Senza identità si va a sbattere

La giunta Lattuca ce l'ha. Il governo Conte no

Senza identità non si va da nessuna parte. Questo vale per tutti i settori: dall’economia alla politica. Uno degli esempi più classici è il Foro Annonario: era stato fatto un buon lavoro di recupero, ma creando un arlecchino senza anima. Non poteva funzionare e così è stato. Poi gli è stata data un’anima ed è tornato ad essere un punto d’incontro. Gli esempi potrebbero essere tanti. Certo, non è automatico che tutto funzioni. Anche alcune scelte identitarie possono essere sbagliate ed allora l’iniziativa va a rotoli. Ma, senza un progetto chiaro il crac è sicuro.


Giuseppe Conte

Se il sostantivo (identità) lo decliniamo in politica possiamo prendere due esempi. Uno negativo (governo nazionale) e uno positivo (governo di Cesena). Lattuca e soci propongono un governo di sinistra. Può piacere o no, ma la scelta è chiara. La decisione di cancellare le rette delle materne va in quella direzione. È uno degli esempi più chiari. Perché il sindaco parte da un presupposto: la scuola materna è ormai considerabile un servizio universale, una scuola come tutte le altre e, dunque, deve essere gratuita per tutte le famiglie, in modo da permettere un percorso scolastico lineare e complementare a tutti i bambini e un aiuto alle famiglie che ne volessero usufruire.

Lo stesso non si può dire per il governo nazionale. Più che un cocktail è una somma algebrica. Una fusione fredda che non può funzionare come non aveva funzionato l’alleanza fra Lega e 5Stelle. Adesso tutti si meravigliano per le polemiche fra alleati, ma sembra si siano dimenticati i continui scontri che hanno caratterizzato la breve vita del governo Lega/5Stelle. 


Enzo Lattuca

È vero che la politica è l’arte del compromesso. Ma a tutto c’è un limite. Non si possono unire il diavolo e l’acqua santa. Peppone e Don Camillo avevano lo stesso obiettivo: il bene del territorio (Brescello), ma ci volevano arrivare seguendo percorsi differenti disegnati da visioni opposte. In alcuni casi potevano trovare una sintesi, ma spesso erano su posizioni contrarie, inconciliabili.

Così è per l’attuale governo come lo era per quello precedente. Ora Pd e 5Stelle hanno visioni completamente diverse su come gestire e orientare la cosa pubblica. Sono talmente distanti che difficilmente possono essere conciliabili. Questo non vuol dire che il governo cadrà domani o dopodomani. Ma, se anche andasse avanti, questo guazzabuglio vanificherebbe anche il buono che sarà fatto. 

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...