Iniziative e video danteschi a Forlì a cura dell’Associazione degli Italianisti

L’Associazione degli Italianisti (Adi) organizza per il 2021, settimo centenario della morte di Dante Alighieri, varie iniziative patrocinate dal Comitato Nazionale per le celebrazioni, fra cui spicca la serie di incontri internazionali con scrittori e artisti intitolata “Nel nome di Dante”. Questi incontri si terranno in tutta Italia nel mese di maggio 2021 e non saranno conferenze tradizionali: infatti, partendo da uno spunto dantesco, i relatori affronteranno temi di rilevanza perenne ma anche di attualità, come l’incontro fra lingue e culture diverse, gli esili a seguito di lotte politiche e di guerre, le modalità per narrare il reale o il fantastico.

Una tappa fondamentale di questa serie si terrà a Forlì il 21 e il 22 maggio, grazie al sostegno della Fondazione Cassa dei Risparmi, alla collaborazione con il Comune e con il Dipartimento di interpretazione e traduzione dell’Università di Bologna, e all’organizzazione tecnica dell’Ass. Direzione21. Con il coordinamento generale di Alberto Casadei, docente all’Università di Pisa, saranno presenti o video collegati lo storico Alessandro Barbero, autore di una nuova biografia dantesca, il romanziere rumeno Mircea Cărtărescu, candidato al premio Nobel, lo scrittore pluripremiato francese Yannick Haenel, e i vincitori del premio Strega Helena Janeczek e Nicola Lagioia. Nella giornata del 21 sarà organizzata una tavola rotonda su Dante e le sue traduzioni a cura di Chris Rundle (Dip. di interpretazione e traduzione).

L’iniziativa è collegata con altre già previste per il Dantedì (25 marzo) e con la “Maratona” di letture dalla Divina Commedia (23 maggio) ed entrerà in sinergia con altre iniziative forlivesi, in particolare la grande mostra al San Domenico, in fase di organizzazione a cura della Fondazione Cassa dei Risparmi.

Per coinvolgere la cittadinanza forlivese, oltre alle scuole di ogni ordine e grado, e per favorire la futura ripresa del turismo culturale, a partire dal 20 gennaio 2021 verrà diffuso il video “Dante a Forlì, Forlì a Dante”, con la supervisione artistica di Franco Palmieri, nel quale verranno valorizzati molti luoghi danteschi forlivesi, assieme ai versi più celebri della Divina Commedia su Forlì e il suo territorio.

Il video è visibile al link: https://youtu.be/MSdxbo7v1UE

CARATTERISTICHE DEL VIDEO “DANTE A FORLI’, FORLI’ A DANTE”
Il video non è un documentario sulla Forlì dell’epoca di Dante (già ben ricostruita in alcuni recenti), ma vuole invece suggerire la presenza nascosta e tuttavia forte della sua opera e dei suoi versi nei posti più diversi e addirittura impensati. La protagonista, Beatrice Buffadini, è una giovane donna che percorre varie strade e piazze di Forlì in bicicletta nella nostra piena contemporaneità e incontra tracce dantesche nei luoghi dove sorgevano le case degli Ordelaffi o presso le chiese o nella biblioteca comunale. Il percorso apparentemente casuale si trasforma in una continua scoperta, che genera un ricordo affettuoso verso chi ci è ancora vicino, pur essendo scomparso da settecento anni.
Questo tragitto all’insegna della memoria viene nutrito dai versi della Divina Commedia, recitati dalla stessa Buffadini e da Luca Maggiore: nei luoghi che Dante ha quasi certamente visitato, pur essendo spesso del tutto cambiati, si coglie ancora la presenza delle sue parole, che superano ogni distanza temporale. Dante a Forlì si rispecchia in Forlì a Dante grazie a questo video-racconto o, meglio ancora, questa video-poesia, che si apre con la sonorità naturale dell’Acquacheta e si chiude con l’impressionante verticalità del campanile di San Mercuriale: metafore efficaci di alcuni degli effetti suscitati dalle terzine del poema dantesco.
La regia del video è di Franco Palmieri, che lo ha ideato, assieme ad Alberto Casadei, nell’ambito delle iniziative Nel nome di Dante, promosse dall’Associazione degli italianisti e sostenute a Forlì dalla Fondazione Cassa dei Risparmi.
La fotografia e il montaggio sono stati curati da Luca Guidi. La produzione è stata coordinata da Andrea Sansovini di TopService srl.
La segreteria organizzativa è stata tenuta dall’Associazione Direzione21.

Per informazioni: Andrea Sansovini, Associazione Direzione21, email: andrea@topservicesrl.it
Per informazioni sulle attività dantesche dell’Adi: www.dantenoi.it

Alberto Casadei insegna Letteratura italiana all’Università di Pisa. Si è occupato di testi dal Tre al Cinquecento (Dante, Ariosto, Machiavelli ecc.), nonché di poesia e narrativa contemporanee, anche in una prospettiva comparatistica e teorica. Ha pubblicato su numerose riviste scientifiche italiane e straniere, e ha tenuto conferenze in molte sedi internazionali, come Berlino-Potsdam, Bruxelles, Losanna, Madrid, Monaco di Baviera, New York, Parigi, Princeton, ecc. Fra i suoi ultimi studi, Biologia della letteratura. Corpo, stile, storia (Il Saggiatore 2018), Dante: altri accertamenti e punti critici (F. Angeli 2019), Dante. Storia avventurosa della “Divina commedia” dalla selva oscura alla realtà aumentata (Il Saggiatore 2020).

Commenta con Facebook

Marco Viroli

Scrittore, giornalista pubblicista e copywriter, è nato a Forlì nel 1961. Laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione eventi (mostre d’arte, reading, concerti, spettacoli, incontri con l’autore, ecc.) per conto di imprese ed enti pubblici. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di relazioni esterne per una fondazione di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” (la più antica manifestazione di presentazioni d’autori in Italia) e con “Forlì nel Cuore”, promotrice degli eventi che si svolgono nel centro della città romagnola. Dal 2004 è scrittore e editor per la casa editrice «Il Ponte Vecchio» di Cesena. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” sul free press settimanale «Diogene», di cui, dal 2013, è diventato direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa le campagne elettorali dei candidati del Partito Democratico Gabriele Zelli e Davide Drei, divenuti poi rispettivamente sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Nel 2019 ha supportato come ufficio stampa la campagna elettorale di Paola Casara, candidata della lista civica “Forlì cambia” al consiglio comunale di Forlì, centrando anche in questo caso l’obiettivo. Dal 2014 è addetto stampa di alcune squadre di volley femminile romagnole (Forlì e Ravenna) che hanno militato nei campionati di A1, A2 e B. Come copywriter freelance ha collaborato con alcune importanti aziende locali e nazionali. Dal 2013 al 2016 è stato consulente di PubliOne, agenzia di comunicazione integrata, e ha collaborato con altre agenzie di comunicazione del territorio. Dal 2016 al 2017 è stato consulente di MCA Events di Milano e dal 2017 collabora con Librerie.Coop. Dal 2017 è consulente Ufficio Stampa ed Eventi della catena Librerie.Coop, con sede a Bologna. È vicepresidente dell’associazione culturale Direzione 21 che da cinque anni organizza la manifestazione “Dante. Tòta la Cumégia”, volta a valorizzare il ruolo di Forlì come città dantesca e che culmina ogni anno con la lettura integrale della Divina Commedia. Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, Se incontrassi oggi l’amore. Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe Il mio amore è un’isola (2004) e Nessun motivo per essere felice (foto di N. Conti, 2007). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai Poeti romagnoli di oggi e… («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011, 2013), Sguardi dall’India (Almanacco, 2005) e Senza Fiato e Senza Fiato 2 (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: Caterina Sforza. Leonessa di Romagna (2008), Signore di Romagna. Le altre leonesse (2010), I Bentivoglio. Signori di Bologna (2011), La Rocca di Ravaldino in Forlì (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: Forlì. Guida alla città (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2012), Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2013), Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2014), I giorni che sconvolsero Forlì («Il Ponte Vecchio», 2014), Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2015), Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna («Il Ponte Vecchio», 2016), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna volume 2 («Il Ponte Vecchio», 2017); L’Oratorio di San Sebastiano. Gioiello del Rinascimento forlivese (Tip. Valbonesi, 2017), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna, vol. 3 («Il Ponte Vecchio», 2018). Nel 2014, insieme agli storici Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila. Nel 2017, con Castellari C., Novara P., Orioli M., Turchini A., ha dato alle stampe La Romagna dei castelli e delle rocche («Il Ponte Vecchio»). Nel 2018 ha pubblicato, con Marco Vallicelli e Gabriele Zelli., Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.1 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018), cui ha fatto seguito nel 2019, con gli stessi coautori, Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.2 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018). Nel 2019, ha pubblicato con Flavia Bugani e Gabriele Zelli Forlì e il Risorgimento. Itinerari attraverso la città, foto di Giorgio Liverani, (Edit Sapim, 2019). È inoltre autore delle monografie industriali: Caffo. 1915-2015. Un secolo di passione (Mondadori Electa, 2016) e Bronchi. La famiglia e un secolo di passione imprenditoriale (Ponte Vecchio, 2016). 

Dialoga con l'autore di questo post