A Ravenna “Storie in tasca – dare il nome alle stelle”, laboratorio di teatro di figura online

Nel pieno dell’emergenza sanitaria, con teatri e musei chiusi, il Teatro del Drago sta cercando, giorno dopo giorno, evento dopo evento, di continuare, pur stando nelle regole dei DPCM, ad avere una relazione con il proprio pubblico.

L’idea è quella di continuare a comunicare e a lavorare cercando di immaginare ogni possibile scenario per non perdere e non disperdere il significato dell’essere umano, per non perdere la capacità di sognare, per aiutare il teatro (attori e pubblico) a superare questo terribile momento storico. La modalità streaming live non sostituisce l’empatia e le emozioni dello spettacolo dal vivo, non potrebbe mai, ma è un diverso modo per raccontarsi e per ascoltarsi: ecco perché Le Arti della Marionetta in questa fase (26 ottobre-3 dicembre) si trasferisce su piattaforma ZOOM.  Cosi come tutte le attività del Museo La casa delle Marionette. È un lavoro di traduzione non facile, non immediato, ma la speranza è quella di tenere in vita, di far respirare, di alzare lo sguardo sulla “miseria” del momento. I bambini, meglio degli adulti, hanno la voglia e la capacità di immaginare e sognare e insieme a loro, con loro, per loro si sta creando un palinsesto teatrale online. Esperimenti, prove, progetti che cresceranno grazie alla presenza del pubblico e soprattutto grazie all’aiuto che verrà dai più piccoli.

Teatro del Drago/ Famiglia d’arte Monticelli ha iniziato a produrre spettacoli di marionette nel lontano 1840; da allora a oggi si sono avvicendati periodi di pace e di guerra (fra cui tre guerre di indipendenza e due guerre mondiali) e oggi bisogna continuare a vivere nonostante la Pandemia. Per questo si sta lavorando alacremente per produrre azioni interattive pensate per divertire ed educare le nuove generazioni e i loro genitori. 

In questo contesto un importante ruolo lo svolge il museo La casa delle Marionette, un luogo “magico”, dove immaginare una diversa realtà non risulta molto difficile, grandi e piccoli senza eccezione. Il museo che ospita la Collezione Monticelli, da novembre 2020 a marzo 2021 con piacere ha deciso di aprire le sue porte per ospitare laboratori e spettacoli dedicati al pubblico delle famiglie nella modalità che via via la situazione epidemiologica lo permetterà.

Il primo appuntamento di laboratorio dal titolo “Storie in tasca- dare il nome alle stelle” si svolgerà il 15 novembre, in due turni alle ore 11 e alle ore 16, in modalità online , e sarà dedicato al maestro Gianni Rodari, nell’anno in cui ricorre il centenario della sua nascita.

Quante stelle ci sono ancora da scoprire? Tante quante le storie che è possibile inventare. “Storie in tasca” è un evento di teatro di figura che condurrà bambini e genitori alla scoperta della poetica della meraviglia di Gianni Rodari. Le parole del maestro della fantasia faranno da filo conduttore ad attività fantasiose grazie alle quali ogni partecipante potrà dare vita al proprio personaggio-stella.

Ciascun iscritto sarà accolto da una piccola ma intensa visita guidata al museo con alcune piccole sorprese….

Il biglietto sarà comodamente acquistabile online su VivaTicket, al seguente link: https://biglietteriaonline.tm.vivaticket.com/biglietteria/listaEventiPub.do?idOwner=7978

Dopo sarà necessario scaricare la piattaforma ZOOM (gratuita) sul proprio device (tablet, computer, cellulare); il link di connessione verrà recapitato per mail o whatsapp (a seconda delle vostre necessità)- per ogni dubbio e informazione ė attiva la nostra linea  -392/6664211

I posti sono limitati (20 persone per turno).

Fascia d’età: dai 4 anni.

Durata: 50 minuti

Svolgimento: Piattaforma Online Zoom (scaricabile gratuitamente)

Costo della connessione a famiglia euro 10

Commenta con Facebook

Dialoga con l'autore di questo post