Risiko bancario

La situazione è tranquilla, ma non sono escluse novità

Chi fa o ha fatto il mio lavoro, spesso si trova ad ad avere a che fare con notizie che non vorrebbe mai  scrivere. Per quanto mi riguarda, una di queste è l’incendio che ha devastato lo stabilimento di Caterina Lucchi. Ho sempre considerato l’azienda di San Carlo/Borello uno dei simboli di Cesena. Non tanto per il fatturato. Per carità, quaranta milioni e oltre sono una bella cifra, ma non la inseriscono certo fra le prime dieci. Caterina Lucchi però va presa ad esempio perché è uno dei più grandi esempi di self made man, ma, soprattutto, per la capacità di innovare che è una caratteristica fondamentale per chi vuol fare azienda.

Ieri sera, mentre scorrevo le notizie che uscivano nei vari siti, oltre a rammarricarmi per quello che era successo, non ho potuto fare a meno di riscontrare che negli ultimi anni la sorte non è stata proprio benigna con l’economia cesenate. Certo, negli affari la fortuna c’entra poco, a determinare le situazioni sono le scelte umane.


Comunque, cambiano i fattori, ma il prodotto è lo stesso: nell’ultimo periodo Cesena è stata colpita da uno tsunami. Oltre al cataclisma provocato dalla grande crisi bisogna aggiungerci il crac di due banche (Brc e Cassa di Risparmio), il fallimento del Cesena calcio, le difficoltà della Trevi ed ora, l’incendio da Caterina Lucchi. Nonostante tutto il territorio è ancora brillante. Il che significa che i fondamentali erano buoni e, nonostante i problemi, lo sono ancora.

Ma come sarà il futuro? Difficile fare previsioni. Nessuno ha la sfera di cristallo. Di certo dovrebbe essere buono a livello bancario. Il Credito Cooperativo Romagnolo si sta consolidando. La situazione è tranquilla. Nessun indicatore tende al rosso e anche quelli che sono in una posizione media guardano verso l’alto e non verso il basso. l’Istituto di credito guidato da Petrini inoltre sta predisponendo l’ingresso nel gruppo Iccrea. Di fatto è già tutto deciso. Mancano solo i tempi tecnici.

Non è però escluso che questa sia la situazione definitiva. Almeno per un lustro non dovrebbe cambiare niente. Poi è possibile che si faccia un ragionamento per la creazione di una Bcc romagnola sotto l’egida di Iccrea. Un gruppo che oltre da Cesena potrebbe essere composto da Rimini e dalla Ravennate Imolese che ha incorporato anche Forlì. Ne nascerebbe una struttura importante. Ma ancora è prematuro. Al momento faticano a trovare l’accordo per suddividersi gli sportelli della ex Brc.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...