L’asterisco della discordia

Al posto del maschile o femminile. Fdi chiede chiaramenti

Una circolare del circolo didattico 2 non convince Fratelli d’Italia che chiede chiaramenti al preside. La nota.

Siamo stati particolarmente colpiti nel vedere in questi giorni circolare una lettera redatta dal Circolo didattico Cesena 2 nella quale, al fine di evitare la determinazione di genere, si preferiva inserire un asterisco al posto del maschile e femminile.
Un campanello dall’allarme che ci fa capire come questa infausta necessità  di indeterminatezza stia pervadendo la mente e anche il lessico delle nostre burocrazie. Chiediamo AL PRESIDE dell’istituto in questione di avviare un’indagine interna al fine di comprendere quale siano state le motivazioni che hanno indotto l’estensore a questo tipo di comportamento lessicale e se esistano circolari in merito oppure se la cosa sia frutto di una interpretazione personale. I bambini sono o maschi o femmine; la teoria del gender è una mostruosità che finirà ben presto dove merita di finire: nel bidone dell’immondizia della storia.

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post