Anagrafe, restano i grossi problemi

Neppure gli immigrati riescono a tamponare il pesante saldo negativo naturale. Sulle nascite dati che fanno riflettere

Al 31 dicembre 2019 la popolazione residente a Cesena, compresi gli stranieri iscritti in anagrafe, conta 97.038 abitanti. La componente femminile con 50.107 cittadine (- 141 rispetto al 2018) rappresenta il 51,63% del totale. Diminuzione meno marcata nella componente maschile, 46.931 cittadini. Dopo due anni di ripresa, nel corso del 2019 si registra una flessione nella popolazione cesenate. Nell’anno appena concluso i deceduti superano i nati di 480 unità. Il saldo migratorio invece è positivo (+308) ma non sufficiente a colmare il gap. La popolazione cesenate scende di 172 unità. Sono questi alcuni degli elementi più rilevanti che emergono dal dossier sull’andamento demografico del 2019, messo a punto dall’Ufficio Statistica Associato – Unione Valle del Savio.

Il dato sulla natalità è segnato da una debole ripresa rispetto all’anno precedente: il numero dei nati a Cesena registra un aumento del 2,14%, 620 in totale (erano 661 nel 2017 e 607 nel 2018) di cui 109 stranieri (17,58% dei nati). Ci stiamo avvicinando rapidamente al minimo storico delle nascite che si registrò nei primi anni ’90 del secolo scorso, quando i nati erano scesi sotto la soglia delle 600 unità annuali.

Rispetto al 2018, si registra un lieve diminuzione dei decessi che passano da 1.106 a 1.100. Anche l’andamento del numero dei decessi a Cesena è in linea con la tendenza nazionale. Il minor numero di nati e l’aumento dei decessi determina una maggior incidenza in negativo del saldo naturale che segna -480 unità (-499 lo scorso anno). La serie negativa del saldo naturale, iniziata nel 1981 con un timido -1 e senza arresto negli anni successivi, è aumentata di anno in anno e ha toccato nel 2018 il suo massimo risultato negativo.

Dando uno sguardo al movimento migratorio invece si rileva che nel corso del 2019 sono immigrati nel Comune di Cesena 2.362 abitanti, 446 in meno rispetto al 2018. Gli immigrati di cittadinanza straniera sono 759 ( 32% del totale) con una flessione rispetto al precedente anno ( 972 nel 2018 – 1.051 nel 2017 – 940 nel 2016 – 839 nel 2015). Crescono tuttavia gli emigrati che passano da 1.859 dell’anno scorso a 2.054 (tra questi 1.463 verso altri Comuni, 367 verso Paesi esteri).

Inoltre, nel 2019 si sono celebrati 232 matrimoni (152 civili, 80 religiosi), 10 in meno rispetto al 2018. Una leggerissima inversione di tendenza che riguarda i matrimoni religiosi che interrompono il loro trend negativo passando dai 77 registrati nel 2018 agli 80 registrati nel 2019. Per il settimo anno consecutivo i matrimoni civili superano quelli religiosi. Il “tasso di nuzialità” continua ad essere molto inferiore rispetto al decennio precedente (dal 4,57 del 2000 al 2,39 matrimoni per 1.000 residenti del 2019).

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...