Tornano i lavori nella fontana Masini

Manutenzione straordinaria per tirarla a lucido

Un progetto di manutenzione straordinaria per valorizzarne la bellezza e per tirare a lucido la monumentale fontana Masini, uno dei monumenti simbolo della città. Fu realizzata da Domenico di Montevecchio tra 1586 e 1590, su progetto di Francesco Masini, e posta al centro di Piazza del Popolo come ornamento. È l’amministrazione comunale ad annunciare i nuovi lavori (affidati alla ditta “Kairos restauro” di Forlì), di un importo complessivo di 35 mila euro, che partiranno lunedì 10 febbraio e proseguiranno fino alla loro conclusione, prevista per il prossimo mese di aprile. Per consentire l’esecuzione dei lavori, la Fontana – come avviene in queste particolari occasioni – verrà recintata senza però limitare gli spazi occupati dai commercianti ambulanti nel corso del mercato settimanale.

Il monumento, in pietra d’Istria e riccamente decorato, sarà interessato da un ampio intervento di manutenzione straordinaria che riguarderà la balaustra e l’ampia gradinata. A seguito dell’ultimo sopralluogo, nel corso del quale è stato valutato lo stato conservativo del bene, è stato stabilito che i lavori vedranno una prima fase di pulitura, con l’utilizzo di reagenti, e la ricostruzione di parti mancanti, laddove la superficie presenti piccole scheggiature.

La pulitura sarà estesa alle superfici interessate da annerimenti presenti e in corrispondenza delle aree interessate da fenomeni di erosioni, polverizzazioni e scagliature. Sulle superfici non annerite, ma ugualmente ricoperte da deposito coerente, sarà fatta invece una pulitura a secco con spazzole a setole morbide e un successivo lavaggio con getti di acqua deionizzata nebulizzata. Inoltre, nelle parti in cui la struttura presenta la superficie lapidea scheggiata e in corrispondenza di fessure e piccole crepe si procederà iniettando un prodotto a base di nano calce, costituito da particelle di calce spenta disperse in alcool. Nella fase finale poi si procederà con un trattamento prottettivo utile soprattutto sulle superfici calpestabili.

L’opera è costituita principalmente da pietra d’Istria, calcarenite di natura compatta e poco porosa. Il progetto di restauro realizzato tra il 2008 e il 2010 ha previsto la manutenzione e il restauro dell’intero apparato decorativo della fontana. Inoltre si è prestata particolare attenzione alla “compatibilità fisico-chimica” con gli antichi materiali attraverso l’impiego di prodotti che la tecnologia in quel momento offriva prendendo in considerazione la possibilità di rimuovere le integrazioni introdotte e i prodotti applicati e finalizzati all’intervento di restauro sia conservativo che estetico.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post