Sulle tracce di Dante a Forlì: inquadramento storico

Introduzione all'itinerario cittadino ricostruito da Marco Viroli e Gabriele Zelli

Da oltre dieci anni, ogni volta che è stato possibile, non abbiamo perso occasione per porre l’accento su come Forlì vada considerata città dantesca a tutti gli effetti. Fu nella nostra città, infatti, che, dopo essere stato costretto all’esilio dalla natia Firenze, il Sommo Poeta fu ospitato da Scarpetta Ordelaffi, il signore della città, che gli offrì anche un lavoro di segretario.
Le indicazioni dello storico Sergio Spada e i nostri approfondimenti, risalenti al 2012, anno di pubblicazione del nostro fortunato volume “Forlì. Guida alla città”, consentono di proporre un itinerario dantesco all’interno del centro cittadino molto interessante, sia per valenza storica sia per rimandi letterari. Ovviamente la stragrande maggioranza dei luoghi descritti in questo percorso ha subito nei secoli radicali trasformazioni o addirittura è scomparsa.

La “Divina Commedia” è universalmente ritenuta la più grande opera letteraria scritta in lingua italiana, nonché uno tra i maggiori capolavori dell’intera letteratura mondiale. Si fanno quindi sempre più frequenti le presenze di gruppi interessati a conoscere in modo approfondito la vita del poeta fiorentino e i luoghi in cui sostò durante il suo lungo esilio. Tali gruppi sono certamente destinati ad aumentare nel 2021 per le celebrazioni del 700° anniversario della morte di Dante Alighieri (1265 – 1321), una ricorrenza che porterà nelle città dantesche un numero cospicuo di turisti interessati a ripercorrere le tappe della vita del Poeta.
Com’è noto, con due sentenze successive (27 gennaio e 10 marzo 1302) il poeta fiorentino fu condannato al rogo e alla distruzione delle proprietà di famiglia. Da quel momento in poi Dante visse senza poter rivedere la città natale. Nel 1301, infatti, con un rivolgimento politico e militare, s’impose a Firenze come podestà Cante dei Gabrielli di Gubbio (1260 – 1335), appartenente alla fazione dei guelfi neri, il quale avviò una politica di sistematica persecuzione degli esponenti politici di parte bianca, molti dei quali furono uccisi o espulsi dalla città sull’Arno. Dante fuggì e trovò rifugio in un primo tempo ad Arezzo, poi a San Benedetto in Alpe, quindi a Forlì.
È importante ricordare che, nel 1303, dopo alcuni tentativi falliti di riprendere il potere, con il grado di capitano dell’esercito degli esuli, Dante organizzò insieme a Scarpetta Ordelaffi, capo del partito ghibellino e signore di Forlì, un tentativo di rientrare a Firenze. L’impresa non ebbe però successo: il podestà di Firenze, Fulcieri da Calboli (? – 1340), per ironia della sorte anch’egli forlivese, nemico giurato degli Ordelaffi, riuscì ad avere la meglio nella battaglia di Castel Puliciano. In un successivo tentativo, nel 1304, i guelfi bianchi e i ghibellini furono nuovamente sconfitti, per cui questi avvenimenti determinarono l’impossibilità per Dante di rientrare in patria.
L’esilio forzato fece sì che egli potesse conoscere approfonditamente la nostra terra, sia dal punto di vista ambientale sia sotto l’aspetto storico, trasferendo questa conoscenza nella “Comédia”, opera in cui la Romagna, la sua storia, i suoi personaggi occupano pari spazio rispetto a quello dedicato a fiorentini e toscani.
Iniziamo l’itinerario forlivese sulle tracce del Sommo Poeta da Porta Schiavonia, dove giungevano quanti provenivano dalla Toscana attraverso la strada che collega tuttora Forlì a Firenze e percorre la vallata dell’Acquacheta (oggi Montone) e il passo del Muraglione.
Non è perciò un caso che, sulla facciata dell’edificio sito in angolo tra viale Bologna e via Firenze, sia stata collocata una lapide, oggi per la verità un po’ sbiadita, che riporta i versi di Dante dedicati al fiume Montone che scorre pochi metri più sotto:
COME QUEL FIUME C’HA PROPRIO CAMMINO / PRIMA DAL MONTE VISO ‘NVER’ LEVANTE, / DA LA SINISTRA COSTA D’APENNINO / CHE SI CHIAMA ACQUACHETA SUSO, AVANTE / CHE SI DIVALLI GIÙ NEL BASSO LETTO, / E A FORLÌ DI QUEL NOME È VACANTE (Inferno, Canto XVI, vv. 94-99).
Occorre precisare che fino al 1356 l’accesso al Borgo di Schiavonia avveniva dalla Porta Valeriana o Liviense (posta alla fine dell’attuale via Battuti Verdi) che, attraverso un ponte non più esistente, collegava la città alla campagna di San Varano o, come sostengono gli storici antichi, Forum Livii con Livia. Essa fu chiusa proprio nel 1356 da Francesco Ordelaffi, fatto storico che privilegiò definitivamente l’accesso da Schiavonia.
Nel 1776 fu poi Innocenzo Reggiani (1742 – 1819) ad adoperarsi affinché fosse bonificata la zona fuori Porta Schiavonia, ancora segnata dall’alveo dell’antico ramo sinistro del fiume Montone. L’area attorno al corso d’acqua si presentava avallata, com’è tuttora, però incolta e le piogge contribuivano a renderla una palude pestilenziale. In questo progetto Reggiani profuse ed esaurì gran parte del proprio cospicuo patrimonio. Un tempo l’uscita dalla città, in direzione di Faenza, correva lungo l’attuale via Consolare. La via Emilia, che aggirava l’arco tracciato dal vecchio letto del fiume, da Porta Schiavonia fin verso l’attuale quartiere Cava, assunse l’odierna configurazione solo nel 1812. 

Commenta con Facebook

Marco Viroli

Scrittore, giornalista pubblicista e copywriter, è nato a Forlì nel 1961. Laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione eventi (mostre d’arte, reading, concerti, spettacoli, incontri con l’autore, ecc.) per conto di imprese ed enti pubblici. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di relazioni esterne per una fondazione di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” (la più antica manifestazione di presentazioni d’autori in Italia) e con “Forlì nel Cuore”, promotrice degli eventi che si svolgono nel centro della città romagnola. Dal 2004 è scrittore e editor per la casa editrice «Il Ponte Vecchio» di Cesena. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” sul free press settimanale «Diogene», di cui, dal 2013, è diventato direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa le campagne elettorali dei candidati del Partito Democratico Gabriele Zelli e Davide Drei, divenuti poi rispettivamente sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Nel 2019 ha supportato come ufficio stampa la campagna elettorale di Paola Casara, candidata della lista civica “Forlì cambia” al consiglio comunale di Forlì, centrando anche in questo caso l’obiettivo. Dal 2014 è addetto stampa di alcune squadre di volley femminile romagnole (Forlì e Ravenna) che hanno militato nei campionati di A1, A2 e B. Come copywriter freelance ha collaborato con alcune importanti aziende locali e nazionali. Dal 2013 al 2016 è stato consulente di PubliOne, agenzia di comunicazione integrata, e ha collaborato con altre agenzie di comunicazione del territorio. Dal 2016 al 2017 è stato consulente di MCA Events di Milano e dal 2017 collabora con Librerie.Coop. Dal 2017 è consulente Ufficio Stampa ed Eventi della catena Librerie.Coop, con sede a Bologna. È vicepresidente dell’associazione culturale Direzione 21 che da cinque anni organizza la manifestazione “Dante. Tòta la Cumégia”, volta a valorizzare il ruolo di Forlì come città dantesca e che culmina ogni anno con la lettura integrale della Divina Commedia. Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, Se incontrassi oggi l’amore. Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe Il mio amore è un’isola (2004) e Nessun motivo per essere felice (foto di N. Conti, 2007). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai Poeti romagnoli di oggi e… («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011, 2013), Sguardi dall’India (Almanacco, 2005) e Senza Fiato e Senza Fiato 2 (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: Caterina Sforza. Leonessa di Romagna (2008), Signore di Romagna. Le altre leonesse (2010), I Bentivoglio. Signori di Bologna (2011), La Rocca di Ravaldino in Forlì (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: Forlì. Guida alla città (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2012), Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2013), Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2014), I giorni che sconvolsero Forlì («Il Ponte Vecchio», 2014), Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2015), Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna («Il Ponte Vecchio», 2016), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna volume 2 («Il Ponte Vecchio», 2017); L’Oratorio di San Sebastiano. Gioiello del Rinascimento forlivese (Tip. Valbonesi, 2017), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna, vol. 3 («Il Ponte Vecchio», 2018). Nel 2014, insieme agli storici Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila. Nel 2017, con Castellari C., Novara P., Orioli M., Turchini A., ha dato alle stampe La Romagna dei castelli e delle rocche («Il Ponte Vecchio»). Nel 2018 ha pubblicato, con Marco Vallicelli e Gabriele Zelli., Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.1 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018), cui ha fatto seguito nel 2019, con gli stessi coautori, Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.2 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018). Nel 2019, ha pubblicato con Flavia Bugani e Gabriele Zelli Forlì e il Risorgimento. Itinerari attraverso la città, foto di Giorgio Liverani, (Edit Sapim, 2019). È inoltre autore delle monografie industriali: Caffo. 1915-2015. Un secolo di passione (Mondadori Electa, 2016) e Bronchi. La famiglia e un secolo di passione imprenditoriale (Ponte Vecchio, 2016). 

Dialoga con l'autore di questo post