Multe, tolleranza zero

Su velocità, semafori e cellulare. Una delle voci principali del bilancio. Tasse immutate e molta progettazione

Automobilisti attenzione: a Cesena scatta la tolleranza zero su velocità, passaggio col rosso al semaforo e guidare parlando al cellulare. I controlli saranno fatti con strumenti elettronici.  L’auto della polizia municipale sarà dotata dell’autovelox mobile e ai semafori arriveranno le telecamere. È una delle principali novità del bilancio. La manovra alla voce multe prevede un aumento del gettito di un milione e ottocentomila euro, passando da tre milioni a 4,8. Il calcolo è stato possibile elaborando i dati dei Comuni vicini che si sono dotati di questi strumenti. La filosofia è: tasseremo i maleducati per finanziare l’educazione. Lo slogan è indovinato, ma è facile immaginare che ci sarà polemica. Non è previsto un aumento di gettito per il divieto di sosta.

Camillo Acerbi

L’operazione sulle multe è una delle voci principali del bilancio del Comune. Una “ditta” che continua a fatturare attorno ai cento milioni di euro. Camillo Acerbi, uomo dei numeri, e il sindaco partivano da una buona base. Il bilancio di palazzo Albornoz è sempre stato buono. E si sono mossi sulla falsariga del precedente. L’indebitamento è rimasto basso. Praticamente immutato. C’è un leggero aumento dell’utilizzo dei mutui, giustificato dai bassi tassi di interesse. Identica anche la politica degli accantonamenti. Ferma anche la tassazione, scelta apprezzata dalle categorie. “È la più bassa tra i Comuni capoluogo dell’Emilia Romagna” hanno detto Lattuca e Acerbi con una punta di orgoglio.

Castorri, Lattuca e Acerbi

Se la cornice è invariata, non altrettanto si può dire per il quadro. C’è un’impronta nuova dettata dal programma del sindaco. Del resto, è notorio, che il primo bilancio è quello che traccia il solco della legislatura. “C’è un albero sano in cui innestiamo i nostri progetti” ha detto il sindaco che di sicuro questa frase l’aveva studiata bene.

I tratti distintivi sono la gratuità delle rette delle materne, l’impegno sulle manutenzioni stradali, l’aumento delle disponibilità per la manutenzione del verde pubblico, l’intervento nelle scuole, una all’anno (si partirà da San Vittore), gli oltre quattro milioni per la casa della musica (2021), la mobilità sostenibile. Per quest’ultima si partirà con la realizzazione della ciclabile Diegaro/Torre del Moro, opera attesa da tempo. In contemporanea partirà la progettazione, affidata all’assessorato guidato da Castorri, della bicipolitana che  comprenderà anche la velostazione. In questo caso i tempi di realizzazione delle opere non sono previsti.

Christian Castorri

Comunque andrà inserita alla voce “produrre progettazione” sulla quale il sindaco punta parecchio. Ha detto che vuole riempire i cassetti di progetti che non è detto che saranno realizzati in questa legislatura. La sua idea è andare oltre l’ordinario e impostare la città del futuro. Questo non lo ha detto, ma lo ha fatto capire.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...