Il 25 marzo si è svolto a Forlì il secondo Dantedì

Due eventi curati da Direzione21 e ADI hanno celebrato a Forlì la giornata nazionale dedicata al Sommo Poeta

Il 25 marzo 2021 si è celebrato il secondo DanteDì nazionale. Moltissime sono state le iniziative in tutta Italia, e anche Forlì non è stata da meno grazie all’impegno dell’associazione culturale Direzione21, che da oltre sette anni si occupa di tutte le iniziative legate alla figura di Dante a Forlì e a l’associazione ADI, promotrice dell’iniziativa “Nel nome di Dante”, guidata dal prof. Alberto Casadei. La giornata è stata valorizzata da due importanti eventi.
Il primo è consistito in una grande diretta streaming, aperta alle scuole forlivesi di ogni ordine e grado, in collaborazione e con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico regionale.
Alla presenza di oltre 300 studenti collegati online è stato presentato il video “Il Paradiso dei Bambini” realizzato dagli alunni della scuola primaria “Alessandro Manzoni” e della scuola primaria “Dante Alighieri” con la recitazione di alcuni dei più bei canti della cantica del Paradiso della Divina Commedia, corredato da alcune interviste a personaggi pubblici forlivesi.

Nel pomeriggio, in piazza Saffi un gruppo di 33 cantori, indossando una pettorina rossa celebrativa, si è ritrovato per omaggiare il Sommo Poeta con una flash comedy in cui, in cinque minuti, sono stati recitati in simultanea la prima e l’ultima terzina di ogni canto della Commedia.
La giornata è stata una prima tappa di una serie di appuntamenti pensati per questo anno dedicato a Dante Alighieri che vedrà il suo apice nelle giornate del 21-22 maggio 2021, con gli incontri internazionali “Nel nome di Dante”, e che si concluderanno nella giornata del 23 maggio, con la oramai classica maratona dantesca “ForlìDante – Tòta la Cumégia”: scuole e cittadini daranno voce ai 100 canti della Divina Commedia nel chiostro interno dei Musei San Domenico di Forlì, dando vita per il settimo anno consecutivo a un evento unico della durata di oltre 16 ore.

Direzione21 comunica infine che la scadenza del concorso cittadino “Io mi dilettava di guardare”, che ha già ricevuto oltre 60 adesioni, è stata prorogata al 21 aprile 2021 per dare un’ulteriore possibilità di partecipazione a scuole e cittadini.
Per info e iscrizioni ass.direzione21@gmail.com

Commenta con Facebook

Marco Viroli

Scrittore, giornalista pubblicista e copywriter, è nato a Forlì nel 1961. Laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione eventi (mostre d’arte, reading, concerti, spettacoli, incontri con l’autore, ecc.) per conto di imprese ed enti pubblici. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di relazioni esterne per una fondazione di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” (la più antica manifestazione di presentazioni d’autori in Italia) e con “Forlì nel Cuore”, promotrice degli eventi che si svolgono nel centro della città romagnola. Dal 2004 è scrittore e editor per la casa editrice «Il Ponte Vecchio» di Cesena. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” sul free press settimanale «Diogene», di cui, dal 2013, è diventato direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa le campagne elettorali dei candidati del Partito Democratico Gabriele Zelli e Davide Drei, divenuti poi rispettivamente sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Nel 2019 ha supportato come ufficio stampa la campagna elettorale di Paola Casara, candidata della lista civica “Forlì cambia” al consiglio comunale di Forlì, centrando anche in questo caso l’obiettivo. Dal 2014 è addetto stampa di alcune squadre di volley femminile romagnole (Forlì e Ravenna) che hanno militato nei campionati di A1, A2 e B. Come copywriter freelance ha collaborato con alcune importanti aziende locali e nazionali. Dal 2013 al 2016 è stato consulente di PubliOne, agenzia di comunicazione integrata, e ha collaborato con altre agenzie di comunicazione del territorio. Dal 2016 al 2017 è stato consulente di MCA Events di Milano e dal 2017 collabora con Librerie.Coop. Dal 2017 è consulente Ufficio Stampa ed Eventi della catena Librerie.Coop, con sede a Bologna. È vicepresidente dell’associazione culturale Direzione 21 che da cinque anni organizza la manifestazione “Dante. Tòta la Cumégia”, volta a valorizzare il ruolo di Forlì come città dantesca e che culmina ogni anno con la lettura integrale della Divina Commedia. Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, Se incontrassi oggi l’amore. Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe Il mio amore è un’isola (2004) e Nessun motivo per essere felice (foto di N. Conti, 2007). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai Poeti romagnoli di oggi e… («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011, 2013), Sguardi dall’India (Almanacco, 2005) e Senza Fiato e Senza Fiato 2 (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: Caterina Sforza. Leonessa di Romagna (2008), Signore di Romagna. Le altre leonesse (2010), I Bentivoglio. Signori di Bologna (2011), La Rocca di Ravaldino in Forlì (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: Forlì. Guida alla città (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2012), Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2013), Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2014), I giorni che sconvolsero Forlì («Il Ponte Vecchio», 2014), Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2015), Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna («Il Ponte Vecchio», 2016), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna volume 2 («Il Ponte Vecchio», 2017); L’Oratorio di San Sebastiano. Gioiello del Rinascimento forlivese (Tip. Valbonesi, 2017), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna, vol. 3 («Il Ponte Vecchio», 2018). Nel 2014, insieme agli storici Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila. Nel 2017, con Castellari C., Novara P., Orioli M., Turchini A., ha dato alle stampe La Romagna dei castelli e delle rocche («Il Ponte Vecchio»). Nel 2018 ha pubblicato, con Marco Vallicelli e Gabriele Zelli., Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.1 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018), cui ha fatto seguito nel 2019, con gli stessi coautori, Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.2 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018). Nel 2019, ha pubblicato con Flavia Bugani e Gabriele Zelli Forlì e il Risorgimento. Itinerari attraverso la città, foto di Giorgio Liverani, (Edit Sapim, 2019). È inoltre autore delle monografie industriali: Caffo. 1915-2015. Un secolo di passione (Mondadori Electa, 2016) e Bronchi. La famiglia e un secolo di passione imprenditoriale (Ponte Vecchio, 2016). 

Dialoga con l'autore di questo post