Variante, la versione di Drei

FORLI’. Il caso che quest’anno ha tenuto accesa la luce dell’attenzione, vale a dire la variante al Piano urbanistico approvata dalla giunta comunale guidata dal sindaco Gian Luca Zattini e che porterebbe alla realizzazione di un nuovo polo commerciale tra via Balzella e via Bernale ha radici relativamente lontane.

Davide Drei

Lo ha più volte detto il vicesindaco Daniele Mezzacapo portando avanti le sue idee sul progetto che dovrebbe preludere allo sbarco in Romagna di un noto marchio milanese: “Ci siamo trovati a gestire un piano realizzato dalla vecchia Amministrazione”. Insomma quella guidata da Davide Drei.

Daniele Mezzacapo

Il “Corriere Romagna”, nell’edizione di domenica 27 settembre, ha intervistato l’ex primo cittadino per capire come mai in quell’anno non ci furono polemiche come la scorsa estate. La risposta? Allora si discusse dell’intero Piano del commercio, parlando con associazioni di categoria, operatori del settore costruzioni, quartieri e non di una singola variante per un operatore specifico.

Insomma la ricetta di Drei è: se la nuova giunta ha idee diverse rispetto al 2017 dovrebbe lavorare sull’intero Piano del commercio e non su una sola variante. Drei, come già altre voci, dai politici, alle associazioni di categoria, al Comitato del no che ha organizzato la serata pubblica della scorsa settimana per far sentire la sua voce, punta il dito contro il metodo usato dall’attuale amministrazione: in piena emergenza coronavirus, senza confronto.

Drei conclude il suo intervento con un “consiglio” al suo successore: ascoltare le voci dei dissenzienti, evitare il muro contro muro, tradurre le critiche in qualcosa di costruttivo. L’ attuale situazione merita di non considerare chiusa l’ operazione. «Per intenderci, non deciderei molto in fretta». Sarà una voce ascoltata?

E voi cosa ne pensate? Dite la vostra nei commenti.

Commenta con Facebook

Dialoga con l'autore di questo post