Dovadola: sabato 8 agosto verrà ricordata Benedetta Bianchi Porro

Sarà l'ultimo giorno per firmare la petizione per chiedere che la Beata diventi patrona dei dovadolesi

Si potrà firmare fino a sabato 8 agosto 2020, la petizione per chiedere che Benedetta Bianchi Porro diventi patrona di Dovadola. Il documento sottoscritto dai dovadolesi sarà consegnato ufficialmente a mons. Livio Corazza e al sindaco Francesco Tassinari al termine della celebrazione della Santa Messa, in programma alle 18.30 dello stesso giorno, ricorrendo l’anniversario della nascita della Beata, presso il parco adiacente all’abbazia di Sant’Andrea (La Badia). 
La petizione, che sarà possibile sottoscrivere anche prima dell’inizio della funzione, avvierà di fatto le relative procedure, sia quella religiosa e sia quella civile, per far si che il 23 gennaio di ogni anno, anniversario della morte di Benedetta, diventi giorno di festa per tutta la collettività di Dovadola. Non a caso per l’organizzazione degli appuntamenti in programma l’8 agosto la parrocchia, retta da don Saverio Licari, e la Diocesi hanno coinvolto le principali realtà dovadolesi: Amministrazione comunale, Protezione Civile, Pro Loco, Gruppo di preghiera di Montepaolo.
Al termine della messa dell’8 agosto, dopo un momento di convivialità, seguirà una breve presentazione del libro “Benedetta Bianchi Porro apostola dei giovani” di Luca Vitali e Cristina Emiliani, con prefazioni di Maria Grazia Bolzoni e di Luigi Maria Epicoco, edito dalla Diocesi di Forlì-Bertinoro. Insieme agli autori interverrà il vicario generale mons. Pietro Fabbri. 
Il volume è nato dal desiderio di raggiungere i giovani e quanti si occupano di pastorale giovanile che hanno a cuore il loro cammino e la scoperta della loro missione nel mondo.
Padre Luca Vitali e Cristina Emiliani raccontano la vita della beata facendo emergere lo stile del suo apostolato centrato nella relazione, nella sua ricerca di amicizie autentiche e nel suo amore verso quanti cercavano Dio: giovani, amici, ma anche sconosciuti, rivolgendo un un’attenzione speciale soprattutto a quanti vivevano situazioni di sofferenza. Dalle pagine del libro si coglie come Benedetta abbia anticipato i tratti della chiesa che Papa Francesco vorrebbe oggi: povera e con i giovani!
Seguirà l’anteprima dello spettacolo dedicato a Benedetta proposto dalla “Compagnia Quelli della Via” che ha già realizzato il musical “Un fiore nel deserto” su Annalena Tonelli, che ha ottenuto molti consensi e un notevole successo. 

Commenta con Facebook
Marco Viroli

Marco Viroli

Scrittore, giornalista pubblicista e copywriter, è nato a Forlì nel 1961. Laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione eventi (mostre d’arte, reading, concerti, spettacoli, incontri con l’autore, ecc.) per conto di imprese ed enti pubblici. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di relazioni esterne per una fondazione di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” (la più antica manifestazione di presentazioni d’autori in Italia) e con “Forlì nel Cuore”, promotrice degli eventi che si svolgono nel centro della città romagnola. Dal 2004 è scrittore e editor per la casa editrice «Il Ponte Vecchio» di Cesena. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” sul free press settimanale «Diogene», di cui, dal 2013, è diventato direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa le campagne elettorali dei candidati del Partito Democratico Gabriele Zelli e Davide Drei, divenuti poi rispettivamente sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Nel 2019 ha supportato come ufficio stampa la campagna elettorale di Paola Casara, candidata della lista civica “Forlì cambia” al consiglio comunale di Forlì, centrando anche in questo caso l’obiettivo. Dal 2014 è addetto stampa di alcune squadre di volley femminile romagnole (Forlì e Ravenna) che hanno militato nei campionati di A1, A2 e B. Come copywriter freelance ha collaborato con alcune importanti aziende locali e nazionali. Dal 2013 al 2016 è stato consulente di PubliOne, agenzia di comunicazione integrata, e ha collaborato con altre agenzie di comunicazione del territorio. Dal 2016 al 2017 è stato consulente di MCA Events di Milano e dal 2017 collabora con Librerie.Coop. Dal 2017 è consulente Ufficio Stampa ed Eventi della catena Librerie.Coop, con sede a Bologna. È vicepresidente dell’associazione culturale Direzione 21 che da cinque anni organizza la manifestazione “Dante. Tòta la Cumégia”, volta a valorizzare il ruolo di Forlì come città dantesca e che culmina ogni anno con la lettura integrale della Divina Commedia. Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, Se incontrassi oggi l’amore. Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe Il mio amore è un’isola (2004) e Nessun motivo per essere felice (foto di N. Conti, 2007). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai Poeti romagnoli di oggi e… («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011, 2013), Sguardi dall’India (Almanacco, 2005) e Senza Fiato e Senza Fiato 2 (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: Caterina Sforza. Leonessa di Romagna (2008), Signore di Romagna. Le altre leonesse (2010), I Bentivoglio. Signori di Bologna (2011), La Rocca di Ravaldino in Forlì (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: Forlì. Guida alla città (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2012), Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2013), Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2014), I giorni che sconvolsero Forlì («Il Ponte Vecchio», 2014), Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2015), Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna («Il Ponte Vecchio», 2016), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna volume 2 («Il Ponte Vecchio», 2017); L’Oratorio di San Sebastiano. Gioiello del Rinascimento forlivese (Tip. Valbonesi, 2017), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna, vol. 3 («Il Ponte Vecchio», 2018). Nel 2014, insieme agli storici Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila. Nel 2017, con Castellari C., Novara P., Orioli M., Turchini A., ha dato alle stampe La Romagna dei castelli e delle rocche («Il Ponte Vecchio»). Nel 2018 ha pubblicato, con Marco Vallicelli e Gabriele Zelli., Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.1 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018), cui ha fatto seguito nel 2019, con gli stessi coautori, Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.2 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018). Nel 2019, ha pubblicato con Flavia Bugani e Gabriele Zelli Forlì e il Risorgimento. Itinerari attraverso la città, foto di Giorgio Liverani, (Edit Sapim, 2019). È inoltre autore delle monografie industriali: Caffo. 1915-2015. Un secolo di passione (Mondadori Electa, 2016) e Bronchi. La famiglia e un secolo di passione imprenditoriale (Ponte Vecchio, 2016). 

Dialoga con l'autore di questo post