENA. Una città più green, con più spazio alle periferie e opportunità abitative per tutti. In sostanza: una città più vivibile. E’ quella che immagina il Pd quando si parla di Cesena 2040. Le indicazioni, fatte di idee e progetti, sono contenute in un documento di una ventina di pagine elaborato dopo una serie di incontri nei circoli cesenati e l’elaborazione delle risposte date a 180 questionari. L’obiettivo era produrre qualcosa che in concreto possa aiutare all’elaborazione del Pug, uno degli atti più importanti di questa legislatura.

Cesena aspetta un nuovo piano regolatore da oltre 20 anni. L’ultimo, firmato da Giorgio Andreucci, risale al Duemila. Nel frattempo è cambiato il mondo. Allora si ragionava sulla necessità di garantire più aree al sistema produttivo e a quello edilizio. Poi è arrivato il  cataclisma provocato dalla crisi del 2008 e quando sembrava che la crisi fosse superata c’è stato la mazzata del Covid. Nel mezzo era cambiato il modo di lavorare che con la pandemia ha subito un’accelerazione. Mentre non c’è stata nessuna inversione di tendenza sulla denatalità, fenomeno che ha molte cause. E tra queste è stato giusto individuare anche gli asili nido.

Ora per l’abitare l’emergenza è legata soprattutto a una zona grigia in continuo aumento, quella che non può accedere alle case popolari e non ha i soldi per acquistare l’appartamento. Ma c’è anche il tema della rigenerazione. In passato ad ogni piè sospinto si parlava di parcheggi e centro storico ora diventa centrale (finalmente) il rilancio delle periferie che deve passare dal miglioramento dei servizi e dai collegamenti, a partire da quelli sostenibili (bicipolitana).

Altro tema di importanza vitale è il futuro del Bufalini. Essendo scontato che resterà a vocazione sanitaria, secondo il Pd dovrà prevedere spazi per i ricoveri in caso di calamità, ma, soprattutto, essere dedicato ai ricoveri brevi o brevissimi. Mentre il nuovo ospedale dovrà ruotare attorno al trauma center. Nel frattempo viene avanti un’idea interessante che è quella di collegare il nuovo ospedale con la facoltà di ingegneria Biomedica per creare un distretto del settore biomedico. 

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post