La miss in viaggio

Debora Ardini, Miss Radiosa 2019

Attribuire al concorso di Miss Mamma un valore terapeutico è troppo. Però nel caso della  bellariese Debora Ardini, Miss Radiosa 2019, la partecipazione ha dato un grosso sostegno per  aiutarla a superare il momento forse più difficile della sua vita. Un supporto importante sul quale la vittoria finale ha inciso in modo impercettibile. Come, quando, dove e perché lo spiega la diretta interessata.

Debora Ardini

Come sono andate le cose?

“Al concorso mi sono iscritta per caso. Attraversavo un periodo buio. Forse il peggiore in assoluto. Pensai che male non mi avrebbe fatto. Quindi ho partecipato senza particolari ambizioni”

Poi?

“Innanzitutto mi sono trovata subito bene. Non a caso nascono amicizie. L’ambiente è sano e la famiglia Teti ti mette subito a tuo agio. È chiaro, c’è competizione, ma è sana”.

Aveva già sfilato?

“Qualcosa da ragazzina, ma poca roba. Poi più niente”.

Il nuovo esordio dove c’è stato?

“A Ravenna”.

Come è andata?

“Molto meglio del previsto. Mi sono emozionata, ma sfilare mi ha dato tanta autostima. Poi il successo aiuta anche perché fa piacere battere concorrenti più giovani di 15/20 anni”.

Poi la semifinale e…

“La finale con la conquista della fascia”.

Cosa ha provato quando ha sentito il suo nome?

“Tanta emozione”.

Ha pianto?

“In quel momento no. L’ho fatto quando mi hanno consegnato il calendario nel quale ero stata inserita”

Come prova di abilità cosa ha portato?

“Ho ballato con i miei figli (Aurora 16 anni e Federico 9 ndr)”.

Nella vita e cosa si occupa?

“Di viaggi. Da 25 anni sono agente presso un tour operator di Rimini. Organizziamo viaggi di gruppo. In prevalenza scolastici”.

Questo non è un momento facile.

“Direi proprio di no. Il nostro settore è stato uno dei più colpiti dalla crisi. Però piano piano ci stiamo riprendendo”.

Quali sono e sue località preferite?

“La Florida è bellissima. Mi piacciono anche gli Usa in generale. Ma sono belle anche le mete europee. È però impossibile fare una classifica. Ognuna ha una caratteristica che la rende unica”.

Col concorso continua ad avere rapporti?

“Certo. Soprattutto mi occupo del dietro le quinte. Ma se capita torno a sfilare. Mi piace, Mi fa star bene. Lo consiglio a tutte le donne. Inoltre con Paolo Teti stiamo organizzando una crociera”.

Di cosa si tratta?

“Si terrà dal 22 al 25 ottobre: Savona, Marsiglia, Barcellona e ritorno”.

La crociera è un genere di vacanza sempre più gettonato. Come la giudica?

“Una bella esperienza che almeno una volta andrebbe fatta. È un villaggio vacanze che viaggia sull’acqua e ti permette di vedere tante località”.

Nel privato è attiva?

“Mi piace molto fare sport. Ho praticato tennis e nuoto. Adesso vado a correre tutti i giorni. Parto alle sei e faccio almeno una quarantina di minuti. Non ne posso più fare a meno, soprattutto a livello mentale. Poi vado al lavoro in bicicletta: 11 chilometri all’andata e altrettanti al ritorno”.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post