Una scuola sempre più “formato famiglia”

La posizione dei Popolari per Cesena

Nell’ultimo Consiglio Comunale si è parlato della delibera della Giunta riguardante i nidi e le scuole dell’infanzia. Questa la posizione dei Popolari per Cesena.

L’assessore Carmelina Labruzzo, dei Popolari per Cesena, illustrando la delibera, ha reso noto la disponibilità dei fondi della Regione E.R. per i nidi comunali e privati-convenzionati, che permetteranno un abbattimento delle rette per le famiglie; l’Amministrazione inoltre si rende disponibile ad accompagnare le famiglie più bisognose ad accedere al bonus nido statale, che potrebbe ulteriormente alleggerire il peso economico per questo servizio.

Per quanto riguarda le scuole dell’infanzia (3-6 anni) la manovra sarà a totale carico del Comune: a differenza del nido, la scuola dell’infanzia, pur non essendo obbligatoria, facendo parte a tutti gli effetti del ciclo educativo, è servizio universale, del quale deve farsi carico l’intera collettività. Sarà unicamente richiesta alle famiglie la compartecipazione per il costo del pasto; per venire incontro alle fasce più deboli, sono previsti costi ridotti in base ai valori ISEE delle famiglie.

In risposta ad alcune accuse dell’opposizione riguardo la completa gratuità delle scuole dell’infanzia, il sindaco Enzo Lattuca, nel suo intervento, ha mostrato un articolo di stampa del dicembre 2018 in cui si riportava la proposta della nostra coalizione così come è stata presentata agli elettori: “azzerare le rette lasciando il solo costo del pasto”.

Infine l’assessore Labruzzo ha sottolineato con forza l’intenzione dell’Amministrazione di aprire un tavolo di lavoro con i gestori delle scuole paritarie dell’infanzia; un incontro è già programmato per il 29 gennaio prossimo. La delibera non vuole discriminare nessuno; il Comune di Cesena stanzia ogni anno per le scuole paritarie circa 450.000 euro, con un trend crescente (circa mille euro a bambino quest’anno). 

Per intervenire in modo omogeneo sul versante delle scuole paritarie occorre una rivisitazione delle “convenzioni” in accordo con i gestori e la FISM provinciale: un metodo che aiuta le scuole paritarie a favorire, nella trasparenza e nel rispetto di standard comuni e condivisi, l’accessibilità al servizio da parte delle famiglie che liberamente scelgono quelle scuole per i loro figli. 

Mettersi attorno ad un tavolo non significa unicamente trattare un mero incremento dei finanziamenti, ma anche (e soprattutto) valutare insieme i percorsi che le scuole paritarie seguono per favorire le famiglie nella loro scelta educativa, in relazione ai bisogni e alle criticità di cui esse possono essere portatrici (gradualità delle rette, sostegno alla disabilità, ecc.). 

Il fine deve essere sempre il bene per i nostri figli, mettendo le famiglie nella condizione di scegliere liberamente tra offerte educative e formative che siano trasparenti, qualitativamente valide e accessibili anche alle fasce più deboli.    

Nell’opposizione sono emerse le contrastanti anime incarnate dai consiglieri: da un lato critiche sulla mancata totale gratuità delle scuole dell’infanzia; dall’altro l’opportunità di spendere di meno sul fronte “rette”, accordando sconti ai soli soggetti particolarmente bisognosi. 

Noi Popolari per Cesena crediamo che di fronte al compito educativo primario ed insostituibile della famiglia nei confronti dei figli, non possano esistere “fasce di reddito”. E questo non a scapito degli investimenti sulla qualità dei servizi, che prevedono interventi mirati alle nostre scuole, già programmati dall’Amministrazione. 

Una delibera importante dunque; un altro passo nel segno della vicinanza ai cittadini lavorando per una scuola sempre più “formato famiglia”. 

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...